Kanye-Yeezus
Kanye West

Yeezus

Def Jam/Universal
7

(Prima parte, recensione normale&banale) Lavoro piuttosto interessante per Kanye West, che dimostra di avere sufficiente personalità per non restare intrappolato nelle meschine e suadenti secche dell’hip hop commerciale, pur non ripudiandolo in toto. Qua e là si raccattano voci vocoderate, trombette da stadio, cose così, ma sono doverosi insert di un artista molto attento nei confronti di ciò che gli succede attorno. L’aspetto positivo è però che in Yeezus c’è in realtà di tutto: ci sono infatti anche molti elementi storti, imprevedibili, anche sonoramente antipatici, roba che non farebbe strano trovare in un album degli Antipop Consortium, giusto per dire; o elementi vintage; o altri imprevedibili. Un insieme che è molto equilibrato perché, se è vero che il rap del protagonista resta sempre in primo piano, ci sono più diluizioni atmosferiche e un numero ben meditato di parti cantate. Poteva venire fuori un pastrocchio, invece è un album compatto, a fuoco, consistente anche nel rap. Di sicuro migliore del precedente, il troppo ambizioso My Beautiful Dark Twisted Fantasy, e meglio anche del Watch The Throne macina-numeri architettato con Jay-Z. Non avrà la freschezza degli esordi, West, ma l’ha sostituita con una maturità non banale, non passatista, in certi passaggi addirittura coraggiosa.

(Seconda parte, recensione de core) Fighetti di tutto il mondo, avete rotto il cazzo con questo incensamento di Kanye West. Voi, voi che spacciate questo Yeezus per capolavoro – spalleggiati dal 9.5 di “Pitchfork”, ah be’ – palesemente non siete qua per la musica, no, ma per qualche rivista di moda dove giocare, ora, a fare gli esperti&amici della black music che vince e domina perché dà un sacco di punti-credibilità. Non ce l’avrete mai, la credibilità. Se ce l’aveste, direste che questo è un disco carino, giustamente furbetto (rubando da TNGHT il rubabile, per essere gggiovani), anche intenso in alcune parti, ma niente di più. Genialità, zero. Mestiere, più che buono.

Pubblicato sul Mucchio 708/709

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...