Kanye-Yeezus
Kanye West

Yeezus

Def Jam/Universal
7

(Prima parte, recensione normale&banale) Lavoro piuttosto interessante per Kanye West, che dimostra di avere sufficiente personalità per non restare intrappolato nelle meschine e suadenti secche dell’hip hop commerciale, pur non ripudiandolo in toto. Qua e là si raccattano voci vocoderate, trombette da stadio, cose così, ma sono doverosi insert di un artista molto attento nei confronti di ciò che gli succede attorno. L’aspetto positivo è però che in Yeezus c’è in realtà di tutto: ci sono infatti anche molti elementi storti, imprevedibili, anche sonoramente antipatici, roba che non farebbe strano trovare in un album degli Antipop Consortium, giusto per dire; o elementi vintage; o altri imprevedibili. Un insieme che è molto equilibrato perché, se è vero che il rap del protagonista resta sempre in primo piano, ci sono più diluizioni atmosferiche e un numero ben meditato di parti cantate. Poteva venire fuori un pastrocchio, invece è un album compatto, a fuoco, consistente anche nel rap. Di sicuro migliore del precedente, il troppo ambizioso My Beautiful Dark Twisted Fantasy, e meglio anche del Watch The Throne macina-numeri architettato con Jay-Z. Non avrà la freschezza degli esordi, West, ma l’ha sostituita con una maturità non banale, non passatista, in certi passaggi addirittura coraggiosa.

(Seconda parte, recensione de core) Fighetti di tutto il mondo, avete rotto il cazzo con questo incensamento di Kanye West. Voi, voi che spacciate questo Yeezus per capolavoro – spalleggiati dal 9.5 di “Pitchfork”, ah be’ – palesemente non siete qua per la musica, no, ma per qualche rivista di moda dove giocare, ora, a fare gli esperti&amici della black music che vince e domina perché dà un sacco di punti-credibilità. Non ce l’avrete mai, la credibilità. Se ce l’aveste, direste che questo è un disco carino, giustamente furbetto (rubando da TNGHT il rubabile, per essere gggiovani), anche intenso in alcune parti, ma niente di più. Genialità, zero. Mestiere, più che buono.

Pubblicato sul Mucchio 708/709

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...