VELOCIRAPTOR!
Columbia/Sony

I Kasabian sono la quintessenza del pop britannico – provate a defossilizzare gli Oasis calandoli nella modernità… – e assecondano una grandeur sbruffoncella che talvolta tracima in soluzioni pacchiane.
In pratica avrebbero tutte le carte in regola per non piacerci, ma innato talento melodico e propensione psichedelica alla contaminazione sono caratteristiche da applaudire a priori nella musica appetibile sia dagli appassionati sia dalle masse. Prodotto ancora una volta con l’efficace Dan The Automator, Velociraptor! simboleggia nel titolo un certo spirito di branco e prende le mosse dal precedente, sottostimato West Ryder Pauper Lunatic Asylum, che amplificava l’affinità con Primal Scream e primi Kula Shaker, ma si differenzia nell’optare per una ritrovata immediatezza utile in passato per trainare l’omonimo esordio e il meno convincente Empire.
Sembrerebbe impossibile far confluire nello stesso disco pezzi rock striati di hip hop (gli infettivi singoli Days Are Forgotten e Switchblade Smiles, l’aggressività filo-horror della title track o una Re-wired che pompa senza rinunciare alle orchestrazioni) e ballad dal retrogusto bacharachiano (Goodbye Kiss, La Fée Verte), intro epiche che farebbero l’invidia dei Muse (Let’s Roll Just Like We Used To) ed episodi che strizzano l’occhio al cantautorato classico (Man Of Simple Pleasures). La band del Leicestershire, però, ci riesce e fa sembrare desueti molti dei colleghi della stessa area, mentre il range delle ispirazioni va dai Led Zeppelin più esotici (Acid Turkish Bath, tra acustiche western ed elettronica stoned) ai Daft Punk (I Hear Voices, ideale per i club) sino a un pertinente incrocio fra Pink Floyd e Chemical Brothers (la multiforme Neon Noon). Il fatto che Tom Meighan, Serge Pizzorno e soci non giochino di fino ma entrino subito in tackle – appartengano alla categoria dei Paul Gascoigne anziché a quella dei David Beckham, tanto per intendersi – dovrebbe in fondo renderceli ancora più simpatici.

Tratto dal Mucchio n° 687

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...