VELOCIRAPTOR!
Columbia/Sony

I Kasabian sono la quintessenza del pop britannico – provate a defossilizzare gli Oasis calandoli nella modernità… – e assecondano una grandeur sbruffoncella che talvolta tracima in soluzioni pacchiane.
In pratica avrebbero tutte le carte in regola per non piacerci, ma innato talento melodico e propensione psichedelica alla contaminazione sono caratteristiche da applaudire a priori nella musica appetibile sia dagli appassionati sia dalle masse. Prodotto ancora una volta con l’efficace Dan The Automator, Velociraptor! simboleggia nel titolo un certo spirito di branco e prende le mosse dal precedente, sottostimato West Ryder Pauper Lunatic Asylum, che amplificava l’affinità con Primal Scream e primi Kula Shaker, ma si differenzia nell’optare per una ritrovata immediatezza utile in passato per trainare l’omonimo esordio e il meno convincente Empire.
Sembrerebbe impossibile far confluire nello stesso disco pezzi rock striati di hip hop (gli infettivi singoli Days Are Forgotten e Switchblade Smiles, l’aggressività filo-horror della title track o una Re-wired che pompa senza rinunciare alle orchestrazioni) e ballad dal retrogusto bacharachiano (Goodbye Kiss, La Fée Verte), intro epiche che farebbero l’invidia dei Muse (Let’s Roll Just Like We Used To) ed episodi che strizzano l’occhio al cantautorato classico (Man Of Simple Pleasures). La band del Leicestershire, però, ci riesce e fa sembrare desueti molti dei colleghi della stessa area, mentre il range delle ispirazioni va dai Led Zeppelin più esotici (Acid Turkish Bath, tra acustiche western ed elettronica stoned) ai Daft Punk (I Hear Voices, ideale per i club) sino a un pertinente incrocio fra Pink Floyd e Chemical Brothers (la multiforme Neon Noon). Il fatto che Tom Meighan, Serge Pizzorno e soci non giochino di fino ma entrino subito in tackle – appartengano alla categoria dei Paul Gascoigne anziché a quella dei David Beckham, tanto per intendersi – dovrebbe in fondo renderceli ancora più simpatici.

Tratto dal Mucchio n° 687

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...