VELOCIRAPTOR!
Columbia/Sony

I Kasabian sono la quintessenza del pop britannico – provate a defossilizzare gli Oasis calandoli nella modernità… – e assecondano una grandeur sbruffoncella che talvolta tracima in soluzioni pacchiane.
In pratica avrebbero tutte le carte in regola per non piacerci, ma innato talento melodico e propensione psichedelica alla contaminazione sono caratteristiche da applaudire a priori nella musica appetibile sia dagli appassionati sia dalle masse. Prodotto ancora una volta con l’efficace Dan The Automator, Velociraptor! simboleggia nel titolo un certo spirito di branco e prende le mosse dal precedente, sottostimato West Ryder Pauper Lunatic Asylum, che amplificava l’affinità con Primal Scream e primi Kula Shaker, ma si differenzia nell’optare per una ritrovata immediatezza utile in passato per trainare l’omonimo esordio e il meno convincente Empire.
Sembrerebbe impossibile far confluire nello stesso disco pezzi rock striati di hip hop (gli infettivi singoli Days Are Forgotten e Switchblade Smiles, l’aggressività filo-horror della title track o una Re-wired che pompa senza rinunciare alle orchestrazioni) e ballad dal retrogusto bacharachiano (Goodbye Kiss, La Fée Verte), intro epiche che farebbero l’invidia dei Muse (Let’s Roll Just Like We Used To) ed episodi che strizzano l’occhio al cantautorato classico (Man Of Simple Pleasures). La band del Leicestershire, però, ci riesce e fa sembrare desueti molti dei colleghi della stessa area, mentre il range delle ispirazioni va dai Led Zeppelin più esotici (Acid Turkish Bath, tra acustiche western ed elettronica stoned) ai Daft Punk (I Hear Voices, ideale per i club) sino a un pertinente incrocio fra Pink Floyd e Chemical Brothers (la multiforme Neon Noon). Il fatto che Tom Meighan, Serge Pizzorno e soci non giochino di fino ma entrino subito in tackle – appartengano alla categoria dei Paul Gascoigne anziché a quella dei David Beckham, tanto per intendersi – dovrebbe in fondo renderceli ancora più simpatici.

Tratto dal Mucchio n° 687

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...