Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

Caroline/Fiction/Universal
8.5

Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers at the windowsill, little breeze fluttering the petals as they stare out at the city streets”. Londra, 4:18 del mattino. L’alba non è ancora arrivata, indolente e trasandata, sui quartieri popolari dell’Est. In una council house, una donna non riesce a dormire. Nella luce smorta della notte i suoi occhi inquieti colgono la poesia squallida di quei petali mossi da una brezza leggera. “Gemma is awake [], street lights float slowly through the broken blinds”. Altrove in città qualcuno è sveglio come Gemma. Sette appartamenti, sette personaggi alla deriva, istantanee prese nello stesso istante: ecco i protagonisti del secondo lavoro della trentunenne londinese. Autrice di poesie, drammaturgie e di un romanzo, dopo un album d’esordio piovuto come un meteorite, Kate Tempest deve essere ormai considerata come una delle voci fondamentali del vitale mondo dell’arte popular d’Oltremanica.

Poesia e spoken word sono incastonate in metrica hip hop e sostenute ancora una volta dai beat di Dan Carey. L’anatomia della solitudine di Edward Hopper è traslata in un’Inghilterra dove “still we are Cameron victims”, dove ogni giorno porta “another chance to turn your face away from pain”. Né disperazione né rassegnazione, ma sobrio realismo. “Peace, or at least the absence of war… Picture the world, older than she ever thought she’d get”: questo mondo sopravvive anche alle proprie attese ed è già qualcosa, anche se lentamente, inesorabilmente, cambia; e non per forza per il meglio: “The landlord never fixed the shower an a mould kept growing up the kitchen walls; he’ll do it up nice now, sure, repaint it and triple the rent; she’s only got a few hours to get the room all packed and clean… it’s 4:18”. Forse, seppure non inventata dal nulla (viene in mente Mike Skinner), la sua arte è insieme al grime una delle cose più interessanti uscite da Londra negli ultimi dieci anni.

Commenti

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...