Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

Caroline/Fiction/Universal
8.5

Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers at the windowsill, little breeze fluttering the petals as they stare out at the city streets”. Londra, 4:18 del mattino. L’alba non è ancora arrivata, indolente e trasandata, sui quartieri popolari dell’Est. In una council house, una donna non riesce a dormire. Nella luce smorta della notte i suoi occhi inquieti colgono la poesia squallida di quei petali mossi da una brezza leggera. “Gemma is awake [], street lights float slowly through the broken blinds”. Altrove in città qualcuno è sveglio come Gemma. Sette appartamenti, sette personaggi alla deriva, istantanee prese nello stesso istante: ecco i protagonisti del secondo lavoro della trentunenne londinese. Autrice di poesie, drammaturgie e di un romanzo, dopo un album d’esordio piovuto come un meteorite, Kate Tempest deve essere ormai considerata come una delle voci fondamentali del vitale mondo dell’arte popular d’Oltremanica.

Poesia e spoken word sono incastonate in metrica hip hop e sostenute ancora una volta dai beat di Dan Carey. L’anatomia della solitudine di Edward Hopper è traslata in un’Inghilterra dove “still we are Cameron victims”, dove ogni giorno porta “another chance to turn your face away from pain”. Né disperazione né rassegnazione, ma sobrio realismo. “Peace, or at least the absence of war… Picture the world, older than she ever thought she’d get”: questo mondo sopravvive anche alle proprie attese ed è già qualcosa, anche se lentamente, inesorabilmente, cambia; e non per forza per il meglio: “The landlord never fixed the shower an a mould kept growing up the kitchen walls; he’ll do it up nice now, sure, repaint it and triple the rent; she’s only got a few hours to get the room all packed and clean… it’s 4:18”. Forse, seppure non inventata dal nulla (viene in mente Mike Skinner), la sua arte è insieme al grime una delle cose più interessanti uscite da Londra negli ultimi dieci anni.

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...