Lloyd Miller – The Heliocentrics
Strut/Audioglobe

Continua l’entusiasmante percorso formativo “pubblico” degli Heliocentrics, e anche questa volta il confronto avviene con un personaggio lontano dai canoni e molto difficile da incasellare. Dopo il fortunato (in tutti i sensi) sodalizio con Mulatu Astatke dello scorso anno, il gruppo britannico si è trasferito idealmente in Medio Oriente e si è imbattuto in Lloyd Miller, classe 1938, multistrumentista e compositore originario di New Orleans innamoratosi dell’antica tradizione musicale persiana al punto da ottenere, negli anni Settanta, dopo lunghi periodi di studio in Iran e in giro per l’Asia, la conduzione di una trasmissione televisiva sulla musica trasmessa da una rete di Teheran. Autore di quello che viene considerato uno dei capisaldi del jazz contaminato, “Oriental Jazz”, in un momento, gli anni 60, in cui il termine world music non era neppure stato immaginato, Miller – che a leggere in giro non è certo tipo che si concede a tutti – ha accettato ben volentieri di sottoporre le proprie composizioni a cura “eliocentrica”.
Il risultato è come sempre ricco e denso, anche se questa volta l’ensemble britannico spinge poco su certi echi psichedelici ed “espansivi” preferendo invece assecondare – con estrema classe e consueto piglio ritmico – la visione di un jazz universale e ricchissimo di spezie, e tuttavia fuori dal tempo, portata avanti da Miller. Ne esce fuori un ritratto “mosso” ma in qualche modo immerso in una compostezza classica, che ricorre a strumenti tradizionali dell’area asiatica ma si diverte anche a escogitare brani come “Lloyd Lets Loose”, in cui il monologo parlato si incastona perfettamente in percussioni, contrabbasso e pianoforte, dando poi il meglio in pezzi come “Rain Dance”, dove un ritmo mosso, irregolare e incalzante, puntellato da archi sinuosi e sitar, manifesta una esuberanza che rinfranca, lontanissima dalla resa calligrafica. Operazione ampiamente riuscita, anche questa volta.

tratto dal Mucchio n° 672/673

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...