Lloyd Miller – The Heliocentrics
Strut/Audioglobe

Continua l’entusiasmante percorso formativo “pubblico” degli Heliocentrics, e anche questa volta il confronto avviene con un personaggio lontano dai canoni e molto difficile da incasellare. Dopo il fortunato (in tutti i sensi) sodalizio con Mulatu Astatke dello scorso anno, il gruppo britannico si è trasferito idealmente in Medio Oriente e si è imbattuto in Lloyd Miller, classe 1938, multistrumentista e compositore originario di New Orleans innamoratosi dell’antica tradizione musicale persiana al punto da ottenere, negli anni Settanta, dopo lunghi periodi di studio in Iran e in giro per l’Asia, la conduzione di una trasmissione televisiva sulla musica trasmessa da una rete di Teheran. Autore di quello che viene considerato uno dei capisaldi del jazz contaminato, “Oriental Jazz”, in un momento, gli anni 60, in cui il termine world music non era neppure stato immaginato, Miller – che a leggere in giro non è certo tipo che si concede a tutti – ha accettato ben volentieri di sottoporre le proprie composizioni a cura “eliocentrica”.
Il risultato è come sempre ricco e denso, anche se questa volta l’ensemble britannico spinge poco su certi echi psichedelici ed “espansivi” preferendo invece assecondare – con estrema classe e consueto piglio ritmico – la visione di un jazz universale e ricchissimo di spezie, e tuttavia fuori dal tempo, portata avanti da Miller. Ne esce fuori un ritratto “mosso” ma in qualche modo immerso in una compostezza classica, che ricorre a strumenti tradizionali dell’area asiatica ma si diverte anche a escogitare brani come “Lloyd Lets Loose”, in cui il monologo parlato si incastona perfettamente in percussioni, contrabbasso e pianoforte, dando poi il meglio in pezzi come “Rain Dance”, dove un ritmo mosso, irregolare e incalzante, puntellato da archi sinuosi e sitar, manifesta una esuberanza che rinfranca, lontanissima dalla resa calligrafica. Operazione ampiamente riuscita, anche questa volta.

tratto dal Mucchio n° 672/673

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...