Lloyd Miller – The Heliocentrics
Strut/Audioglobe

Continua l’entusiasmante percorso formativo “pubblico” degli Heliocentrics, e anche questa volta il confronto avviene con un personaggio lontano dai canoni e molto difficile da incasellare. Dopo il fortunato (in tutti i sensi) sodalizio con Mulatu Astatke dello scorso anno, il gruppo britannico si è trasferito idealmente in Medio Oriente e si è imbattuto in Lloyd Miller, classe 1938, multistrumentista e compositore originario di New Orleans innamoratosi dell’antica tradizione musicale persiana al punto da ottenere, negli anni Settanta, dopo lunghi periodi di studio in Iran e in giro per l’Asia, la conduzione di una trasmissione televisiva sulla musica trasmessa da una rete di Teheran. Autore di quello che viene considerato uno dei capisaldi del jazz contaminato, “Oriental Jazz”, in un momento, gli anni 60, in cui il termine world music non era neppure stato immaginato, Miller – che a leggere in giro non è certo tipo che si concede a tutti – ha accettato ben volentieri di sottoporre le proprie composizioni a cura “eliocentrica”.
Il risultato è come sempre ricco e denso, anche se questa volta l’ensemble britannico spinge poco su certi echi psichedelici ed “espansivi” preferendo invece assecondare – con estrema classe e consueto piglio ritmico – la visione di un jazz universale e ricchissimo di spezie, e tuttavia fuori dal tempo, portata avanti da Miller. Ne esce fuori un ritratto “mosso” ma in qualche modo immerso in una compostezza classica, che ricorre a strumenti tradizionali dell’area asiatica ma si diverte anche a escogitare brani come “Lloyd Lets Loose”, in cui il monologo parlato si incastona perfettamente in percussioni, contrabbasso e pianoforte, dando poi il meglio in pezzi come “Rain Dance”, dove un ritmo mosso, irregolare e incalzante, puntellato da archi sinuosi e sitar, manifesta una esuberanza che rinfranca, lontanissima dalla resa calligrafica. Operazione ampiamente riuscita, anche questa volta.

tratto dal Mucchio n° 672/673

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...