LIVING ROOM SONGS / ANOTHER HAPPY DAY O.S.T.
(Erased Tapes)

A soli venticinque anni, l’islandese Ölofur Arnalds vanta già un curriculum di tutto rispetto: un apprendistato adolescenziale come batterista nell’ambito del circuito hardcore e metal locale, e poi, a partire dal 2007, concentratosi su pianoforte e composizione, due album e tre ep, uno dei quali contenente le musiche scritte per il balletto “Dyad 1909”. Non basta: sono da poco sugli scaffali un altro ep, “Living Room Songs”, e la sua prima colonna sonora, “Another Happy Days”, commento musicale dell’omonimo debutto alla regia di Sam Levinson, migliore sceneggiatura allo scorso Sundance Festival.
Tra i nomi più in vista della scena classica contemporanea meno ortodossa (il marchio Erased Tapes sulla sua discografia è una garanzia in tal senso), Arnalds declina una “chamber music” in perenne sottrazione, talvolta lievemente disturbata da coloriture elettroniche, il più delle volte affidata ai soli pianoforte e archi. “Living Room Songs” riprende lo schema compositivo già sperimentato in “Found Songs” del 2009, ovvero sette composizioni composte e incise nell’arco di una settimana nel soggiorno di casa a Mosfellsbær, nei pressi di Reykjavik, con l’irruzione di quasi impercettibili rumori ambientali in uno
spazio sonoro creato dal ciclico intreccio degli strumenti (unica eccezione: increspature elettroniche che movimentano “Near Light”). I nove frammenti di “Another Happy Day” mostrano una varietà di forme appena più marcata, con un pianoforte ancora meno invasivo e archi che sembrano letteralmente emergere dal silenzio, fino al crescendo suggestivo e incalzante della conclusiva “Everything Must Change”, dove strumenti e sequenze digitali vengono utilizzate in chiave prettamente ritmica.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...