5
Strata

Di solito, il gruppo che dopo una (semi)lunga carriera nelle major si autoproduce non offre una prova artistica convincente. Perché a gestirsi all’improvviso in autonomia si capisce quanto fosse comodo avere alle spalle un’etichetta che pagasse le bollette, prenotasse gli studi, mandasse qualcuno – stipendiandolo – a darti una mano. Non raccontiamoci balle: la voglia di essere indipendenti, di fare da soli, di non avere condizionamenti… può avere senso se sei i Radiohead, altrimenti è un indorare la pillola. Altrimenti sei tu che cerchi di nasconder(ti) la verità che non ti vogliono più. Almeno non come prima. Un alone di negatività che in filigrana corrode l’ispirazione, indebolisce le soluzioni sonore, confonde le idee nei testi. Ecco: 5 dei Lamb non è tutto questo. È davvero l’eccezione che conferma la regola. Ha bisogno di alcuni ascolti, questo sì: perché la prima impressione è che sia più che discreto, ma meno incisivo rispetto agli episodi migliori firmati da Lou e Andy. Verso il terzo giro capisci però che è solo maggiore maturità. Meno ansia e urgenza di stupire. Vero, non ci sono picchi, non c’è una Cotton Wool (una delle canzoni più perfette di tutti i tempi) o non c’è un “filotto” pazzesco come quello che apriva Fear Of Fours (accidenti, sono già trascorsi dodici anni…), ma al tempo stesso mancano anche le cadute di tono e i brani troppo involuti che in passato negli album targati Lamb erano purtroppo una costante. I due non si sforzano di cambiare suono o di risultare ipercontemporanei: non ne hanno bisogno, perché ai loro esordi erano dieci anni avanti a tutti (tutti ad ascoltare la voce di Lou e le melodie, nessuno a capire quanto geniali e in anticipo sui tempi fossero le architetture sonore e il modo di fondere digitale con analogico), e ora possono quindi vivere di rendita. La cura produttiva è altissima, il mixaggio perfetto. Quindi? Quattro stelle: una è un bonus per il discorso di cui ad inizio recensione.

tratto dal Mucchio n°683

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...