LO.DD.AW.indd
Land Observations

The Grand Tour

Mute/Self
4

“Indescrivibile” è parola traditrice. Si definisce così ciò che risulta impossibile o difficile da descrivere a parole, ma col tempo ci siamo abituati a usarla nella sola accezione positiva: “il disco è di una bellezza indescrivibile e pure le tue tette non se la passano male”. Il secondo album di Land Observations, al secolo James Brooks (ex-chitarrista negli Appliance), è di fatto materiale su cui risulta difficile spendere troppe parole. Indescrivibile, ma nella sua accezione peggiore. Come nei precedenti Roman Roads EP (2011) e Roman Roads IV-XI (2012) ma privato dell’effetto sorpresa, in The Grand Tour si affida alla chitarra il compito di disegnare spazi e architetture caratteristici del viaggio iniziatico tanto in voga nel XVIII secolo (il Grand Tour per l’appunto), appannaggio di giovani facoltosi alla scoperta dei tesori europei (di tali esperienze se ne trovano tracce in molti romanzi, da Forster al Goethe di Viaggio In Italia). Le strade di Vienna, la tratta Nizza-Torino, il Passo del Brennero, Ravenna… Ascoltando le tracce, viene tuttavia da chiedersi con quali occhi le abbia potute osservare l’artista. Non con i propri e nemmeno usando eccessiva fantasia. L’ossessività delle note e la ripetitività dei brani rendono ciascun territorio una indistinta terra di nessuno. Qualcuno gli dica di scattare foto. Durano più a lungo.

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...