JULY FLAME
Bella Union/Self

È impossibile non provare simpatia per Laura Veirs, in passato studente di geologia e lingua cinese e adesso una delle migliori musiciste americane, avulsa da scene e scenette e concentrata unicamente sulla rifinitura delle proprie canzoni. Già definito da Colin Meloy degli amici Decemberists come “il miglior album del 2010”, July Flame imbocca una strada ben precisa: quella di un folk raffinato, intimista e bucolico, che non lesina comunque in dettagli fuori dall’ordinario. Armata di semplicità e passione, la songwriter è approdata alla stessa etichetta dei Fleet Foxes e ha composto la maggior parte del materiale con una chitarra dalle corde di nylon, nel fienile dietro alla sua casa di Portland. Prodotto come sempre dal batterista e attuale compagno Tucker Martine, questo settimo lavoro di studio presenta però notevoli differenze rispetto ai suoi immediati predecessori, il più melodico Year Of Meteors del 2005 e il movimentato gioiellino Saltbreakers del 2007: nonostante il chitarrista/bassista Karl Blau e il pianista/tastierista Steve Moore compaiano in diverse occasioni, la fidata band si defila in favore di Jim James dei My Morning Jacket al microfono per cori e controcanti, dell’improvvisatrice Eyvind Kang alla viola e di un sontuoso quartetto d’archi, presente in tre pezzi e arrangiato da Stephen Barber (David Byrne, Ornette Coleman). Atmosfere solari e testi ricchi di metafore sulla natura sono in ammaliante contrasto con una tensione palpabile, alimentata da cantato magnetico e sapiente fingerpicking. I tredici brani in scaletta, di gran gusto nella forma e robusti nella sostanza, fluttuano in uno spazio atemporale e avrebbero potuto suonare credibili ieri così come lo suonano perfettamente oggi. Basta prendere in esame la meravigliosa title track per appurare che ogni cliché di genere è aggirato in virtù dell’ispirazione di un’artista in crescita vertiginosa, che nel suo campo d’azione non ha più niente da dimostrare a nessuno. Un’artista che è passata dall’essere un fenomeno di culto ad affermarsi come un piccolo classico contemporaneo.

tratto dal Mucchio n°666

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...