JULY FLAME
Bella Union/Self

È impossibile non provare simpatia per Laura Veirs, in passato studente di geologia e lingua cinese e adesso una delle migliori musiciste americane, avulsa da scene e scenette e concentrata unicamente sulla rifinitura delle proprie canzoni. Già definito da Colin Meloy degli amici Decemberists come “il miglior album del 2010”, July Flame imbocca una strada ben precisa: quella di un folk raffinato, intimista e bucolico, che non lesina comunque in dettagli fuori dall’ordinario. Armata di semplicità e passione, la songwriter è approdata alla stessa etichetta dei Fleet Foxes e ha composto la maggior parte del materiale con una chitarra dalle corde di nylon, nel fienile dietro alla sua casa di Portland. Prodotto come sempre dal batterista e attuale compagno Tucker Martine, questo settimo lavoro di studio presenta però notevoli differenze rispetto ai suoi immediati predecessori, il più melodico Year Of Meteors del 2005 e il movimentato gioiellino Saltbreakers del 2007: nonostante il chitarrista/bassista Karl Blau e il pianista/tastierista Steve Moore compaiano in diverse occasioni, la fidata band si defila in favore di Jim James dei My Morning Jacket al microfono per cori e controcanti, dell’improvvisatrice Eyvind Kang alla viola e di un sontuoso quartetto d’archi, presente in tre pezzi e arrangiato da Stephen Barber (David Byrne, Ornette Coleman). Atmosfere solari e testi ricchi di metafore sulla natura sono in ammaliante contrasto con una tensione palpabile, alimentata da cantato magnetico e sapiente fingerpicking. I tredici brani in scaletta, di gran gusto nella forma e robusti nella sostanza, fluttuano in uno spazio atemporale e avrebbero potuto suonare credibili ieri così come lo suonano perfettamente oggi. Basta prendere in esame la meravigliosa title track per appurare che ogni cliché di genere è aggirato in virtù dell’ispirazione di un’artista in crescita vertiginosa, che nel suo campo d’azione non ha più niente da dimostrare a nessuno. Un’artista che è passata dall’essere un fenomeno di culto ad affermarsi come un piccolo classico contemporaneo.

tratto dal Mucchio n°666

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...