JULY FLAME
Bella Union/Self

È impossibile non provare simpatia per Laura Veirs, in passato studente di geologia e lingua cinese e adesso una delle migliori musiciste americane, avulsa da scene e scenette e concentrata unicamente sulla rifinitura delle proprie canzoni. Già definito da Colin Meloy degli amici Decemberists come “il miglior album del 2010”, July Flame imbocca una strada ben precisa: quella di un folk raffinato, intimista e bucolico, che non lesina comunque in dettagli fuori dall’ordinario. Armata di semplicità e passione, la songwriter è approdata alla stessa etichetta dei Fleet Foxes e ha composto la maggior parte del materiale con una chitarra dalle corde di nylon, nel fienile dietro alla sua casa di Portland. Prodotto come sempre dal batterista e attuale compagno Tucker Martine, questo settimo lavoro di studio presenta però notevoli differenze rispetto ai suoi immediati predecessori, il più melodico Year Of Meteors del 2005 e il movimentato gioiellino Saltbreakers del 2007: nonostante il chitarrista/bassista Karl Blau e il pianista/tastierista Steve Moore compaiano in diverse occasioni, la fidata band si defila in favore di Jim James dei My Morning Jacket al microfono per cori e controcanti, dell’improvvisatrice Eyvind Kang alla viola e di un sontuoso quartetto d’archi, presente in tre pezzi e arrangiato da Stephen Barber (David Byrne, Ornette Coleman). Atmosfere solari e testi ricchi di metafore sulla natura sono in ammaliante contrasto con una tensione palpabile, alimentata da cantato magnetico e sapiente fingerpicking. I tredici brani in scaletta, di gran gusto nella forma e robusti nella sostanza, fluttuano in uno spazio atemporale e avrebbero potuto suonare credibili ieri così come lo suonano perfettamente oggi. Basta prendere in esame la meravigliosa title track per appurare che ogni cliché di genere è aggirato in virtù dell’ispirazione di un’artista in crescita vertiginosa, che nel suo campo d’azione non ha più niente da dimostrare a nessuno. Un’artista che è passata dall’essere un fenomeno di culto ad affermarsi come un piccolo classico contemporaneo.

tratto dal Mucchio n°666

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...