Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo allora lo studio del pianoforte in giovanissima età, l’esposizione alle radiazioni della techno (la nativa Ann Arbor dista una cinquantina di chilometri appena da Detroit) e un apprendistato nei circuiti del jazz sperimentale: la risultante definisce per sommi capi il profilo di Laurel Halo.
Residente a Berlino da inizio decennio e in termini discografici di casa presso l’etichetta londinese di Kode9, la 32enne produttrice statunitense è figura-chiave nello scenario contemporaneo del suono elettronico. Status raggiunto già con l’album d’esordio, Quarantine, cui questo nuovo – terzo della serie, avendo quale tappa intermedia il più sibillino Chance Of Rain, tenendo fuori dal conto il doppio ep In Situ, estemporanea scappatella su Honest Jon’s datata 2015 – pare voglia ricollegarsi, essendo costituito di canzoni, ancorché intese in senso molto lato. Vi sono – sì – armonie, tracce vocali (in genere affidate ad altri: Lafawndah, Klein e Michael Salu) e arrangiamenti che le ospitano (fra gli strumentisti coinvolti, l’affine Julia Holter), ma nulla rimanda a forme lineari. Prendiamo l’episodio meno enigmatico, Do U Ever Happen: ha una linea melodica riconoscibile e suggestiva, e tuttavia gli arredi sonori che l’accolgono, in particolare l’andamento claudicante delle percussioni, finiscono per renderlo ermetico. Oppure Moontalk: trainato da un groove vagamente afro e scandito da una narrazione in stile Laurie Anderson, è al contempo estroverso e riluttante. La sensazione è che l’autrice giochi con
l’ascoltatore: lo attira a sé e poi si sottrae. Tecnica di seduzione impareggiabile.
Dust è dunque un disco prezioso: avant-garde senza essere sussiegoso (Buh-Bye), colto in modo garbato (Arschkriecher – “leccaculo” in tedesco – dichiara l’ascendenza del poeta brasiliano Haroldo De Campos), tendente all’astrazione eppure emotivo (Jelly), sensuale con eleganza (Syzygy, vocabolo arcaico che sta per “congiunzione”). Domanda il titolo del brano di chiusura: Who Won?
Risposta: ovviamente lei.

Pubblicato sul Mucchio n. 755

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...