Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo allora lo studio del pianoforte in giovanissima età, l’esposizione alle radiazioni della techno (la nativa Ann Arbor dista una cinquantina di chilometri appena da Detroit) e un apprendistato nei circuiti del jazz sperimentale: la risultante definisce per sommi capi il profilo di Laurel Halo.
Residente a Berlino da inizio decennio e in termini discografici di casa presso l’etichetta londinese di Kode9, la 32enne produttrice statunitense è figura-chiave nello scenario contemporaneo del suono elettronico. Status raggiunto già con l’album d’esordio, Quarantine, cui questo nuovo – terzo della serie, avendo quale tappa intermedia il più sibillino Chance Of Rain, tenendo fuori dal conto il doppio ep In Situ, estemporanea scappatella su Honest Jon’s datata 2015 – pare voglia ricollegarsi, essendo costituito di canzoni, ancorché intese in senso molto lato. Vi sono – sì – armonie, tracce vocali (in genere affidate ad altri: Lafawndah, Klein e Michael Salu) e arrangiamenti che le ospitano (fra gli strumentisti coinvolti, l’affine Julia Holter), ma nulla rimanda a forme lineari. Prendiamo l’episodio meno enigmatico, Do U Ever Happen: ha una linea melodica riconoscibile e suggestiva, e tuttavia gli arredi sonori che l’accolgono, in particolare l’andamento claudicante delle percussioni, finiscono per renderlo ermetico. Oppure Moontalk: trainato da un groove vagamente afro e scandito da una narrazione in stile Laurie Anderson, è al contempo estroverso e riluttante. La sensazione è che l’autrice giochi con
l’ascoltatore: lo attira a sé e poi si sottrae. Tecnica di seduzione impareggiabile.
Dust è dunque un disco prezioso: avant-garde senza essere sussiegoso (Buh-Bye), colto in modo garbato (Arschkriecher – “leccaculo” in tedesco – dichiara l’ascendenza del poeta brasiliano Haroldo De Campos), tendente all’astrazione eppure emotivo (Jelly), sensuale con eleganza (Syzygy, vocabolo arcaico che sta per “congiunzione”). Domanda il titolo del brano di chiusura: Who Won?
Risposta: ovviamente lei.

Pubblicato sul Mucchio n. 755

Commenti

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...