LIARS
Mute/Emi

Più che azzardare passi indietro – il rientro nell’alveo di una forma musicale più organizzata è, in questo nuovo lavoro, innegabile – o balzi in avanti (nessuno si aspettava un ritorno al pop, visto che la ricerca ritmica eretica ed ossessiva dei due precedenti lavori non pareva esaurita) ci pare che i Liars continuino a muoversi a lato, avvezzi da sempre alle traiettorie imprevedibili, a un estremo bisogno di afferrare la materia sonora ancora incandescente, cercando di plasmarla a costo di bruciarsi. Il loro capolavoro in questo disco – che è, come e quanto i due che lo precedono, strepitoso – è probabilmente prenderci in giro, illudendoci di ascoltare un semplice sunto degli amori e degli ascolti formativi del trio, un banale tour sentimentale. “Plaster Caster Of Everything”, incipit devastante, è quasi una rielaborazione della nirvaniana “Territorial Pissing” dilaniata e appallottolata sui palchi nel corso dell’ultimo tour, l’ombra di Iggy alle spalle, ma il salmodiare ossessivo che la percorre è inconfondibilmente quello di Angus. Certo, poco dopo si mettono a fare il verso a Beck, superando in credibilità le sue ultime prove (“Houseclouds”). Ma è un evidente sberleffo, subito ridimensionato dai Cabaret Voltaire trascinati tra le dissonanze di un pianoforte che pare, letteralmente, cadere a pezzi (“Leather Prowler”). C’è pure il garage rock catacombale di “What Would They Know”, “Freak Out”, e “Pure Unevil”, che ruba qualcosa ai Jesus And Mary Chain ma li trascina in luoghi ancora più esoterici e bui, oppure la intro sabbathiana di “Cycle Time” che si trasforma in una cantilena tipicamente alla Liars. Non manca infine una vena intimista, già accennata in Drum Is Dead, rappresentata dalla diafana “Sailing To Bizanthium” e soprattutto dalla struggente Protection finale, che aggiorna allo spleen del dopo Kid A il Brian Eno autore di canzoni. Un disco dalle mille sfaccettature. Facce che però, come in un video di Aphex Twin, hanno una identica, inconfondibile espressione ghignante stampata addosso. Insomma, fedeli alla linea, soprattutto quando non c’è.

(Recensione tratta dal Mucchio n.638 – settembre 2007)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...