THE EDGE BLOWN AEROPHONE
Second Language

Prima di iniziare, una comunicazione di servizio: la recensione che avete sotto gli occhi non ha alcuna attinenza con quel genere musicale “nato in Inghilterra alla fine degli anni Sessanta e sviluppatosi principalmente nella prima metà degli anni Settanta” (fonte Wikipedia) e noto ai più come progressive. Indispensabile la premessa perché, meglio levarsi il dente subito, il disco dei Littlebow – l’estemporanea formazione creata da Keiron Phelan (State River Widening) e Katie English (Owl Service) – ancorché ai limiti della perfezione, rappresenta il peana di quello che pur essendo lo strumento più antico al mondo proprio rock non è: il flauto. Sia chiaro, se immaginate la coppia come la continuazione di ciò che, negli Ottanta, ha rappresentato il Rondò Veneziano siete lontani anni luce dalle atmosfere – ora avanguardiste, ora decisamente più accondiscendenti – di dieci composizioni che, destinate ad un pubblico di nicchia, rifuggono le masse e meritano un ascolto passionale e concentrato. Musicisti colti, i Littlebow citano Omero e la sua Odissea (As Soon As Dawn With Her Rose…), si esaltano, supportati dalle puntualissime percussioni di Jerome Tcheneyan dei Piano Magic, con ritmi tribali che rimandano a continenti lontani (It’s Too Steep A Climb), giocano con l’organo e il glockenspiel per trovare la perfetta forma geometrica (The Crooked Post Men Of Pershore), finiscono per dar vita a una session post-folk che, senza soluzione di continuità (e, naturalmente, senza che sia pronunciata una sola sillaba), si perde nell’accentuata esasperazione di un neo-classicismo che piacerebbe a Ryuichi Sakamoto e nell’esigenza, fortissima, di confrontarsi con la scena indietronica (da cui entrambi provengono e a cui sono destinati a ritornare: Girl With Orange Umbrella, To Run Through The Christian Wolff). Di modo che, alla fine, il tanto temuto flauto finisce per risultare nulla più che un eccelso comprimario a vortici di rumore (For Thijs) e riverberi dall’adamantino candore (The Dripping Pan).

Tratto dal Mucchio n° 686

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...