THE EDGE BLOWN AEROPHONE
Second Language

Prima di iniziare, una comunicazione di servizio: la recensione che avete sotto gli occhi non ha alcuna attinenza con quel genere musicale “nato in Inghilterra alla fine degli anni Sessanta e sviluppatosi principalmente nella prima metà degli anni Settanta” (fonte Wikipedia) e noto ai più come progressive. Indispensabile la premessa perché, meglio levarsi il dente subito, il disco dei Littlebow – l’estemporanea formazione creata da Keiron Phelan (State River Widening) e Katie English (Owl Service) – ancorché ai limiti della perfezione, rappresenta il peana di quello che pur essendo lo strumento più antico al mondo proprio rock non è: il flauto. Sia chiaro, se immaginate la coppia come la continuazione di ciò che, negli Ottanta, ha rappresentato il Rondò Veneziano siete lontani anni luce dalle atmosfere – ora avanguardiste, ora decisamente più accondiscendenti – di dieci composizioni che, destinate ad un pubblico di nicchia, rifuggono le masse e meritano un ascolto passionale e concentrato. Musicisti colti, i Littlebow citano Omero e la sua Odissea (As Soon As Dawn With Her Rose…), si esaltano, supportati dalle puntualissime percussioni di Jerome Tcheneyan dei Piano Magic, con ritmi tribali che rimandano a continenti lontani (It’s Too Steep A Climb), giocano con l’organo e il glockenspiel per trovare la perfetta forma geometrica (The Crooked Post Men Of Pershore), finiscono per dar vita a una session post-folk che, senza soluzione di continuità (e, naturalmente, senza che sia pronunciata una sola sillaba), si perde nell’accentuata esasperazione di un neo-classicismo che piacerebbe a Ryuichi Sakamoto e nell’esigenza, fortissima, di confrontarsi con la scena indietronica (da cui entrambi provengono e a cui sono destinati a ritornare: Girl With Orange Umbrella, To Run Through The Christian Wolff). Di modo che, alla fine, il tanto temuto flauto finisce per risultare nulla più che un eccelso comprimario a vortici di rumore (For Thijs) e riverberi dall’adamantino candore (The Dripping Pan).

Tratto dal Mucchio n° 686

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...