Local Natives cop
Local Natives

Hummingbird

PIAS/SELF
7.5

La parabola sembrava delle più scontate: un esordio trattato bene se non benissimo più o meno ovunque, Gorilla Manor del 2009, e di conseguenza parecchie copie vendute e parecchi concerti in giro per il mondo, anche a supporto di formazioni come Arcade Fire e The National. Dopodiché al successo si è abbinata una specie di crisi umana, a minare i rapporti fra Taylor Rice, Kelcey Ayer, Ryan Hahn e Matt Frazier. Succede spesso, quando l’improvviso raggiungimento dei propri obiettivi mina le certezze del quotidiano. A dispetto della sigla sociale, i Local Natives hanno deciso di abbandonare la natia, rassicurante Silver Lake, Los Angeles, dove si erano inizialmente impossessati di un bungalow abbandonato per darsi alla sperimentazione, per indirizzarsi in spregiudicata direzione Brooklyn, dove invece Aaron Dressner degli stessi The National li attendeva in veste di co-produttore.

Hummingbird nasce proprio con il presupposto di fungere da unione tra gli opposti, in primis tra magniloquenza a effetto ed essenzialità con l’anima a nudo. Ecco così che l’iniziale You & I parrebbe trasportare Tim e Jeff Buckley nel 2013, mentre batterie sintetiche e organi si sfidano a colpi proibiti. In generale, è come se le armonizzazioni vocali e la perizia strumentale dei Grizzly Bear si sposassero con il potere immaginifico dei The Antlers (si sentano Heavy Feet, l’ottima Ceilings o il singolo Breakers). La stratificata cura dei tessuti sonori, insomma, valorizza canzoni già di per sé cariche di fascino e intensità, capaci di rielaborare in ottica moderna un bagaglio dalle radici tradizionali, dacché è sostanzialmente di indie-pop e folk psichedelico che stiamo disquisendo. L’originalità non sarà ai massimi termini, anche per via di un canto perlopiù in falsetto che ormai innesca in automatico l’effetto déjà vu, ma non mancano prodezze pirotecniche. Il titolo di copertina si riferisce del resto al colibrì, il più piccolo dei volatili che può però lasciare di stucco volando all’indietro.

 

Pubblicato sul Mucchio 702

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...