Local Natives cop
Local Natives

Hummingbird

PIAS/SELF
7.5

La parabola sembrava delle più scontate: un esordio trattato bene se non benissimo più o meno ovunque, Gorilla Manor del 2009, e di conseguenza parecchie copie vendute e parecchi concerti in giro per il mondo, anche a supporto di formazioni come Arcade Fire e The National. Dopodiché al successo si è abbinata una specie di crisi umana, a minare i rapporti fra Taylor Rice, Kelcey Ayer, Ryan Hahn e Matt Frazier. Succede spesso, quando l’improvviso raggiungimento dei propri obiettivi mina le certezze del quotidiano. A dispetto della sigla sociale, i Local Natives hanno deciso di abbandonare la natia, rassicurante Silver Lake, Los Angeles, dove si erano inizialmente impossessati di un bungalow abbandonato per darsi alla sperimentazione, per indirizzarsi in spregiudicata direzione Brooklyn, dove invece Aaron Dressner degli stessi The National li attendeva in veste di co-produttore.

Hummingbird nasce proprio con il presupposto di fungere da unione tra gli opposti, in primis tra magniloquenza a effetto ed essenzialità con l’anima a nudo. Ecco così che l’iniziale You & I parrebbe trasportare Tim e Jeff Buckley nel 2013, mentre batterie sintetiche e organi si sfidano a colpi proibiti. In generale, è come se le armonizzazioni vocali e la perizia strumentale dei Grizzly Bear si sposassero con il potere immaginifico dei The Antlers (si sentano Heavy Feet, l’ottima Ceilings o il singolo Breakers). La stratificata cura dei tessuti sonori, insomma, valorizza canzoni già di per sé cariche di fascino e intensità, capaci di rielaborare in ottica moderna un bagaglio dalle radici tradizionali, dacché è sostanzialmente di indie-pop e folk psichedelico che stiamo disquisendo. L’originalità non sarà ai massimi termini, anche per via di un canto perlopiù in falsetto che ormai innesca in automatico l’effetto déjà vu, ma non mancano prodezze pirotecniche. Il titolo di copertina si riferisce del resto al colibrì, il più piccolo dei volatili che può però lasciare di stucco volando all’indietro.

 

Pubblicato sul Mucchio 702

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...