Un piacevole retrogusto old-school: sì, è proprio quello che lascia Opera Prima, il debutto dei Loop Therapy, instrumental band con le radici nel jazz e un presente che sembra omaggiare gli anni d’oro dell’hip-hop (soprattutto italiano, basta guardare i featuring). Dietro il progetto si nascondono il contrabbassista Cesare Pizzetti, il pianista Fabio Visocchi e il batterista Matteo Mammoliti, tre musicisti jazz al loro primo confronto con sonorità hip-hop: un incontro che ha già portato notevoli frutti, dalla firma con la storica Irma Records, che distribuisce il disco, all’imminente tour per la penisola.

L’idea di unire hip-hop e jazz non è certamente nuova, ma una ricetta così non ha bisogno di hype, quanto piuttosto di passione e maestria, entrambe doti che non sembrano mancare ai tre milanesi: nei quaranta minuti dell’album si viaggia su note calde e suadenti attraverso quelli che potremmo definire momenti topici della tradizione black. Già i titoli sono un chiaro indizio, per cui la breve Ghetto Man si tinge di blaxploitation e Miles I Miss You si fa straordinariamente mimetica, In A Sentimental Loop si muove tra cool e acid-jazz e La Mista si conclude tra sbuffi psichedelici e dopati. Ma il vero apice del lavoro si concentra nelle tre tracce condivise con altrettanti nomi storici della “doppia acca” italiana: se Turi e Bassi Maestro si abbandonano alle consuete rime sulla centralità della musica (e dell’hip-hop) nella vita, i Colle Der Fomento si spingono talmente oltre che Musica e Fumo è quasi illegale come ciò di cui parla. Forse resterà il solito ascolto per appassionati, eppure Opera Prima è un prodotto di rara pregevolezza, pensato e realizzato per allietare timpani e sinapsi di ogni amante della buona musica.

Commenti

Ultime recensioni Musica
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...