SPOOKY ACTION AT A DISTANCE
Kranky/Goodfellas

In un mondo perfetto, i Deerhunter sarebbero un pilastro indie
amato (almeno) quanto gli Arcade Fire, Atlas Sound una one
man band che suona ogni anno in Italia e Lotus Plaza una gemma musicale nota anche al di fuori del circuito nerd. Ma la realtà, si sa, è spesso ingiusta coi meritevoli. E allora è forse opportuno specificare che, se il frontman dei Deerhunter Bradford Cox ha il suo side project Atlas Sound, anche Lockett Pundt – chitarra e voce del quartetto di Atlanta – diventa Lotus Plaza quando è solo a giocare in cameretta. Quattro mura che, come per “Parallax” del compagno, cominciano a diventare troppo strette anche per il secondo album di Pundt: non tanto per esigenze tecniche, quanto per la varietà di sfumature guitar pop che non riuscirebbero a stare nell’atmosfera raccolta di una stanza. Legati da una profonda amicizia, Cox e Pundt sono due volti di una simile sensibilità musicale, fanciullesca e al contempo delicatamente raffinata. Mentre il primo, più soggetto alle fascinazioni dell’elettronica, ama avventurarsi in viaggi interiori, il secondo sembra librarsi, leggero eppure talvolta malinconico, su paesaggi naturali, in sella al manico di una Fender dal suono fresco e scintillante. Già nella sua “Desire Lines”, tra i capitoli più belli dell’ultimo album del “main project”, risiedevano alcuni dei tratti caratteristici – oggi riscontrabili in “Spooky Action At A Distance” e più definiti che in passato – di Lotus Plaza. La chitarra è un continuo ricamare jangle, brioso, meno paranoico che nei Deerhunter e in tal senso vicino ai primi R.E.M. o ai Pavement di “Gold Soundz”. Ma è dall’intreccio con una base ritmica spesso ripetitiva, mandata in loop dentro gli effetti (mai abusati) dei pedali e nella voce eterea, corale, di Pundt, che si sviluppa la sensazione di viaggio. Che stavolta è anche fisico, e non puramente cerebrale. Una suggestione che, magicamente, sembra trovare riscontro nella copertina: un cielo timidamente terso ed una manciata di palloncini in volo per chissà dove.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...