ONE GOOD THING
Motion Audio/Family Affair

In Italia non ce ne siamo accorti più di tanto, abbacinati da nomi e trend più scintillanti, ma Louise Rhodes non è solo quella-dei-Lamb: il suo esordio solistico intitolato Beloved One, del 2006, aveva ricevuto una nomination al “Mercury Prize”, una delle poche nomination al mondo ad avere ancora dignità qualitativa (altro che le monnezze à la Grammy Awards o MTV questo e quello, che però ovviamente hanno esposizione sui media tristemente vastissima). Camminava da sola sulle proprie gambe proprio per bene, Louise, e anche il successivo Bloom era davvero un bel lavoro. Tristi eventi personali – la morte della sorella – tagliarono a metà tutta la promozione e il tour attorno a quel secondo album, col risultato che la sua carriera è rimasta ancora inespressa, almeno rispetto al potenziale cristallino dell’artista. Vediamo se ora, con One Good Thing, tutto va dove deve andare. Ovvero, vediamo se ci si accorge che Louise in questa sua identità folk vale tanto quanto un Damien Rice, se non di più, e quindi meriterebbe platee e attenzioni conseguenti. Vediamo se si apprezza la purezza produttiva, perché vi sfidiamo a trovare un lavoro dove le registrazioni di voce e chitarra siano più nitide, vive e splendenti. Vediamo se si apprezza la classe fuori dall’ordinario di un’interprete che ormai usa la voce non solo con abilità tecnica ma anche con gusto, sapendo perfettamente quanto e quando è il momento di modulare; e che tra l’altro in questa occasione, più ancora che in altre, confeziona alcune canzoni bellissime, dalla forma, struttura e arrangiamenti semplicemente perfetti (ne citiamo tre: la title track d’apertura, Baby, la spazialità americana più ancora che britannica di Circles). Non bisogna aspettarsi dalla Rhodes liriche spiazzanti o mefistofeliche, sia chiaro, ma la sua grazia qui non è mai stucchevole, filtrata in questo caso da un’ombra più scura e adulta rispetto al passato, anche rispetto a quanto fatto coi Lamb. E quindi: un piccolo gioiello, chitarra voce e pochissimo altro. Uno di quegli ascolti che riconcilia col mondo.

tratto dal Mucchio n°668

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...