ONE GOOD THING
Motion Audio/Family Affair

In Italia non ce ne siamo accorti più di tanto, abbacinati da nomi e trend più scintillanti, ma Louise Rhodes non è solo quella-dei-Lamb: il suo esordio solistico intitolato Beloved One, del 2006, aveva ricevuto una nomination al “Mercury Prize”, una delle poche nomination al mondo ad avere ancora dignità qualitativa (altro che le monnezze à la Grammy Awards o MTV questo e quello, che però ovviamente hanno esposizione sui media tristemente vastissima). Camminava da sola sulle proprie gambe proprio per bene, Louise, e anche il successivo Bloom era davvero un bel lavoro. Tristi eventi personali – la morte della sorella – tagliarono a metà tutta la promozione e il tour attorno a quel secondo album, col risultato che la sua carriera è rimasta ancora inespressa, almeno rispetto al potenziale cristallino dell’artista. Vediamo se ora, con One Good Thing, tutto va dove deve andare. Ovvero, vediamo se ci si accorge che Louise in questa sua identità folk vale tanto quanto un Damien Rice, se non di più, e quindi meriterebbe platee e attenzioni conseguenti. Vediamo se si apprezza la purezza produttiva, perché vi sfidiamo a trovare un lavoro dove le registrazioni di voce e chitarra siano più nitide, vive e splendenti. Vediamo se si apprezza la classe fuori dall’ordinario di un’interprete che ormai usa la voce non solo con abilità tecnica ma anche con gusto, sapendo perfettamente quanto e quando è il momento di modulare; e che tra l’altro in questa occasione, più ancora che in altre, confeziona alcune canzoni bellissime, dalla forma, struttura e arrangiamenti semplicemente perfetti (ne citiamo tre: la title track d’apertura, Baby, la spazialità americana più ancora che britannica di Circles). Non bisogna aspettarsi dalla Rhodes liriche spiazzanti o mefistofeliche, sia chiaro, ma la sua grazia qui non è mai stucchevole, filtrata in questo caso da un’ombra più scura e adulta rispetto al passato, anche rispetto a quanto fatto coi Lamb. E quindi: un piccolo gioiello, chitarra voce e pochissimo altro. Uno di quegli ascolti che riconcilia col mondo.

tratto dal Mucchio n°668

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...