Maya
XL/Self

Che M.I.A. sia una delle artiste cruciali dell’ultimo decennio è ormai un dato di fatto lampante. Che “Maya”, ideale sigillo di un tris da urlo avviato con i precedenti “Arular” e “Kala”, sappia segnare perfettamente i nostri tempi lo si capisce altrettanto al volo. Sul piano sonoro si prosegue sui binari di un meticciato moderno che si avvale della collaborazione di Blaqstarr, ma anche di Rusko e degli immancabili Diplo e Switch: c’è l’elettronica ballabile e più fresca oggigiorno in circolazione (l’irresistibile singolo “XXXO”, la schizofrenica “Story To Be Told”, la reggaeggiante “It Takes A Muscle”), c’è il rap scioglilingua (“Lovalot”), c’è il pop melodico e senza barriere geografiche (da “It Iz What It Iz” alle conclusive “Tell Me Why” e “Space”), c’è l’attitudine punk convertita all’era del digitale (“Steppin Up” o “Meds And Feds”), c’è la tendenza a sperimentazioni estese e multiformi (“Teqkilla”).
Che la ragazza, inglese di origini cingalesi, continui a toccare tematiche filo-politiche e di assoluto spessore, magari sobillata dalla recente nascita del primo figlio, è poi un bel valore aggiunto: l’intento è puntare il dito contro il monopolio dei motori di ricerca, la mistificazione delle notizie diffuse in Rete, edulcorate e non rispecchianti la crudezza della realtà. Com’è parecchio crudo il video realizzato da Romain Gavras per la tellurica “Born Free”, contenente un sample della “Ghost Rider” dei Suicide: un vero e proprio capolavoro, in metaforica opposizione a tutte le persecuzioni ai danni delle minoranze, che purtroppo è stato censurato ed eliminato persino da YouTube (per tornare al discorso della libera informazione…). Mathangi “Maya” Arulpragasam – ecco da dove proviene il titolo dell’album, dopo gli omaggi prestati in passato al nome paterno e materno… – marcia a testa alta, con le orecchie e gli occhi ben spalancati. Sta a voi scegliere tra pillola azzurra e rossa, tra le numerose simulazioni dalle mire omologanti e le meraviglie da lei dispensate con somma consapevolezza.

tratto dal Mucchio n° 672/673

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...