Maya
XL/Self

Che M.I.A. sia una delle artiste cruciali dell’ultimo decennio è ormai un dato di fatto lampante. Che “Maya”, ideale sigillo di un tris da urlo avviato con i precedenti “Arular” e “Kala”, sappia segnare perfettamente i nostri tempi lo si capisce altrettanto al volo. Sul piano sonoro si prosegue sui binari di un meticciato moderno che si avvale della collaborazione di Blaqstarr, ma anche di Rusko e degli immancabili Diplo e Switch: c’è l’elettronica ballabile e più fresca oggigiorno in circolazione (l’irresistibile singolo “XXXO”, la schizofrenica “Story To Be Told”, la reggaeggiante “It Takes A Muscle”), c’è il rap scioglilingua (“Lovalot”), c’è il pop melodico e senza barriere geografiche (da “It Iz What It Iz” alle conclusive “Tell Me Why” e “Space”), c’è l’attitudine punk convertita all’era del digitale (“Steppin Up” o “Meds And Feds”), c’è la tendenza a sperimentazioni estese e multiformi (“Teqkilla”).
Che la ragazza, inglese di origini cingalesi, continui a toccare tematiche filo-politiche e di assoluto spessore, magari sobillata dalla recente nascita del primo figlio, è poi un bel valore aggiunto: l’intento è puntare il dito contro il monopolio dei motori di ricerca, la mistificazione delle notizie diffuse in Rete, edulcorate e non rispecchianti la crudezza della realtà. Com’è parecchio crudo il video realizzato da Romain Gavras per la tellurica “Born Free”, contenente un sample della “Ghost Rider” dei Suicide: un vero e proprio capolavoro, in metaforica opposizione a tutte le persecuzioni ai danni delle minoranze, che purtroppo è stato censurato ed eliminato persino da YouTube (per tornare al discorso della libera informazione…). Mathangi “Maya” Arulpragasam – ecco da dove proviene il titolo dell’album, dopo gli omaggi prestati in passato al nome paterno e materno… – marcia a testa alta, con le orecchie e gli occhi ben spalancati. Sta a voi scegliere tra pillola azzurra e rossa, tra le numerose simulazioni dalle mire omologanti e le meraviglie da lei dispensate con somma consapevolezza.

tratto dal Mucchio n° 672/673

Ultime recensioni Musica
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...