Maya
XL/Self

Che M.I.A. sia una delle artiste cruciali dell’ultimo decennio è ormai un dato di fatto lampante. Che “Maya”, ideale sigillo di un tris da urlo avviato con i precedenti “Arular” e “Kala”, sappia segnare perfettamente i nostri tempi lo si capisce altrettanto al volo. Sul piano sonoro si prosegue sui binari di un meticciato moderno che si avvale della collaborazione di Blaqstarr, ma anche di Rusko e degli immancabili Diplo e Switch: c’è l’elettronica ballabile e più fresca oggigiorno in circolazione (l’irresistibile singolo “XXXO”, la schizofrenica “Story To Be Told”, la reggaeggiante “It Takes A Muscle”), c’è il rap scioglilingua (“Lovalot”), c’è il pop melodico e senza barriere geografiche (da “It Iz What It Iz” alle conclusive “Tell Me Why” e “Space”), c’è l’attitudine punk convertita all’era del digitale (“Steppin Up” o “Meds And Feds”), c’è la tendenza a sperimentazioni estese e multiformi (“Teqkilla”).
Che la ragazza, inglese di origini cingalesi, continui a toccare tematiche filo-politiche e di assoluto spessore, magari sobillata dalla recente nascita del primo figlio, è poi un bel valore aggiunto: l’intento è puntare il dito contro il monopolio dei motori di ricerca, la mistificazione delle notizie diffuse in Rete, edulcorate e non rispecchianti la crudezza della realtà. Com’è parecchio crudo il video realizzato da Romain Gavras per la tellurica “Born Free”, contenente un sample della “Ghost Rider” dei Suicide: un vero e proprio capolavoro, in metaforica opposizione a tutte le persecuzioni ai danni delle minoranze, che purtroppo è stato censurato ed eliminato persino da YouTube (per tornare al discorso della libera informazione…). Mathangi “Maya” Arulpragasam – ecco da dove proviene il titolo dell’album, dopo gli omaggi prestati in passato al nome paterno e materno… – marcia a testa alta, con le orecchie e gli occhi ben spalancati. Sta a voi scegliere tra pillola azzurra e rossa, tra le numerose simulazioni dalle mire omologanti e le meraviglie da lei dispensate con somma consapevolezza.

tratto dal Mucchio n° 672/673

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....