Maya
XL/Self

Che M.I.A. sia una delle artiste cruciali dell’ultimo decennio è ormai un dato di fatto lampante. Che “Maya”, ideale sigillo di un tris da urlo avviato con i precedenti “Arular” e “Kala”, sappia segnare perfettamente i nostri tempi lo si capisce altrettanto al volo. Sul piano sonoro si prosegue sui binari di un meticciato moderno che si avvale della collaborazione di Blaqstarr, ma anche di Rusko e degli immancabili Diplo e Switch: c’è l’elettronica ballabile e più fresca oggigiorno in circolazione (l’irresistibile singolo “XXXO”, la schizofrenica “Story To Be Told”, la reggaeggiante “It Takes A Muscle”), c’è il rap scioglilingua (“Lovalot”), c’è il pop melodico e senza barriere geografiche (da “It Iz What It Iz” alle conclusive “Tell Me Why” e “Space”), c’è l’attitudine punk convertita all’era del digitale (“Steppin Up” o “Meds And Feds”), c’è la tendenza a sperimentazioni estese e multiformi (“Teqkilla”).
Che la ragazza, inglese di origini cingalesi, continui a toccare tematiche filo-politiche e di assoluto spessore, magari sobillata dalla recente nascita del primo figlio, è poi un bel valore aggiunto: l’intento è puntare il dito contro il monopolio dei motori di ricerca, la mistificazione delle notizie diffuse in Rete, edulcorate e non rispecchianti la crudezza della realtà. Com’è parecchio crudo il video realizzato da Romain Gavras per la tellurica “Born Free”, contenente un sample della “Ghost Rider” dei Suicide: un vero e proprio capolavoro, in metaforica opposizione a tutte le persecuzioni ai danni delle minoranze, che purtroppo è stato censurato ed eliminato persino da YouTube (per tornare al discorso della libera informazione…). Mathangi “Maya” Arulpragasam – ecco da dove proviene il titolo dell’album, dopo gli omaggi prestati in passato al nome paterno e materno… – marcia a testa alta, con le orecchie e gli occhi ben spalancati. Sta a voi scegliere tra pillola azzurra e rossa, tra le numerose simulazioni dalle mire omologanti e le meraviglie da lei dispensate con somma consapevolezza.

tratto dal Mucchio n° 672/673

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...