SING ALONG TO SONGS…
Morr/Goodfellas

Da sempre considerati i cugini poveri dei Sigur Ros, i Múm hanno impiegato non poco a costruirsi una credibilità che, con le ultime pubblicazioni (Summer Make Good del 2004 e Go Go Smear The Poison Ivy di tre anni più vecchio), ha rischiato di venire definitivamente compromessa. In effetti, se paragonati ai primi capitoli della loro storia (Yesterday Was Dramatic… e Finally We Are No One), quegli album ci hanno mostrato, anche a causa di significativi cambi di formazione, una band senza più idee. Che, invece, sin dalla splendida, semplicemente splendida trilogia con cui si apre Sing Along To Songs You Don’t Know, i sette dimostrano di aver recuperato: prendete If I Were A Fish e scoprirete una minuscola ballata costruita attorno a strumenti acustici, a qualche percussione tribale che giunge sul finire della composizione, e a un cantato femminile che definire suadente e malinconico non rende giustizia; poi, prendete anche Sing Along e innamoratevi di un basso che scuote l’anima e di un duetto che scalda il cuore, prima che i soliti tamburi – sporcati, stavolta, da una spruzzata di elettronica dalla purissima geometria – invadano il campo con una spontaneità (verrebbe da chiamarla improvvisazione…) come mai prima nella storia degli islandesi. Infine, godetevi Prophecies And Reversed… con un ritmo in salire quasi frenetico che, è invitabile, finisce, non senza gusto, per richiamare il meglio del recente catalogo della Morr: dai Benni Hemm Hemm agli Electric President passando per Seabear e It’s A Musical.
Ottenere musica difficile da catalogare era ciò che i Mum si erano prefissi entrando in studio di registrazione; musica difficile da catalogare è quella che i Mum ci regalano dopo aver fatto un passo indietro e aver (saggiamente) compreso che la propria strada non conduce più al post-rock; è fatta, invece, di pop minimalista bagnato di folk, di quartetti d’archi (A River Don’t Stop…) e di arrangiamenti che, finalmente, tornano ad essere eleganti e maestosi (Show Me, The Last Shapes Of Never).

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...