SING ALONG TO SONGS…
Morr/Goodfellas

Da sempre considerati i cugini poveri dei Sigur Ros, i Múm hanno impiegato non poco a costruirsi una credibilità che, con le ultime pubblicazioni (Summer Make Good del 2004 e Go Go Smear The Poison Ivy di tre anni più vecchio), ha rischiato di venire definitivamente compromessa. In effetti, se paragonati ai primi capitoli della loro storia (Yesterday Was Dramatic… e Finally We Are No One), quegli album ci hanno mostrato, anche a causa di significativi cambi di formazione, una band senza più idee. Che, invece, sin dalla splendida, semplicemente splendida trilogia con cui si apre Sing Along To Songs You Don’t Know, i sette dimostrano di aver recuperato: prendete If I Were A Fish e scoprirete una minuscola ballata costruita attorno a strumenti acustici, a qualche percussione tribale che giunge sul finire della composizione, e a un cantato femminile che definire suadente e malinconico non rende giustizia; poi, prendete anche Sing Along e innamoratevi di un basso che scuote l’anima e di un duetto che scalda il cuore, prima che i soliti tamburi – sporcati, stavolta, da una spruzzata di elettronica dalla purissima geometria – invadano il campo con una spontaneità (verrebbe da chiamarla improvvisazione…) come mai prima nella storia degli islandesi. Infine, godetevi Prophecies And Reversed… con un ritmo in salire quasi frenetico che, è invitabile, finisce, non senza gusto, per richiamare il meglio del recente catalogo della Morr: dai Benni Hemm Hemm agli Electric President passando per Seabear e It’s A Musical.
Ottenere musica difficile da catalogare era ciò che i Mum si erano prefissi entrando in studio di registrazione; musica difficile da catalogare è quella che i Mum ci regalano dopo aver fatto un passo indietro e aver (saggiamente) compreso che la propria strada non conduce più al post-rock; è fatta, invece, di pop minimalista bagnato di folk, di quartetti d’archi (A River Don’t Stop…) e di arrangiamenti che, finalmente, tornano ad essere eleganti e maestosi (Show Me, The Last Shapes Of Never).

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...