A WASTELAND COMPANION
Bella Union/Universal

Controllando i nostri archivi, ci siamo accorti che dall’uscita del precedente album di M. Ward, “Hold Time”, sono passati tre anni. Avremmo detto di meno. Forse perché nel frattempo lo statunitense è stato comunque parecchio sotto la luce dei riflettori: in quanto metà – insieme all’attrice Zooey Deschanel – del delizioso duo She & Him, autori da allora a oggi di due dischi che si sono aggiunti a quello realizzato ancor prima; o ancora nell’ambito del supergruppo Monsters Of Folk; per non parlare di qualche collaborazione disseminata qua e là e dell’attività live. Insomma, è stato un periodo sicuramente impegnativo, ricco di esperienze e di viaggi. Ed è proprio come una sorta di diario/vademecum dei tanti mesi trascorsi lontano da casa che è stato pensato “A Wasteland Companion”, non per niente registrato in otto studi diversi tra Stati Uniti ed Europa e con un nutrito cast di ospiti (membri di Sonic Youth e Dr. Dog, John Parish, Howe Gelb e la stessa Deschanel).
Anche per questo fin dal primo ascolto il disco si presenta come uno dei più variegati nella produzione di Ward, o quantomeno quello in cui le sue due anime – una legata a doppio filo all’americana, l’altra più prettamente pop (venuta alla luce proprio con gli She & Him) – finalmente si incontrano. E i risultati sono davvero di alto livello. Se infatti non mancano in scaletta notevoli momenti all’insegna di un cantautorato sospeso tra folk, blues rurale e lontani riflessi country (“Clean Slate”, la title track, lo shuffle très Giant Sand di “Watch The Show”), altrettanto convincenti sono il r’n’r a fedeltà medio-bassa di I “Get Ideas”, i coretti e le voci femminili di “Sweetheart”, la pianistica “Primitive Girl” e i sapienti intrecci di archi, plettri e tasti sul finale di “Crawl After You”. Che si giudichi il buon Matt come chitarrista, produttore, compositore o interprete, il verdetto non cambia; e parlare di “A Wasteland Companion” come di una conferma sembra quasi fare un torto a un artista il cui spessore è già da tempo fuori discussione.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...