A WASTELAND COMPANION
Bella Union/Universal

Controllando i nostri archivi, ci siamo accorti che dall’uscita del precedente album di M. Ward, “Hold Time”, sono passati tre anni. Avremmo detto di meno. Forse perché nel frattempo lo statunitense è stato comunque parecchio sotto la luce dei riflettori: in quanto metà – insieme all’attrice Zooey Deschanel – del delizioso duo She & Him, autori da allora a oggi di due dischi che si sono aggiunti a quello realizzato ancor prima; o ancora nell’ambito del supergruppo Monsters Of Folk; per non parlare di qualche collaborazione disseminata qua e là e dell’attività live. Insomma, è stato un periodo sicuramente impegnativo, ricco di esperienze e di viaggi. Ed è proprio come una sorta di diario/vademecum dei tanti mesi trascorsi lontano da casa che è stato pensato “A Wasteland Companion”, non per niente registrato in otto studi diversi tra Stati Uniti ed Europa e con un nutrito cast di ospiti (membri di Sonic Youth e Dr. Dog, John Parish, Howe Gelb e la stessa Deschanel).
Anche per questo fin dal primo ascolto il disco si presenta come uno dei più variegati nella produzione di Ward, o quantomeno quello in cui le sue due anime – una legata a doppio filo all’americana, l’altra più prettamente pop (venuta alla luce proprio con gli She & Him) – finalmente si incontrano. E i risultati sono davvero di alto livello. Se infatti non mancano in scaletta notevoli momenti all’insegna di un cantautorato sospeso tra folk, blues rurale e lontani riflessi country (“Clean Slate”, la title track, lo shuffle très Giant Sand di “Watch The Show”), altrettanto convincenti sono il r’n’r a fedeltà medio-bassa di I “Get Ideas”, i coretti e le voci femminili di “Sweetheart”, la pianistica “Primitive Girl” e i sapienti intrecci di archi, plettri e tasti sul finale di “Crawl After You”. Che si giudichi il buon Matt come chitarrista, produttore, compositore o interprete, il verdetto non cambia; e parlare di “A Wasteland Companion” come di una conferma sembra quasi fare un torto a un artista il cui spessore è già da tempo fuori discussione.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...