Those The Brokes
Capitol/Emi

Those The Brokes, qualcuno lo ha già fatto notare, è quel genere di titolo che piacerebbe molto a Morrissey. E probabile che a Morrissey piacerebbe anche – e piacerà sicuramente ai fan suoi e degli Smiths – la veste elegante e ricca che hanno maturato in appena un anno le canzoni dei Magic Numbers. Il debutto del quartetto britannico, lo scorso anno, aveva colpito parecchio l’immaginario pop, e non solo quello britannico, mettendo sul tappeto verde un buon numero di idee, di riferimenti e di talento melodico. Un esordio già maturo e perfettamente inserito nel filone del pop vocale più nobile, una formula sunshine pop resa più realista e pragmatica da un piglio tutto britannico che ne irrobustiva le trame. Giunti al secondo episodio, i tessuti si fanno più ricchi ma non meno incisivi. Si prenda ad esempio la sobrietà vittoriana che avvolge le diverse canzoni racchiuse in una di “Boy”, Bacharach a spasso con un quartetto d’archi beatlesiano il quale si produce in un valzer che, nel mezzo della canzone, è semplicemente perfetto. Oppure la classicità tutta americana di “Slow Down (The Way It Goes)”, che non sfigurerebbe nel repertorio di Richard Hawley, o ancora la delicata carezza di “Take Me Or Leave Me”, che lascia il ruolo da protagonista alla voce femminile di Michele Stodart, una strepitosa e dinamica “Runnin’ Out” tutta avvitata su strane strutture melodiche apparentemente fuori misura che farebbero la gioia degli XTC, e la perfetta chiusa, quasi una marcia folk con un violino dai colori celtici, di “Goodnight”. Alta pasticceria, insomma, di quella che scalda sempre il cuore vedere onorata con la dovuta cura e con il dovuto gusto, soprattutto quando, è storia degli ultimi anni, l’adesione ai suoni d’epoca (di qualsiasi epoca, basta osservare dove tira il vento) ha troppo spesso messo in secondo piano la capacità di scrivere canzoni. I Magic Numbers ci stanno riuscendo con ottimi risultati, ragione per cui non possiamo che incoraggiarli, incuranti di qualsiasi accusa di passatismo possa essere loro contestata.

Recensione tratta dal Mucchio 629

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...