Those The Brokes
Capitol/Emi

Those The Brokes, qualcuno lo ha già fatto notare, è quel genere di titolo che piacerebbe molto a Morrissey. E probabile che a Morrissey piacerebbe anche – e piacerà sicuramente ai fan suoi e degli Smiths – la veste elegante e ricca che hanno maturato in appena un anno le canzoni dei Magic Numbers. Il debutto del quartetto britannico, lo scorso anno, aveva colpito parecchio l’immaginario pop, e non solo quello britannico, mettendo sul tappeto verde un buon numero di idee, di riferimenti e di talento melodico. Un esordio già maturo e perfettamente inserito nel filone del pop vocale più nobile, una formula sunshine pop resa più realista e pragmatica da un piglio tutto britannico che ne irrobustiva le trame. Giunti al secondo episodio, i tessuti si fanno più ricchi ma non meno incisivi. Si prenda ad esempio la sobrietà vittoriana che avvolge le diverse canzoni racchiuse in una di “Boy”, Bacharach a spasso con un quartetto d’archi beatlesiano il quale si produce in un valzer che, nel mezzo della canzone, è semplicemente perfetto. Oppure la classicità tutta americana di “Slow Down (The Way It Goes)”, che non sfigurerebbe nel repertorio di Richard Hawley, o ancora la delicata carezza di “Take Me Or Leave Me”, che lascia il ruolo da protagonista alla voce femminile di Michele Stodart, una strepitosa e dinamica “Runnin’ Out” tutta avvitata su strane strutture melodiche apparentemente fuori misura che farebbero la gioia degli XTC, e la perfetta chiusa, quasi una marcia folk con un violino dai colori celtici, di “Goodnight”. Alta pasticceria, insomma, di quella che scalda sempre il cuore vedere onorata con la dovuta cura e con il dovuto gusto, soprattutto quando, è storia degli ultimi anni, l’adesione ai suoni d’epoca (di qualsiasi epoca, basta osservare dove tira il vento) ha troppo spesso messo in secondo piano la capacità di scrivere canzoni. I Magic Numbers ci stanno riuscendo con ottimi risultati, ragione per cui non possiamo che incoraggiarli, incuranti di qualsiasi accusa di passatismo possa essere loro contestata.

Recensione tratta dal Mucchio 629

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...