Fading Trails
Secretly Canadian/Wide

Jason Molina aveva abbandonato la ragione sociale Songs:Ohia in favore di Magnolia Electric Co. per sottolineare come, a differenza del passato, questa fosse una band vera e propria, con una formazione (relativamente) stabile. E in effetti tanto il live “Trials & Errors” quanto “What Comes After The Blues” – usciti entrambi lo scorso anno – parevano il frutto del lavoro non tanto di un singolo quanto di un collettivo, con Molina primus inter pares. Una sensazione che si rafforza ulteriormente ascoltando “Fading Trails” perché, se è vero che il suo suono è in larga parte organico e corposo come quello di un gruppo, è altrettanto chiaro che a tirare le fila del tutto c’è una persona sola. Tant’è che le nove canzoni al suo interno sono frutto di quattro differenti session di registrazione, con una dozzina di musicisti coinvolti a vario titolo.
Ad aprire le danze, tre episodi registrati da Steve Albini: croccanti e sprizzanti elettricità, con le elettriche sugli scudi (specie in “Don’t Fade On Me”) e una sezione ritmica rocciosa quanto basta. Decisamente più lunari i due brani realizzati insieme a quel geniaccio di David Lowery (Camper Van Beethoven, Cracker): la scheletrica “A Little At A Time” e una sofferta “The Old Horizon” in cui la voce è sostenuta dalle note e dai riverberi di un pianoforte. Quindi, con “Memphis Sun” e “Talk To Me Devil, Again” ci si sposta nei mitici Sun Studios, e tra le pareti che hanno visto nascere il r’n’r ecco che prendono vita ballate elettroacustiche che più classiche non si potrebbe. Infine, il ritorno a casa, nel proprio studio domestico dove – con solo una chitarra e a bassissima fedeltà – sono state cristallizzate “Spanish Moon Fall And Rise” e “Steady Now”.
Disorientati? C’è di che esserlo. E tuttavia, alla prova dei fatti, il disco non manca di una certa organicità di fondo, frutto di una visione d’insieme mai così nitida. Quella di un artista capace di confrontarsi con il rock americano più vero – Neil Young, ma anche la Band – come con il cantautorato più intimista, e di uscirne a testa alta.

Recensione tratta dal Mucchio 627 (ottobre 2006)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...