Fading Trails
Secretly Canadian/Wide

Jason Molina aveva abbandonato la ragione sociale Songs:Ohia in favore di Magnolia Electric Co. per sottolineare come, a differenza del passato, questa fosse una band vera e propria, con una formazione (relativamente) stabile. E in effetti tanto il live “Trials & Errors” quanto “What Comes After The Blues” – usciti entrambi lo scorso anno – parevano il frutto del lavoro non tanto di un singolo quanto di un collettivo, con Molina primus inter pares. Una sensazione che si rafforza ulteriormente ascoltando “Fading Trails” perché, se è vero che il suo suono è in larga parte organico e corposo come quello di un gruppo, è altrettanto chiaro che a tirare le fila del tutto c’è una persona sola. Tant’è che le nove canzoni al suo interno sono frutto di quattro differenti session di registrazione, con una dozzina di musicisti coinvolti a vario titolo.
Ad aprire le danze, tre episodi registrati da Steve Albini: croccanti e sprizzanti elettricità, con le elettriche sugli scudi (specie in “Don’t Fade On Me”) e una sezione ritmica rocciosa quanto basta. Decisamente più lunari i due brani realizzati insieme a quel geniaccio di David Lowery (Camper Van Beethoven, Cracker): la scheletrica “A Little At A Time” e una sofferta “The Old Horizon” in cui la voce è sostenuta dalle note e dai riverberi di un pianoforte. Quindi, con “Memphis Sun” e “Talk To Me Devil, Again” ci si sposta nei mitici Sun Studios, e tra le pareti che hanno visto nascere il r’n’r ecco che prendono vita ballate elettroacustiche che più classiche non si potrebbe. Infine, il ritorno a casa, nel proprio studio domestico dove – con solo una chitarra e a bassissima fedeltà – sono state cristallizzate “Spanish Moon Fall And Rise” e “Steady Now”.
Disorientati? C’è di che esserlo. E tuttavia, alla prova dei fatti, il disco non manca di una certa organicità di fondo, frutto di una visione d’insieme mai così nitida. Quella di un artista capace di confrontarsi con il rock americano più vero – Neil Young, ma anche la Band – come con il cantautorato più intimista, e di uscirne a testa alta.

Recensione tratta dal Mucchio 627 (ottobre 2006)

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...