Fading Trails
Secretly Canadian/Wide

Jason Molina aveva abbandonato la ragione sociale Songs:Ohia in favore di Magnolia Electric Co. per sottolineare come, a differenza del passato, questa fosse una band vera e propria, con una formazione (relativamente) stabile. E in effetti tanto il live “Trials & Errors” quanto “What Comes After The Blues” – usciti entrambi lo scorso anno – parevano il frutto del lavoro non tanto di un singolo quanto di un collettivo, con Molina primus inter pares. Una sensazione che si rafforza ulteriormente ascoltando “Fading Trails” perché, se è vero che il suo suono è in larga parte organico e corposo come quello di un gruppo, è altrettanto chiaro che a tirare le fila del tutto c’è una persona sola. Tant’è che le nove canzoni al suo interno sono frutto di quattro differenti session di registrazione, con una dozzina di musicisti coinvolti a vario titolo.
Ad aprire le danze, tre episodi registrati da Steve Albini: croccanti e sprizzanti elettricità, con le elettriche sugli scudi (specie in “Don’t Fade On Me”) e una sezione ritmica rocciosa quanto basta. Decisamente più lunari i due brani realizzati insieme a quel geniaccio di David Lowery (Camper Van Beethoven, Cracker): la scheletrica “A Little At A Time” e una sofferta “The Old Horizon” in cui la voce è sostenuta dalle note e dai riverberi di un pianoforte. Quindi, con “Memphis Sun” e “Talk To Me Devil, Again” ci si sposta nei mitici Sun Studios, e tra le pareti che hanno visto nascere il r’n’r ecco che prendono vita ballate elettroacustiche che più classiche non si potrebbe. Infine, il ritorno a casa, nel proprio studio domestico dove – con solo una chitarra e a bassissima fedeltà – sono state cristallizzate “Spanish Moon Fall And Rise” e “Steady Now”.
Disorientati? C’è di che esserlo. E tuttavia, alla prova dei fatti, il disco non manca di una certa organicità di fondo, frutto di una visione d’insieme mai così nitida. Quella di un artista capace di confrontarsi con il rock americano più vero – Neil Young, ma anche la Band – come con il cantautorato più intimista, e di uscirne a testa alta.

Recensione tratta dal Mucchio 627 (ottobre 2006)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...