manics
Manic Street Preachers

Rewind The Film

Sony
8

Più di venti anni fa il Galles consegnò al mondo una prostituta rock che, tra citazioni letterarie, eyeliner e rabbia proletaria, prometteva di pubblicare un album che avrebbe venduto milioni di copie, salvo mandare tutti a fare in culo un attimo dopo e sciogliersi. Nessuna di queste promesse venne mantenuta e oggi, dopo undici lavori in studio, svariate collaborazioni eccellenti e diversi record raggiunti, va riconosciuto ai Manics non solo un posto di tutto rispetto all’interno della scena musicale contemporanea, ma anche l’innegabile e rarissimo dono di sapersi trasformare ad ogni uscita senza perdere di vista la propria identità.

Rewind The Film ne è la conferma e il trio si rimette in gioco con un lavoro quasi totalmente acustico in cui anche gli strumenti che negli anni li hanno sempre più caratterizzati sono presenti sporadicamente, dagli archi nella uggiosa title track (con Richard Hawley alla voce) alle trombe (Anthem For A Lost Cause, il singolo Show Me The Wonder, unico brano uptempo in scaletta). Eppure questo non è un disco di quarantenni che invecchiano giocando a freccette e bevendo tè, tantomeno il frutto di chi si lascia travolgere dalla malinconia (non lo fecero nemmeno durante il tormento che fu la sparizione di Richey Edwards, figura fondamentale nella storia della band). Al contrario i testi, lucidi e disincantati, risultano tra i più ispirati della loro recente produzione. Invettive politiche (“it’s the longest running joke in history, to kill the working classes in the name of liberty”, 30-Year War) si alternano a intime prese di coscienza (“I don’t want my children to grow up like me, it’s too soul destroying”, The Sullen Welsh Heart) creando immagini in netto contrasto con la pulizia generale del suono. È questa sovrapposizione di musica e parole che dà vita a nuove forme, disturbanti e ipnotiche quanto le enormi tele di Jenny Saville a loro tanto care. Nel ’92 la band cantava Born To End e prima o poi accadrà. Non oggi. Non con questo disco.

 

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....