manics
Manic Street Preachers

Rewind The Film

Sony
8

Più di venti anni fa il Galles consegnò al mondo una prostituta rock che, tra citazioni letterarie, eyeliner e rabbia proletaria, prometteva di pubblicare un album che avrebbe venduto milioni di copie, salvo mandare tutti a fare in culo un attimo dopo e sciogliersi. Nessuna di queste promesse venne mantenuta e oggi, dopo undici lavori in studio, svariate collaborazioni eccellenti e diversi record raggiunti, va riconosciuto ai Manics non solo un posto di tutto rispetto all’interno della scena musicale contemporanea, ma anche l’innegabile e rarissimo dono di sapersi trasformare ad ogni uscita senza perdere di vista la propria identità.

Rewind The Film ne è la conferma e il trio si rimette in gioco con un lavoro quasi totalmente acustico in cui anche gli strumenti che negli anni li hanno sempre più caratterizzati sono presenti sporadicamente, dagli archi nella uggiosa title track (con Richard Hawley alla voce) alle trombe (Anthem For A Lost Cause, il singolo Show Me The Wonder, unico brano uptempo in scaletta). Eppure questo non è un disco di quarantenni che invecchiano giocando a freccette e bevendo tè, tantomeno il frutto di chi si lascia travolgere dalla malinconia (non lo fecero nemmeno durante il tormento che fu la sparizione di Richey Edwards, figura fondamentale nella storia della band). Al contrario i testi, lucidi e disincantati, risultano tra i più ispirati della loro recente produzione. Invettive politiche (“it’s the longest running joke in history, to kill the working classes in the name of liberty”, 30-Year War) si alternano a intime prese di coscienza (“I don’t want my children to grow up like me, it’s too soul destroying”, The Sullen Welsh Heart) creando immagini in netto contrasto con la pulizia generale del suono. È questa sovrapposizione di musica e parole che dà vita a nuove forme, disturbanti e ipnotiche quanto le enormi tele di Jenny Saville a loro tanto care. Nel ’92 la band cantava Born To End e prima o poi accadrà. Non oggi. Non con questo disco.

 

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...