manics
Manic Street Preachers

Rewind The Film

Sony
8

Più di venti anni fa il Galles consegnò al mondo una prostituta rock che, tra citazioni letterarie, eyeliner e rabbia proletaria, prometteva di pubblicare un album che avrebbe venduto milioni di copie, salvo mandare tutti a fare in culo un attimo dopo e sciogliersi. Nessuna di queste promesse venne mantenuta e oggi, dopo undici lavori in studio, svariate collaborazioni eccellenti e diversi record raggiunti, va riconosciuto ai Manics non solo un posto di tutto rispetto all’interno della scena musicale contemporanea, ma anche l’innegabile e rarissimo dono di sapersi trasformare ad ogni uscita senza perdere di vista la propria identità.

Rewind The Film ne è la conferma e il trio si rimette in gioco con un lavoro quasi totalmente acustico in cui anche gli strumenti che negli anni li hanno sempre più caratterizzati sono presenti sporadicamente, dagli archi nella uggiosa title track (con Richard Hawley alla voce) alle trombe (Anthem For A Lost Cause, il singolo Show Me The Wonder, unico brano uptempo in scaletta). Eppure questo non è un disco di quarantenni che invecchiano giocando a freccette e bevendo tè, tantomeno il frutto di chi si lascia travolgere dalla malinconia (non lo fecero nemmeno durante il tormento che fu la sparizione di Richey Edwards, figura fondamentale nella storia della band). Al contrario i testi, lucidi e disincantati, risultano tra i più ispirati della loro recente produzione. Invettive politiche (“it’s the longest running joke in history, to kill the working classes in the name of liberty”, 30-Year War) si alternano a intime prese di coscienza (“I don’t want my children to grow up like me, it’s too soul destroying”, The Sullen Welsh Heart) creando immagini in netto contrasto con la pulizia generale del suono. È questa sovrapposizione di musica e parole che dà vita a nuove forme, disturbanti e ipnotiche quanto le enormi tele di Jenny Saville a loro tanto care. Nel ’92 la band cantava Born To End e prima o poi accadrà. Non oggi. Non con questo disco.

 

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...