manics
Manic Street Preachers

Rewind The Film

Sony
8

Più di venti anni fa il Galles consegnò al mondo una prostituta rock che, tra citazioni letterarie, eyeliner e rabbia proletaria, prometteva di pubblicare un album che avrebbe venduto milioni di copie, salvo mandare tutti a fare in culo un attimo dopo e sciogliersi. Nessuna di queste promesse venne mantenuta e oggi, dopo undici lavori in studio, svariate collaborazioni eccellenti e diversi record raggiunti, va riconosciuto ai Manics non solo un posto di tutto rispetto all’interno della scena musicale contemporanea, ma anche l’innegabile e rarissimo dono di sapersi trasformare ad ogni uscita senza perdere di vista la propria identità.

Rewind The Film ne è la conferma e il trio si rimette in gioco con un lavoro quasi totalmente acustico in cui anche gli strumenti che negli anni li hanno sempre più caratterizzati sono presenti sporadicamente, dagli archi nella uggiosa title track (con Richard Hawley alla voce) alle trombe (Anthem For A Lost Cause, il singolo Show Me The Wonder, unico brano uptempo in scaletta). Eppure questo non è un disco di quarantenni che invecchiano giocando a freccette e bevendo tè, tantomeno il frutto di chi si lascia travolgere dalla malinconia (non lo fecero nemmeno durante il tormento che fu la sparizione di Richey Edwards, figura fondamentale nella storia della band). Al contrario i testi, lucidi e disincantati, risultano tra i più ispirati della loro recente produzione. Invettive politiche (“it’s the longest running joke in history, to kill the working classes in the name of liberty”, 30-Year War) si alternano a intime prese di coscienza (“I don’t want my children to grow up like me, it’s too soul destroying”, The Sullen Welsh Heart) creando immagini in netto contrasto con la pulizia generale del suono. È questa sovrapposizione di musica e parole che dà vita a nuove forme, disturbanti e ipnotiche quanto le enormi tele di Jenny Saville a loro tanto care. Nel ’92 la band cantava Born To End e prima o poi accadrà. Non oggi. Non con questo disco.

 

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...