Neve Ridens (Ridens)
Mescal/Sony Bmg

Questo disco non è, per ammissione del suo stesso creatore, il secondo episodio di un ciclo: se è vero che con il primo “Neve Ridens”, uscito lo scorso settembre, le affinità sono in una certa empatia musicale che le chitarre di Asso Stefana, la batteria di Enzo Cimino, il basso di Gionni Dell’Orto, i fiati e il piano di Enrico Gabrielli hanno fornito con grande generosità, qui c’è però un’attenzione diversa ai dettagli, alle parole, a timbri che lo rendono distante da qualsiasi altra cosa Marco Parente abbia fatto fino ad oggi. Potremmo scrivere – e lo facciamo – che si tratta dell’album migliore dell’artista fiorentino, una carriera spesa a mettere assieme spunti lirici in maniera sempre meno convenzionale e sempre più attenta alla comunicazione aperta, emotiva, sorprendente. In ciò il cd, con le sue vie traverse e slegate da ogni genere (il jazz in “Ascensore inferno piano terra”, la sperimentazione armonica nella “Trilogia del sorriso animale”, quella testuale ne “L’amore cattivo”, l’omaggio, atipico e splendido, a Caetano Veloso di “Michelangelo Antonioni”) supera, appunto, i predecessori.
Un’attitudine artistica che rende le canzoni uno spazio in cui colori e versi dialogano assieme. Non ci sono strutture precise: è come guardare un quadro che limita al massimo i contorni degli oggetti che evoca. “Neve Ridens (Ridens)” è un album in cui molto, se non tutto, si liquefa e ogni cosa scorre. Sinestesico ma accessibile, non rende la ricerca su cui avanza qualcosa di estraneo all’ascoltatore: un fatto che è tra i pregi maggiori di un’opera che, per le capacità canore di Marco, si avvicina direttamente all’estetica del Tim Buckley più sofferto pur non essendone un semplice erede. In realtà fra le pieghe dei brani c’è l’esempio di cosa possa significare oggi, se volete, canzone d’autore, senza che il termine indichi un limite o un ghetto in cui entrare. Accettare che Marco Parente sia un grande autore contemporaneo della musica italiana è tanto facile quanto assolutamente doveroso, sotto ogni aspetto.

Recensione tartta dal n.620 del Mucchio (marzo 2006)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...