Neve Ridens (Ridens)
Mescal/Sony Bmg

Questo disco non è, per ammissione del suo stesso creatore, il secondo episodio di un ciclo: se è vero che con il primo “Neve Ridens”, uscito lo scorso settembre, le affinità sono in una certa empatia musicale che le chitarre di Asso Stefana, la batteria di Enzo Cimino, il basso di Gionni Dell’Orto, i fiati e il piano di Enrico Gabrielli hanno fornito con grande generosità, qui c’è però un’attenzione diversa ai dettagli, alle parole, a timbri che lo rendono distante da qualsiasi altra cosa Marco Parente abbia fatto fino ad oggi. Potremmo scrivere – e lo facciamo – che si tratta dell’album migliore dell’artista fiorentino, una carriera spesa a mettere assieme spunti lirici in maniera sempre meno convenzionale e sempre più attenta alla comunicazione aperta, emotiva, sorprendente. In ciò il cd, con le sue vie traverse e slegate da ogni genere (il jazz in “Ascensore inferno piano terra”, la sperimentazione armonica nella “Trilogia del sorriso animale”, quella testuale ne “L’amore cattivo”, l’omaggio, atipico e splendido, a Caetano Veloso di “Michelangelo Antonioni”) supera, appunto, i predecessori.
Un’attitudine artistica che rende le canzoni uno spazio in cui colori e versi dialogano assieme. Non ci sono strutture precise: è come guardare un quadro che limita al massimo i contorni degli oggetti che evoca. “Neve Ridens (Ridens)” è un album in cui molto, se non tutto, si liquefa e ogni cosa scorre. Sinestesico ma accessibile, non rende la ricerca su cui avanza qualcosa di estraneo all’ascoltatore: un fatto che è tra i pregi maggiori di un’opera che, per le capacità canore di Marco, si avvicina direttamente all’estetica del Tim Buckley più sofferto pur non essendone un semplice erede. In realtà fra le pieghe dei brani c’è l’esempio di cosa possa significare oggi, se volete, canzone d’autore, senza che il termine indichi un limite o un ghetto in cui entrare. Accettare che Marco Parente sia un grande autore contemporaneo della musica italiana è tanto facile quanto assolutamente doveroso, sotto ogni aspetto.

Recensione tartta dal n.620 del Mucchio (marzo 2006)

Ultime recensioni Musica
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...