Neve Ridens (Ridens)
Mescal/Sony Bmg

Questo disco non è, per ammissione del suo stesso creatore, il secondo episodio di un ciclo: se è vero che con il primo “Neve Ridens”, uscito lo scorso settembre, le affinità sono in una certa empatia musicale che le chitarre di Asso Stefana, la batteria di Enzo Cimino, il basso di Gionni Dell’Orto, i fiati e il piano di Enrico Gabrielli hanno fornito con grande generosità, qui c’è però un’attenzione diversa ai dettagli, alle parole, a timbri che lo rendono distante da qualsiasi altra cosa Marco Parente abbia fatto fino ad oggi. Potremmo scrivere – e lo facciamo – che si tratta dell’album migliore dell’artista fiorentino, una carriera spesa a mettere assieme spunti lirici in maniera sempre meno convenzionale e sempre più attenta alla comunicazione aperta, emotiva, sorprendente. In ciò il cd, con le sue vie traverse e slegate da ogni genere (il jazz in “Ascensore inferno piano terra”, la sperimentazione armonica nella “Trilogia del sorriso animale”, quella testuale ne “L’amore cattivo”, l’omaggio, atipico e splendido, a Caetano Veloso di “Michelangelo Antonioni”) supera, appunto, i predecessori.
Un’attitudine artistica che rende le canzoni uno spazio in cui colori e versi dialogano assieme. Non ci sono strutture precise: è come guardare un quadro che limita al massimo i contorni degli oggetti che evoca. “Neve Ridens (Ridens)” è un album in cui molto, se non tutto, si liquefa e ogni cosa scorre. Sinestesico ma accessibile, non rende la ricerca su cui avanza qualcosa di estraneo all’ascoltatore: un fatto che è tra i pregi maggiori di un’opera che, per le capacità canore di Marco, si avvicina direttamente all’estetica del Tim Buckley più sofferto pur non essendone un semplice erede. In realtà fra le pieghe dei brani c’è l’esempio di cosa possa significare oggi, se volete, canzone d’autore, senza che il termine indichi un limite o un ghetto in cui entrare. Accettare che Marco Parente sia un grande autore contemporaneo della musica italiana è tanto facile quanto assolutamente doveroso, sotto ogni aspetto.

Recensione tartta dal n.620 del Mucchio (marzo 2006)

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...