Neve Ridens (Ridens)
Mescal/Sony Bmg

Questo disco non è, per ammissione del suo stesso creatore, il secondo episodio di un ciclo: se è vero che con il primo “Neve Ridens”, uscito lo scorso settembre, le affinità sono in una certa empatia musicale che le chitarre di Asso Stefana, la batteria di Enzo Cimino, il basso di Gionni Dell’Orto, i fiati e il piano di Enrico Gabrielli hanno fornito con grande generosità, qui c’è però un’attenzione diversa ai dettagli, alle parole, a timbri che lo rendono distante da qualsiasi altra cosa Marco Parente abbia fatto fino ad oggi. Potremmo scrivere – e lo facciamo – che si tratta dell’album migliore dell’artista fiorentino, una carriera spesa a mettere assieme spunti lirici in maniera sempre meno convenzionale e sempre più attenta alla comunicazione aperta, emotiva, sorprendente. In ciò il cd, con le sue vie traverse e slegate da ogni genere (il jazz in “Ascensore inferno piano terra”, la sperimentazione armonica nella “Trilogia del sorriso animale”, quella testuale ne “L’amore cattivo”, l’omaggio, atipico e splendido, a Caetano Veloso di “Michelangelo Antonioni”) supera, appunto, i predecessori.
Un’attitudine artistica che rende le canzoni uno spazio in cui colori e versi dialogano assieme. Non ci sono strutture precise: è come guardare un quadro che limita al massimo i contorni degli oggetti che evoca. “Neve Ridens (Ridens)” è un album in cui molto, se non tutto, si liquefa e ogni cosa scorre. Sinestesico ma accessibile, non rende la ricerca su cui avanza qualcosa di estraneo all’ascoltatore: un fatto che è tra i pregi maggiori di un’opera che, per le capacità canore di Marco, si avvicina direttamente all’estetica del Tim Buckley più sofferto pur non essendone un semplice erede. In realtà fra le pieghe dei brani c’è l’esempio di cosa possa significare oggi, se volete, canzone d’autore, senza che il termine indichi un limite o un ghetto in cui entrare. Accettare che Marco Parente sia un grande autore contemporaneo della musica italiana è tanto facile quanto assolutamente doveroso, sotto ogni aspetto.

Recensione tartta dal n.620 del Mucchio (marzo 2006)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...