mariam
Mariam The Believer

Love Everything

Repeat Until Death
7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura della seconda prova da solista di Mariam Wallentin con l’alias Mariam The Believer, una ballad d’amore che abbina con minimalismo archi, soulfulness e sperimentazione. Al fianco del marito Andreas Werliin, qui presente dietro ai tamburi, l’artista svedese ha dato nuova linfa all’incrocio tra pop-rock e avanguardia attraverso quattro album bellissimi con la sigla Wildbirds & Peacedrums, forse troppo raffinati e bisognosi di essere esperiti con la massima attenzione per ricevere degli apprezzamenti di massa, ma di sicuro tra le migliori espressioni in musica indipendente dell’ultimo decennio. Se il più recente lavoro del duo, Rhythm del 2014, era volto sin dal titolo a una maggior ritmicità, una fisicità quasi cruda, qui Mariam è in media più spirituale e leggera, nell’accezione più nobile del termine. Meno cupo, meno elettrico e anche meno eterogeneo dell’esordio in proprio Blood Donation, Love Everything è un ascolto che irradia luminosità con grande padronanza di mezzi, un ascolto che rimette in pace col mondo.

Le cose si fanno particolarmente notevoli con i 6 minuti e mezzo di Eternity, che mira sul serio verso l’eternità: una natura in movimento che cambia forma con armonie aquatiche, fiati suadenti e improvvise scansioni vocali R’n’B se non filo-hip hop, che si avvicina alle Ibeyi, che riflette su buio e luce, vita e morte. Non è da meno la positiva brezza pop di Pieces, un inno all’importanza delle piccole cose sfociante in un mantra pervaso da una tale grazia che fa sembrare tutto possibile. Il groove marziale tipico della band madre torna, assieme a chitarre magnificamente postrock e a un’andatura inequivocabilmente jazz, nello scioglilingua di Bodylife: una rincorsa di strofe, ritornelli, cori che sottolinea, ancora una volta, straordinarie abilità canore. Darkening, poi, riesce a unire metrature modernissime e aperture melodiche con tanto di archi, raccontando la fase del tramonto dell’esistenza con una classe suprema: sentiamo intonare parole come “All that we love will come to an end one day / A brief stay a brief / Then all the light will turn from yellow to grey” commuovendoci con un sorriso di soddisfazione. Basterebbe questo per esaltare un disco che sa farsi comunque interessante anche con il gospel a pieni polmoni di Bullies, il blues del subconscio di una Treasure che si sbarazza di ogni immondizia emotiva e proietta la Björk di Hyperballad ai tempi di Medúlla, il combattivo collegamento testuale fra Total e Fight For You – uno dei cavalli di battaglia dei Wildbirds & Peacedrums – e i saliscendi dell’estesa Crust, che in chiusura lasciano immaginare un incontro fra Kate Bush e Kamasi Washington. Tra i numerosi musicisti, partecipano Oren Ambarchi e Mats Gustafsson (deux ex machina della Fire! Orchestra nella quale è coinvolta la stessa Mariam), ovviamente alla chitarra e al sax. A conferma, ce ne fosse bisogno, che ci troviamo ai massimi livelli. “Se Wildbirds & Peacedrums sono il terreno, Mariam The Believer è l’universo”, ci disse la diretta interessata anni fa. E l’universo è per miracolo in questa voce, in queste canzoni che riattivano le funzioni del cuore.

Pubblicato su Il Mucchio Selvaggio n. 760

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...