marlene
Marlene Kuntz

Nella tua luce

Columbia/Sony
6

Maledizione a colui che per primo ha conferito a Cristiano Godano la patente ufficiale di “autore”, peggio, di “poeta”, secondo la comune opinione che vuole che l’aspirazione massima di chi fa musica stia nel far letteratura. Se ora il nono album di una delle più significative formazioni del rock alternativo nostrano si ritrova farcito di improbabili riferimenti a Oscar Wilde, a Dante Alighieri e ai poeti russi esiliati dal regime stalinista (Osip Mandel’stam, il nome taciuto dietro ad Osja amore mio) è anche colpa sua.
L’avvicinamento dei Marlene Kuntz alla forma canzone tradizionale, da Senza peso in avanti, ha coinciso con un processo di cambiamento consapevole e necessario. Pretendere, a quarant’anni suonati, di spingere come quando se ne avevano venti sarebbe stato poco credibile e un po’ ridicolo. Ma altrettanto poco credibile e ridicolo è ascoltare un autore maturo mentre tesse le sue stesse lodi di erudito marpione (Seduzione) o minaccia di fare a botte contro il suo Vincenzo personale (l’invettiva Giacomo Eremita dove il citato di turno è Alberto Fortis). Non solo le chitarre, ma anche le parole possono peccare di ingenuità, specie quando credono di rimpiazzare ogni tipo di (auto)ironia con qualche aggettivo altisonante (“fulgido” e “algido” sono parole per tutte le stagioni) o con immagini di lirismo forzoso. La protagonista di Adele, per esempio, è una vittima di stalking che usa trascorrere le giornate a “sorridere alle calendule del parco civico”… Questo immaginario da Sanremo del secondo dopoguerra (“avvinta come l’edera”, anyone?) schiaccia come un macigno un lavoro di per sé tutt’altro che disprezzabile. Perché come il precedente Ricoveri virtuali e sexy solitudini, Nella tua luce presenta un suono affascinante e più di qualche bella soluzione negli arrangiamenti. Ascoltate gli incontri elettricoacustici in Catastrofe, o gli archi che si sollevano in Senza rete e dite se tanta delicatezza non meriterebbe un vocabolario meno polveroso, una penna che riesca ad essere davvero senza peso.

Pubblicato sil Mucchio 710

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...