marlene
Marlene Kuntz

Nella tua luce

Columbia/Sony
6

Maledizione a colui che per primo ha conferito a Cristiano Godano la patente ufficiale di “autore”, peggio, di “poeta”, secondo la comune opinione che vuole che l’aspirazione massima di chi fa musica stia nel far letteratura. Se ora il nono album di una delle più significative formazioni del rock alternativo nostrano si ritrova farcito di improbabili riferimenti a Oscar Wilde, a Dante Alighieri e ai poeti russi esiliati dal regime stalinista (Osip Mandel’stam, il nome taciuto dietro ad Osja amore mio) è anche colpa sua.
L’avvicinamento dei Marlene Kuntz alla forma canzone tradizionale, da Senza peso in avanti, ha coinciso con un processo di cambiamento consapevole e necessario. Pretendere, a quarant’anni suonati, di spingere come quando se ne avevano venti sarebbe stato poco credibile e un po’ ridicolo. Ma altrettanto poco credibile e ridicolo è ascoltare un autore maturo mentre tesse le sue stesse lodi di erudito marpione (Seduzione) o minaccia di fare a botte contro il suo Vincenzo personale (l’invettiva Giacomo Eremita dove il citato di turno è Alberto Fortis). Non solo le chitarre, ma anche le parole possono peccare di ingenuità, specie quando credono di rimpiazzare ogni tipo di (auto)ironia con qualche aggettivo altisonante (“fulgido” e “algido” sono parole per tutte le stagioni) o con immagini di lirismo forzoso. La protagonista di Adele, per esempio, è una vittima di stalking che usa trascorrere le giornate a “sorridere alle calendule del parco civico”… Questo immaginario da Sanremo del secondo dopoguerra (“avvinta come l’edera”, anyone?) schiaccia come un macigno un lavoro di per sé tutt’altro che disprezzabile. Perché come il precedente Ricoveri virtuali e sexy solitudini, Nella tua luce presenta un suono affascinante e più di qualche bella soluzione negli arrangiamenti. Ascoltate gli incontri elettricoacustici in Catastrofe, o gli archi che si sollevano in Senza rete e dite se tanta delicatezza non meriterebbe un vocabolario meno polveroso, una penna che riesca ad essere davvero senza peso.

Pubblicato sil Mucchio 710

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...