maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

Snowdonia/LaZona
8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e Cinzia La Fauci. Otto lunghi anni in cui è accaduto di tutto, sia nella musica sia in termini sociali, con il Web a fungere da Robespierre di una rivoluzione senza precedenti nel campo della comunicazione e dei rapporti. Alla luce di tale mutazione, covavo una certa frenesia per il ritorno di questi due talenti, interpreti originali delle dinamiche del nostro Paese. I Maisie restano campioni indiscussi di una galassia indipendente italiana lontana dal fasullo sistema di presunte “stelle alternative”, tutto ermetismo spicciolo e frivolezza, in auge dalle nostre parti. Il loro canzoniere è articolato, intelligente, provocante e sincero. Il concept Maledette rockstar non poteva quindi non essere maestoso, con 70 musicisti a presenziare, ricco di citazioni colte, irriverenti riflessioni strizzate in un secchio di goliardia. È arte pura, quella dei Maisie. Si potrebbe scomodare un’infinità di generi, dal prog al rock cabaret, fino a una sorta di electro-folk battagliero e rimandi vagamente Motown, senza tuttavia cogliere il nocciolo della singolare struttura sonora.
Scotti e La Fauci danzano come teatranti d’altri tempi, e fuori dal tempo, sganciando pungenti melodie e soluzioni ritmiche a cui si affiancano esternazioni il più delle volte da scolpire nella pietra. Temi politici, Padre Pio che affronta Matteo Messina Denaro in una sfida a colpi di kung fu. In questo marasma di contenuti, spiccano disinvoltura e versatilità. Siano lodati.

Pubblicato sul Mucchio Selvaggio n. 762

Commenti

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...