L’ESTINZIONE DI UN COLLOQUIO AMOROSO
Interno-NdA/Venus

Sconfortati, nel leggere le ultime dichiarazioni – ma anche gli ultimi libri – di Giovanni Lindo Ferretti, accogliamo un nuovo disco di Massimo Zamboni come un sano richiamo al reale, in tempi di crudezze e vuoti assoluti, da contrastare a ogni costo. Nessun fraintendimento: il richiamo alla voce che fu di CCCP-Fedeli alla Linea e CSI e all’excompagno di avventura non vorrebbe innescare alcun effetto nostalgia. Il cammino di Massimo e della sua poetica, da In Mongolia in retromarcia in poi procede senza remore verso un altrove coraggioso ed essenziale, di cui il recente L’inerme è l’imbattibile ha rappresentato alla perfezione le aspirazioni. Un percorso che è dettato soltanto dall’urgenza di raccontare qualcosa, che sia una zona di fuoco dopo i combattimenti o le macerie umane che ci stanno accerchiando. “Ricordati chi sei”, un inciso di A ritroso che si sposa a “Ricordati di me” e che spiega bene gli orizzonti di un terzo, rapido (solo cinque pezzi) ma tutt’altro che lieve, album. Cinque canzoni che sono cinque movimenti in cui L’Estinzione di un colloquio amoroso trapassa i limiti dei sentimenti: dopo senso di sconfitta e inermità, si punta direttamente al cuore dell’essere umano, l’amore che si rivolta nel suo contrario, in un continuo susseguirsi di atti di pace e atti di guerra. Chitarre scabre, vagamente melodiche e lancinanti, a far da corredo. Ci si immerge, insomma, nell’Io, ma non con una volontà semplicemente psicologica: si fa il conto con le contraddizioni e i fantasmi che appartengono anche a noi. Le parole sono pietre, gettate a delimitare un territorio dove si può cascare volando. Non ci sono spiegazioni facili, insomma, per un’opera di poesia personalissima, che punta, come dice il suo autore, direttamente alla propria cassa toracica. Un libretto allegato di disegni e versi, per completare un dischetto enigmatico solo per chi non sa abbandonarsi alla disperazione e alla gioia pura, all’oscuro che cerca sempre la luce, in un odio e amo perenne.

tratto dal Mucchio n°670

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...