L’ESTINZIONE DI UN COLLOQUIO AMOROSO
Interno-NdA/Venus

Sconfortati, nel leggere le ultime dichiarazioni – ma anche gli ultimi libri – di Giovanni Lindo Ferretti, accogliamo un nuovo disco di Massimo Zamboni come un sano richiamo al reale, in tempi di crudezze e vuoti assoluti, da contrastare a ogni costo. Nessun fraintendimento: il richiamo alla voce che fu di CCCP-Fedeli alla Linea e CSI e all’excompagno di avventura non vorrebbe innescare alcun effetto nostalgia. Il cammino di Massimo e della sua poetica, da In Mongolia in retromarcia in poi procede senza remore verso un altrove coraggioso ed essenziale, di cui il recente L’inerme è l’imbattibile ha rappresentato alla perfezione le aspirazioni. Un percorso che è dettato soltanto dall’urgenza di raccontare qualcosa, che sia una zona di fuoco dopo i combattimenti o le macerie umane che ci stanno accerchiando. “Ricordati chi sei”, un inciso di A ritroso che si sposa a “Ricordati di me” e che spiega bene gli orizzonti di un terzo, rapido (solo cinque pezzi) ma tutt’altro che lieve, album. Cinque canzoni che sono cinque movimenti in cui L’Estinzione di un colloquio amoroso trapassa i limiti dei sentimenti: dopo senso di sconfitta e inermità, si punta direttamente al cuore dell’essere umano, l’amore che si rivolta nel suo contrario, in un continuo susseguirsi di atti di pace e atti di guerra. Chitarre scabre, vagamente melodiche e lancinanti, a far da corredo. Ci si immerge, insomma, nell’Io, ma non con una volontà semplicemente psicologica: si fa il conto con le contraddizioni e i fantasmi che appartengono anche a noi. Le parole sono pietre, gettate a delimitare un territorio dove si può cascare volando. Non ci sono spiegazioni facili, insomma, per un’opera di poesia personalissima, che punta, come dice il suo autore, direttamente alla propria cassa toracica. Un libretto allegato di disegni e versi, per completare un dischetto enigmatico solo per chi non sa abbandonarsi alla disperazione e alla gioia pura, all’oscuro che cerca sempre la luce, in un odio e amo perenne.

tratto dal Mucchio n°670

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....