L’ESTINZIONE DI UN COLLOQUIO AMOROSO
Interno-NdA/Venus

Sconfortati, nel leggere le ultime dichiarazioni – ma anche gli ultimi libri – di Giovanni Lindo Ferretti, accogliamo un nuovo disco di Massimo Zamboni come un sano richiamo al reale, in tempi di crudezze e vuoti assoluti, da contrastare a ogni costo. Nessun fraintendimento: il richiamo alla voce che fu di CCCP-Fedeli alla Linea e CSI e all’excompagno di avventura non vorrebbe innescare alcun effetto nostalgia. Il cammino di Massimo e della sua poetica, da In Mongolia in retromarcia in poi procede senza remore verso un altrove coraggioso ed essenziale, di cui il recente L’inerme è l’imbattibile ha rappresentato alla perfezione le aspirazioni. Un percorso che è dettato soltanto dall’urgenza di raccontare qualcosa, che sia una zona di fuoco dopo i combattimenti o le macerie umane che ci stanno accerchiando. “Ricordati chi sei”, un inciso di A ritroso che si sposa a “Ricordati di me” e che spiega bene gli orizzonti di un terzo, rapido (solo cinque pezzi) ma tutt’altro che lieve, album. Cinque canzoni che sono cinque movimenti in cui L’Estinzione di un colloquio amoroso trapassa i limiti dei sentimenti: dopo senso di sconfitta e inermità, si punta direttamente al cuore dell’essere umano, l’amore che si rivolta nel suo contrario, in un continuo susseguirsi di atti di pace e atti di guerra. Chitarre scabre, vagamente melodiche e lancinanti, a far da corredo. Ci si immerge, insomma, nell’Io, ma non con una volontà semplicemente psicologica: si fa il conto con le contraddizioni e i fantasmi che appartengono anche a noi. Le parole sono pietre, gettate a delimitare un territorio dove si può cascare volando. Non ci sono spiegazioni facili, insomma, per un’opera di poesia personalissima, che punta, come dice il suo autore, direttamente alla propria cassa toracica. Un libretto allegato di disegni e versi, per completare un dischetto enigmatico solo per chi non sa abbandonarsi alla disperazione e alla gioia pura, all’oscuro che cerca sempre la luce, in un odio e amo perenne.

tratto dal Mucchio n°670

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...