master-musicians-of-bukkake-far-west-album-art
Master Musicians Of Bukkake

Far West

Important Records
7.5

Il nome, in effetti, fa sorridere. La musica, meno. Da dieci anni i Master Musicians Of Bukkake tessono le trame diaboliche di una psichedelia che unisce i territori polverosi d’Occidente con i suoni mistici d’Oriente, caricando di un’aurea sinistra ognuno dei viaggi percorsi dall’esordio The Visible Sign Of The Invisible Order fino all’ultimo Far West. Un’attitudine che si riflette, tornando al nome, in alcuni riferimenti genericamente “world” del collettivo marocchino “di riferimento” – i Master Musicians Of Jajouka, resi celebri dalle nostre parti da Brian Jones – e, forse, nell’aspetto “ritualistico” della pratica del Bukkake. Con base a Seattle, il collettivo guidato da Randal Dunn (già noto per le collaborazioni con Sunn O))), Earth e Boris) ha incrociato negli anni doom e gamelan music, chitarre elettriche e percussioni esotiche, cerimoniali horrorifici e spiritualità pagana. Gli episodi della trilogia Totem, di cui l’ultimo è datato 2011, sono la religiosa testimonianza di un poderoso viaggio al centro della Terra, percorso rigorosamente attraverso moti circolari. Far West segna un ritorno nel mondo dei vivi caratterizzato da toni epici e, in un certo senso, più raffinati che in passato. Il cerimoniale mantiene la sua atmosfera oscura, ma l’album suona più maestoso, quasi classico, colto, nei suoi arrangiamenti. Synth analogici, ampi spazi “progressivi”, chitarre acustiche americane e inquietudini a tratti metropolitane (il tutto già racchiuso nella traccia d’apertura White Mountain Return) trascinano come da titolo i MMOB verso Occidente. Non che manchino le suggestioni mantriche (Gnomi), ma anche i gong profumati d’Oriente echeggiano meno distanti sulle stratificazioni da soundtrack di Cave Of Light The Prima Materia o sull’inquietudine spettrale di You Are A Dream Like Your DreamerThe Dark Peace. L’equilibrio raggiunto dal collettivo, che asciuga l’aspetto freak mantenendo la propria sostanza allucinatoria, arriva in Circular Ruins, probabilmente ispirato all’altrettanto visionario Jorge Luis Borges.

Pubblicato sul Mucchio 708/709

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...