master-musicians-of-bukkake-far-west-album-art
Master Musicians Of Bukkake

Far West

Important Records
7.5

Il nome, in effetti, fa sorridere. La musica, meno. Da dieci anni i Master Musicians Of Bukkake tessono le trame diaboliche di una psichedelia che unisce i territori polverosi d’Occidente con i suoni mistici d’Oriente, caricando di un’aurea sinistra ognuno dei viaggi percorsi dall’esordio The Visible Sign Of The Invisible Order fino all’ultimo Far West. Un’attitudine che si riflette, tornando al nome, in alcuni riferimenti genericamente “world” del collettivo marocchino “di riferimento” – i Master Musicians Of Jajouka, resi celebri dalle nostre parti da Brian Jones – e, forse, nell’aspetto “ritualistico” della pratica del Bukkake. Con base a Seattle, il collettivo guidato da Randal Dunn (già noto per le collaborazioni con Sunn O))), Earth e Boris) ha incrociato negli anni doom e gamelan music, chitarre elettriche e percussioni esotiche, cerimoniali horrorifici e spiritualità pagana. Gli episodi della trilogia Totem, di cui l’ultimo è datato 2011, sono la religiosa testimonianza di un poderoso viaggio al centro della Terra, percorso rigorosamente attraverso moti circolari. Far West segna un ritorno nel mondo dei vivi caratterizzato da toni epici e, in un certo senso, più raffinati che in passato. Il cerimoniale mantiene la sua atmosfera oscura, ma l’album suona più maestoso, quasi classico, colto, nei suoi arrangiamenti. Synth analogici, ampi spazi “progressivi”, chitarre acustiche americane e inquietudini a tratti metropolitane (il tutto già racchiuso nella traccia d’apertura White Mountain Return) trascinano come da titolo i MMOB verso Occidente. Non che manchino le suggestioni mantriche (Gnomi), ma anche i gong profumati d’Oriente echeggiano meno distanti sulle stratificazioni da soundtrack di Cave Of Light The Prima Materia o sull’inquietudine spettrale di You Are A Dream Like Your DreamerThe Dark Peace. L’equilibrio raggiunto dal collettivo, che asciuga l’aspetto freak mantenendo la propria sostanza allucinatoria, arriva in Circular Ruins, probabilmente ispirato all’altrettanto visionario Jorge Luis Borges.

Pubblicato sul Mucchio 708/709

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...