COVERGIOVANARDI_4
Mauro Ermanno Giovanardi

Il mio stile

Produzioni Fuorivia/Egea
8

Come tutti al mondo un giorno dovrò dire addio / Ma se c’è un segno che posso lasciare / Voglio che almeno sia il mio”. Mauro Ermanno Giovanardi il suo segno sulla canzone italiana l’ha già lasciato eccome, prima con i La Crus – che esordirono vent’anni fa coniugando tradizione ed elettronica – e poi con una carriera solistica abbozzata con Cuore a nudo del 2007 e definitivamente inaugurata con Ho sognato troppo l’altra notte? del 2011, trainato dal singolo sanremese Io confesso. Dopo le cover di Maledetto colui che è solo, in compagnia dei Sinfonico Honolulu, è tempo di ritornare su materiale inedito. Il songwriter lombardo lo fa conservando una schiettezza emotiva dall’estrema cura lirica ma senza troppi giri di parole. Background new wave, spirito r’n’r e amore per la grande scrittura: Nick Cave, Scott Walker, Serge Gainsbourg. L’austerità da crooner, sostenuta da un canto sempre profondo, è comunque stemperata dalla gioia melodica che pervade ogni nota, in linea con una filosofia pop dai numerosi riferimenti.

Prodotto con Leziero Rescigno e Roberto Vernetti, Il mio stile introduce persino novità di rilievo: via l’orchestra d’archi, sostituita da un quartetto vocale e fiati mai così ricchi. Come un Luigi Tenco arrangiato da Luca Sapio in un film di Quentin Tarantino. Velluto nero e sentimento selvaggio, per il lavoro più soul e sensuale di Joe: il manifesto di Sono come mi vedi, il gospel westernato di Se c’è un Dio, l’eleganza Seventies di Su una lama, la morriconiana Aspetta un attimo, il calore black di Quando suono, il folk d’autore di Più notte di così, una Anche senza parlare composta da Gianmaria Testa con elettricità e ritornello aperto. Le immancabili ballate: Tre volte e Come esistere anch’io fanno centro, per non dire dell’intimismo struggente di una Nel centro di Milano che si collega al passato di Dietro la curva del cuore. La rilettura di Il tuo stile di Leo Ferrè fornisce l’assist per il titolo dell’album e ribadisce che in fondo è la classe a fare la differenza.

Commenti

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...