Un tassello mai abbastanza ricordato della musica gospel (e soul, e pop) dei Sessanta, che ha finito per mietere successo nel decennio successivo e ne ha attraversato almeno quattro in buona salute: questa la casamadre di Mavis Staples, gli Staples Singers, fondati dal padre, Roebuck “Pops” Staples, in circolazione fin dai tardi 40. Un gruppo familiare, che ha messo in cortocircuito la tradizione nera e quella delle classifiche senza distinzioni di razza, come altri soggetti legati alla Stax di Memphis. Momenti sicuramente meno prosaici di oggi, che hanno però lanciato un filo verso il presente, piuttosto tenace.
Non è un caso che per la seconda volta sia Jeff Tweedy a occuparsi di produrre un album di Mavis, il tredicesimo, dopo che You Are Not Alone, nel 2010, ha vinto il Grammy Award come miglior disco di Americana. È proprio l’America più spirituale a respirare adeguatamente in un percorso fatto di dieci canzoni che spaziano dall’invocazione religiosa, diretta (Jesus Wept, Woke Up This Morning With My Mind On Jesus), all’accettazione di qualcos’altro che resta sempre attorno a noi (Holy Ghost), fino alle considerazioni più intime, firmate in tre occasioni dallo stesso Tweedy, che con Nick Lowe ha guidato l’incredibile voce di miss Staples in una zona elegante, rock quanto basta, in pieno stile Wilco, per attrarre a dovere anche il semplice ascoltatore curioso. Un disco che sa essere sufficientemente oscuro (Every Step), a tratti, per dare ai momenti più solari un sapore ancora più radioso, dal primo singolo annunciato, I Like The Things About Me, all’ipnotico call and response di Can You Get That. Il resto sarebbe musica libera da strettoie e convenzioni, dove lo stile di una cantante duttile, vibrante, intensa, che rende i suoi anni artistici con uno spessore magnetico completamente autonomo, esclusivo, può esprimersi al meglio. “Abbiamo cercato di non creare intralci alla grandezza di Mavis”, ha raccontato Jeff, “perché potesse incantarci a dovere, come sa fare solo lei”. Poco, forse nulla, da aggiungere.

Pubblicato sul Mucchio 708/709

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...