OUR EARTHLY PLEASURES
Warp/Self

C’è qualcosa di più britannico della voce di Paul Smith? Un vibrato nasale e un poco teatrale in cui siamo incappati accostandoci al futurismo kitsch di Bryan Ferry, osservandolo riemergere sotto plumbei cieli post punk, più sguaiato, attraverso un John Lydon non più Rotten. E che in seguito abbiamo intravisto, un po’ mutato, in Brett Anderson, Jarvis Cocker e Damon Albarn (crescendo di statura col tempo negli ultimi due). Un tono – ma sospettiamo che sia una categoria dello spirito, o forse è una semplice questione di personalità, categoria sempre più latitante – che per  un po’ ci eravamo convinti di aver ritrovato pure in Brian Molko. Ma ci eravamo, col senno di poi, sbagliati, e di molto. I Maxïmo Park sono sintonizzati su quella frequenza, anche se magari l’enunciazione non è ancora autorevole come nel caso dei personaggi poco fa citati: c’è chi lo chiama art rock, un modo per uscirne puliti e lindi senza faticare troppo, ma che può incasellare in modo preciso un disco come questo e la sua ambizione. Non che sia un capolavoro, intendiamoci, ma riesce a non trascinarsi dietro sensi di colpa da “next big thing” incapace di sopravvivere a se stessa ed è convinto di avere delle cose da dire, alla faccia di chi considera l’ambizione nel rock un peccato in sé. Che la veste sonora coincida con una sequenza di canzoni nervose e tirate, senza dubbio perfettamente inserita nell’attuale panorama sonoro, vedi la sindrome da fotocopiatrice inceppata – in modalità new wave/post punk – che sembra avere inchiodato il presente al terreno, ci sembra una questione più di forma che di sostanza: le canzoni ci sono, eccome, e rispondono al nome di “Girls Who Play Guitars”, “Karaoke Plays”, “Nosebleed” ad esempio. A volte la ruota smette di girare a vuoto e raccoglie un po’ di acqua fresca. Ci siamo quasi convinti che sia successo anche questa volta. Naturalmente ci auguriamo che non arrivi la smentita: non abbiamo più l’età per certe disillusioni e poi rischiamo di passare il resto del nostro tempo a lamentarci dei bei tempi andati.

(Recensione tratta dal Mucchio n.633 – Aprile 2007)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...