OUR EARTHLY PLEASURES
Warp/Self

C’è qualcosa di più britannico della voce di Paul Smith? Un vibrato nasale e un poco teatrale in cui siamo incappati accostandoci al futurismo kitsch di Bryan Ferry, osservandolo riemergere sotto plumbei cieli post punk, più sguaiato, attraverso un John Lydon non più Rotten. E che in seguito abbiamo intravisto, un po’ mutato, in Brett Anderson, Jarvis Cocker e Damon Albarn (crescendo di statura col tempo negli ultimi due). Un tono – ma sospettiamo che sia una categoria dello spirito, o forse è una semplice questione di personalità, categoria sempre più latitante – che per  un po’ ci eravamo convinti di aver ritrovato pure in Brian Molko. Ma ci eravamo, col senno di poi, sbagliati, e di molto. I Maxïmo Park sono sintonizzati su quella frequenza, anche se magari l’enunciazione non è ancora autorevole come nel caso dei personaggi poco fa citati: c’è chi lo chiama art rock, un modo per uscirne puliti e lindi senza faticare troppo, ma che può incasellare in modo preciso un disco come questo e la sua ambizione. Non che sia un capolavoro, intendiamoci, ma riesce a non trascinarsi dietro sensi di colpa da “next big thing” incapace di sopravvivere a se stessa ed è convinto di avere delle cose da dire, alla faccia di chi considera l’ambizione nel rock un peccato in sé. Che la veste sonora coincida con una sequenza di canzoni nervose e tirate, senza dubbio perfettamente inserita nell’attuale panorama sonoro, vedi la sindrome da fotocopiatrice inceppata – in modalità new wave/post punk – che sembra avere inchiodato il presente al terreno, ci sembra una questione più di forma che di sostanza: le canzoni ci sono, eccome, e rispondono al nome di “Girls Who Play Guitars”, “Karaoke Plays”, “Nosebleed” ad esempio. A volte la ruota smette di girare a vuoto e raccoglie un po’ di acqua fresca. Ci siamo quasi convinti che sia successo anche questa volta. Naturalmente ci auguriamo che non arrivi la smentita: non abbiamo più l’età per certe disillusioni e poi rischiamo di passare il resto del nostro tempo a lamentarci dei bei tempi andati.

(Recensione tratta dal Mucchio n.633 – Aprile 2007)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...