OUR EARTHLY PLEASURES
Warp/Self

C’è qualcosa di più britannico della voce di Paul Smith? Un vibrato nasale e un poco teatrale in cui siamo incappati accostandoci al futurismo kitsch di Bryan Ferry, osservandolo riemergere sotto plumbei cieli post punk, più sguaiato, attraverso un John Lydon non più Rotten. E che in seguito abbiamo intravisto, un po’ mutato, in Brett Anderson, Jarvis Cocker e Damon Albarn (crescendo di statura col tempo negli ultimi due). Un tono – ma sospettiamo che sia una categoria dello spirito, o forse è una semplice questione di personalità, categoria sempre più latitante – che per  un po’ ci eravamo convinti di aver ritrovato pure in Brian Molko. Ma ci eravamo, col senno di poi, sbagliati, e di molto. I Maxïmo Park sono sintonizzati su quella frequenza, anche se magari l’enunciazione non è ancora autorevole come nel caso dei personaggi poco fa citati: c’è chi lo chiama art rock, un modo per uscirne puliti e lindi senza faticare troppo, ma che può incasellare in modo preciso un disco come questo e la sua ambizione. Non che sia un capolavoro, intendiamoci, ma riesce a non trascinarsi dietro sensi di colpa da “next big thing” incapace di sopravvivere a se stessa ed è convinto di avere delle cose da dire, alla faccia di chi considera l’ambizione nel rock un peccato in sé. Che la veste sonora coincida con una sequenza di canzoni nervose e tirate, senza dubbio perfettamente inserita nell’attuale panorama sonoro, vedi la sindrome da fotocopiatrice inceppata – in modalità new wave/post punk – che sembra avere inchiodato il presente al terreno, ci sembra una questione più di forma che di sostanza: le canzoni ci sono, eccome, e rispondono al nome di “Girls Who Play Guitars”, “Karaoke Plays”, “Nosebleed” ad esempio. A volte la ruota smette di girare a vuoto e raccoglie un po’ di acqua fresca. Ci siamo quasi convinti che sia successo anche questa volta. Naturalmente ci auguriamo che non arrivi la smentita: non abbiamo più l’età per certe disillusioni e poi rischiamo di passare il resto del nostro tempo a lamentarci dei bei tempi andati.

(Recensione tratta dal Mucchio n.633 – Aprile 2007)

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...