OUR EARTHLY PLEASURES
Warp/Self

C’è qualcosa di più britannico della voce di Paul Smith? Un vibrato nasale e un poco teatrale in cui siamo incappati accostandoci al futurismo kitsch di Bryan Ferry, osservandolo riemergere sotto plumbei cieli post punk, più sguaiato, attraverso un John Lydon non più Rotten. E che in seguito abbiamo intravisto, un po’ mutato, in Brett Anderson, Jarvis Cocker e Damon Albarn (crescendo di statura col tempo negli ultimi due). Un tono – ma sospettiamo che sia una categoria dello spirito, o forse è una semplice questione di personalità, categoria sempre più latitante – che per  un po’ ci eravamo convinti di aver ritrovato pure in Brian Molko. Ma ci eravamo, col senno di poi, sbagliati, e di molto. I Maxïmo Park sono sintonizzati su quella frequenza, anche se magari l’enunciazione non è ancora autorevole come nel caso dei personaggi poco fa citati: c’è chi lo chiama art rock, un modo per uscirne puliti e lindi senza faticare troppo, ma che può incasellare in modo preciso un disco come questo e la sua ambizione. Non che sia un capolavoro, intendiamoci, ma riesce a non trascinarsi dietro sensi di colpa da “next big thing” incapace di sopravvivere a se stessa ed è convinto di avere delle cose da dire, alla faccia di chi considera l’ambizione nel rock un peccato in sé. Che la veste sonora coincida con una sequenza di canzoni nervose e tirate, senza dubbio perfettamente inserita nell’attuale panorama sonoro, vedi la sindrome da fotocopiatrice inceppata – in modalità new wave/post punk – che sembra avere inchiodato il presente al terreno, ci sembra una questione più di forma che di sostanza: le canzoni ci sono, eccome, e rispondono al nome di “Girls Who Play Guitars”, “Karaoke Plays”, “Nosebleed” ad esempio. A volte la ruota smette di girare a vuoto e raccoglie un po’ di acqua fresca. Ci siamo quasi convinti che sia successo anche questa volta. Naturalmente ci auguriamo che non arrivi la smentita: non abbiamo più l’età per certe disillusioni e poi rischiamo di passare il resto del nostro tempo a lamentarci dei bei tempi andati.

(Recensione tratta dal Mucchio n.633 – Aprile 2007)

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...