OUT OF OUR MINDS
Roadrunner/Warner

Fuori di testa lo è sicuramente e nel senso più nobile del termine, Melissa Auf der Maur. Dopo l’omonimo, solido esordio del 2004, la celebre ex bassista di Hole e Smashing Pumpkins ritorna sulle scene con un coraggioso progetto multimediale sviluppato nell’arco di tre anni e articolato in un concept album, un film per la regia di Tony Stone – presentato al Festival di Sundance e caratterizzato da incidenti d’auto, boschi sanguinanti, vichinghi e realtà parallele – e un fumetto illustrato da Jack Forbes. Al di là della capacità di scrivere brani che miscelano aggressività e melodie infettive, l’artista canadese ribadisce di essere in primis un’ottima musicista: il disco, senza mezze misure e difficilmente inquadrabile, è al tempo stesso un’ideale colonna sonora e una raccolta di vere e proprie canzoni. Produzione emixaggio sono curati da un team prestigioso che schiera Jordon Zadorozny, Chris Goss, Alan Moulder e Mike Frazer,mentre le dodici tracce rivelano in un colpo solo l’amore per Black Sabbath e Kyuss così come per Smiths e Blondie. Si rimane non di rado spiazzati, sia per il tono estremamente epico che contraddistingue il tutto sia per la bizzarra varietà di soluzioni adottate: riff incendiari, staffilate elettriche, cori filo-fantasy, groovosi effetti sintetici, tasti schizofrenici, battiti cardiaci, atmosfere inquietanti, onde che si infrangono, testi dall’immaginario preraffaellita, dettagli finemente scolpiti. Si va da cavalcate con sporadici inserti vocali (l’ossessiva Hunt, posta in apertura) a strumentali di enfatica suggestione (Lead Horse), da reminiscenze stoner rielaborate in ottica moderna (la title track) a episodi in cui il ritmo sconfina in cerniere semi-funk (Isis Speaks o 1000 Years), da numeri screziati di pop Eighties (Follow The Map e Meet Me On The Dark Side) e sciamaniche ballate in crescendo (The Key) a frecce dal retrogusto ancestrale (22 Below), da esperimenti fra acustiche medievaleggianti e propaggini space (This Would Be Paradise) a un melodrammatico, vibrante duetto con Glenn Danzig (Father’s Grave). Un piccolo universo onirico virato in rosso.

tratto dal Mucchio n°669

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...