OUT OF OUR MINDS
Roadrunner/Warner

Fuori di testa lo è sicuramente e nel senso più nobile del termine, Melissa Auf der Maur. Dopo l’omonimo, solido esordio del 2004, la celebre ex bassista di Hole e Smashing Pumpkins ritorna sulle scene con un coraggioso progetto multimediale sviluppato nell’arco di tre anni e articolato in un concept album, un film per la regia di Tony Stone – presentato al Festival di Sundance e caratterizzato da incidenti d’auto, boschi sanguinanti, vichinghi e realtà parallele – e un fumetto illustrato da Jack Forbes. Al di là della capacità di scrivere brani che miscelano aggressività e melodie infettive, l’artista canadese ribadisce di essere in primis un’ottima musicista: il disco, senza mezze misure e difficilmente inquadrabile, è al tempo stesso un’ideale colonna sonora e una raccolta di vere e proprie canzoni. Produzione emixaggio sono curati da un team prestigioso che schiera Jordon Zadorozny, Chris Goss, Alan Moulder e Mike Frazer,mentre le dodici tracce rivelano in un colpo solo l’amore per Black Sabbath e Kyuss così come per Smiths e Blondie. Si rimane non di rado spiazzati, sia per il tono estremamente epico che contraddistingue il tutto sia per la bizzarra varietà di soluzioni adottate: riff incendiari, staffilate elettriche, cori filo-fantasy, groovosi effetti sintetici, tasti schizofrenici, battiti cardiaci, atmosfere inquietanti, onde che si infrangono, testi dall’immaginario preraffaellita, dettagli finemente scolpiti. Si va da cavalcate con sporadici inserti vocali (l’ossessiva Hunt, posta in apertura) a strumentali di enfatica suggestione (Lead Horse), da reminiscenze stoner rielaborate in ottica moderna (la title track) a episodi in cui il ritmo sconfina in cerniere semi-funk (Isis Speaks o 1000 Years), da numeri screziati di pop Eighties (Follow The Map e Meet Me On The Dark Side) e sciamaniche ballate in crescendo (The Key) a frecce dal retrogusto ancestrale (22 Below), da esperimenti fra acustiche medievaleggianti e propaggini space (This Would Be Paradise) a un melodrammatico, vibrante duetto con Glenn Danzig (Father’s Grave). Un piccolo universo onirico virato in rosso.

tratto dal Mucchio n°669

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...