Da circa venticinque anni, ovvero dal Black Album del 1991, i Metallica sono una band che procura solo reazioni estreme: conati di vomito, ira e pressione alta fra coloro che non ne hanno mai voluto accettare le trasformazioni; orgasmi, estasi e allucinazioni lisergiche fra chi invece ha continuato a seguirne il verbo. La verità è che Hetfield e soci ci hanno messo del loro con forzature (Load e Reload), disastri (St. Anger), cadute di stile (Garage, Inc., Death Magnetic) e collaborazioni raccapriccianti (quella con Lou Reed in Lulu), ma l’uscita di un loro nuovo disco è sempre un evento, piaccia o meno, ancor più se con premesse importanti. Sì, perché Hardwired… To Self-Destruct non sarà certo un album della svolta, non aggiungerà nulla né alla discografia dei Metallica né tantomeno al mondo del metal, ma è un buon lavoro. Semplicemente e onestamente un buon lavoro, che vede i Metallica essere se stessi senza pensarci troppo su. Mancano momenti che spezzano la tensione e ciò in fondo fa bene alla scaletta, che prosegue dritto per i suoi 77 minuti di durata a partire dal thrash d’annata della quasi title track, passando per profonde puntate sabbathiane (Dream No More, ManUNkind, Am I Savage?), una ballad scurissima (Halo On Fire), un omaggio al compianto Lemmy e ai suoi Motörhead (Murder One) e una traccia conclusiva che fa dell’ossessività un baluardo (Spit Out The Bone, pezzo migliore del lotto insieme a Moth Into Flame).

Il lavoro è un doppio, il che forse deconcentra un po’ dall’ascolto, ma ciascuno dei due supporti riesce a mantenere il livello seppur in modo diverso (più tirato il primo, più compassato il secondo). Come da molto tempo a questa parte la prolissità è diventato il vero problema dei Metallica (al pari della batteria di Ulrich, che qui però esegue il compitino), compattando il tutto i Four Horsemen avrebbero probabilmente fatto ancora meglio, ma in ogni caso Hardwired… rischia davvero di mettere nuovamente d’accordo vomito e orgasmi, ira ed estasi. E non è poco.

Commenti

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...