mgmt-album-cover-500x500
MGMT

MGMT

Sony
8.5

Un suicidio. O un piccolo capolavoro. O entrambe le cose, che è l’ipotesi più romantica. Sia come sia, il punto è che a nostro modo di vedere gli MGMT hanno sfornato un discone, uno dei più importanti dell’anno, anzi, forse degli ultimi anni. Affermazione che vi arriva da chi ha trovato fin dall’inizio la band una insopportabile bolla speculativa, un’astuta operazione di marketing (orchestrata anche all’insaputa dei musicisti, troppo fessi per rendersene conto) per rendere appetibile un certo revivalismo psichedelico rock anni 70, però banalizzato, glamourizzato, insomma una merda. E non è che l’iniziale Alien Days, che apre questo lp ed era già filtrata nei giorni del Record Store Day, c’avesse fatto cambiare idea. Né ci riuscivano particolarmente le quattro canzoni successive. Poi però succede una cosa strana: MGMT parte per la tangente, ma in modo proprio totale, e diventa opera di puro genio e soprattutto di incredibile coraggio.
Puro genio quando si incorporano elementi che ricordano l’elettronica di James Holden (A Good Sadness) o si destruttura il blues fino a renderlo un’esperienza lunare (An Orphan Of Fortune); incredibile coraggio quando si scelgono soluzioni d’arrangiamento tanto dense e complicate quanto folli ed insensate (Plenty Of Girls In The Sea, Astro-Mancy, I Love You Too, Death). Un cambio di marcia pazzesco, che poteva portare al disastro – leggi album inconcludente, solipsistico, onanistico – e che invece guida gli MGMT lì dove dichiaravano sempre di voler andare, verso la psichedelia. Ecco: qua è psichedelia vera, non il suo bignami inoffensivo buono per piacere agli hipster od aspiranti tali come finora è stato. Come ogni vera psichedelia, il rischio che sia autodistruttiva e suicida è altissimo.
Non sappiamo come il mercato accoglierà questo disco, ché è un disco folle almeno per metà. Sinceramente, non ce ne frega molto. E sempre sinceramente, ci piace pensare che anche ad Andrew VanWyngarden e Ben Goldwasser non importi granché. Hanno fatto un piccolo capolavoro, questo conta, questo – si spera – resta.

Pubblicato sul Mucchio 710

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....