mgmt-album-cover-500x500
MGMT

MGMT

Sony
8.5

Un suicidio. O un piccolo capolavoro. O entrambe le cose, che è l’ipotesi più romantica. Sia come sia, il punto è che a nostro modo di vedere gli MGMT hanno sfornato un discone, uno dei più importanti dell’anno, anzi, forse degli ultimi anni. Affermazione che vi arriva da chi ha trovato fin dall’inizio la band una insopportabile bolla speculativa, un’astuta operazione di marketing (orchestrata anche all’insaputa dei musicisti, troppo fessi per rendersene conto) per rendere appetibile un certo revivalismo psichedelico rock anni 70, però banalizzato, glamourizzato, insomma una merda. E non è che l’iniziale Alien Days, che apre questo lp ed era già filtrata nei giorni del Record Store Day, c’avesse fatto cambiare idea. Né ci riuscivano particolarmente le quattro canzoni successive. Poi però succede una cosa strana: MGMT parte per la tangente, ma in modo proprio totale, e diventa opera di puro genio e soprattutto di incredibile coraggio.
Puro genio quando si incorporano elementi che ricordano l’elettronica di James Holden (A Good Sadness) o si destruttura il blues fino a renderlo un’esperienza lunare (An Orphan Of Fortune); incredibile coraggio quando si scelgono soluzioni d’arrangiamento tanto dense e complicate quanto folli ed insensate (Plenty Of Girls In The Sea, Astro-Mancy, I Love You Too, Death). Un cambio di marcia pazzesco, che poteva portare al disastro – leggi album inconcludente, solipsistico, onanistico – e che invece guida gli MGMT lì dove dichiaravano sempre di voler andare, verso la psichedelia. Ecco: qua è psichedelia vera, non il suo bignami inoffensivo buono per piacere agli hipster od aspiranti tali come finora è stato. Come ogni vera psichedelia, il rischio che sia autodistruttiva e suicida è altissimo.
Non sappiamo come il mercato accoglierà questo disco, ché è un disco folle almeno per metà. Sinceramente, non ce ne frega molto. E sempre sinceramente, ci piace pensare che anche ad Andrew VanWyngarden e Ben Goldwasser non importi granché. Hanno fatto un piccolo capolavoro, questo conta, questo – si spera – resta.

Pubblicato sul Mucchio 710

Ultime recensioni Musica
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...