mgmt-album-cover-500x500
MGMT

MGMT

Sony
8.5

Un suicidio. O un piccolo capolavoro. O entrambe le cose, che è l’ipotesi più romantica. Sia come sia, il punto è che a nostro modo di vedere gli MGMT hanno sfornato un discone, uno dei più importanti dell’anno, anzi, forse degli ultimi anni. Affermazione che vi arriva da chi ha trovato fin dall’inizio la band una insopportabile bolla speculativa, un’astuta operazione di marketing (orchestrata anche all’insaputa dei musicisti, troppo fessi per rendersene conto) per rendere appetibile un certo revivalismo psichedelico rock anni 70, però banalizzato, glamourizzato, insomma una merda. E non è che l’iniziale Alien Days, che apre questo lp ed era già filtrata nei giorni del Record Store Day, c’avesse fatto cambiare idea. Né ci riuscivano particolarmente le quattro canzoni successive. Poi però succede una cosa strana: MGMT parte per la tangente, ma in modo proprio totale, e diventa opera di puro genio e soprattutto di incredibile coraggio.
Puro genio quando si incorporano elementi che ricordano l’elettronica di James Holden (A Good Sadness) o si destruttura il blues fino a renderlo un’esperienza lunare (An Orphan Of Fortune); incredibile coraggio quando si scelgono soluzioni d’arrangiamento tanto dense e complicate quanto folli ed insensate (Plenty Of Girls In The Sea, Astro-Mancy, I Love You Too, Death). Un cambio di marcia pazzesco, che poteva portare al disastro – leggi album inconcludente, solipsistico, onanistico – e che invece guida gli MGMT lì dove dichiaravano sempre di voler andare, verso la psichedelia. Ecco: qua è psichedelia vera, non il suo bignami inoffensivo buono per piacere agli hipster od aspiranti tali come finora è stato. Come ogni vera psichedelia, il rischio che sia autodistruttiva e suicida è altissimo.
Non sappiamo come il mercato accoglierà questo disco, ché è un disco folle almeno per metà. Sinceramente, non ce ne frega molto. E sempre sinceramente, ci piace pensare che anche ad Andrew VanWyngarden e Ben Goldwasser non importi granché. Hanno fatto un piccolo capolavoro, questo conta, questo – si spera – resta.

Pubblicato sul Mucchio 710

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...