mgmt-album-cover-500x500
MGMT

MGMT

Sony
8.5

Un suicidio. O un piccolo capolavoro. O entrambe le cose, che è l’ipotesi più romantica. Sia come sia, il punto è che a nostro modo di vedere gli MGMT hanno sfornato un discone, uno dei più importanti dell’anno, anzi, forse degli ultimi anni. Affermazione che vi arriva da chi ha trovato fin dall’inizio la band una insopportabile bolla speculativa, un’astuta operazione di marketing (orchestrata anche all’insaputa dei musicisti, troppo fessi per rendersene conto) per rendere appetibile un certo revivalismo psichedelico rock anni 70, però banalizzato, glamourizzato, insomma una merda. E non è che l’iniziale Alien Days, che apre questo lp ed era già filtrata nei giorni del Record Store Day, c’avesse fatto cambiare idea. Né ci riuscivano particolarmente le quattro canzoni successive. Poi però succede una cosa strana: MGMT parte per la tangente, ma in modo proprio totale, e diventa opera di puro genio e soprattutto di incredibile coraggio.
Puro genio quando si incorporano elementi che ricordano l’elettronica di James Holden (A Good Sadness) o si destruttura il blues fino a renderlo un’esperienza lunare (An Orphan Of Fortune); incredibile coraggio quando si scelgono soluzioni d’arrangiamento tanto dense e complicate quanto folli ed insensate (Plenty Of Girls In The Sea, Astro-Mancy, I Love You Too, Death). Un cambio di marcia pazzesco, che poteva portare al disastro – leggi album inconcludente, solipsistico, onanistico – e che invece guida gli MGMT lì dove dichiaravano sempre di voler andare, verso la psichedelia. Ecco: qua è psichedelia vera, non il suo bignami inoffensivo buono per piacere agli hipster od aspiranti tali come finora è stato. Come ogni vera psichedelia, il rischio che sia autodistruttiva e suicida è altissimo.
Non sappiamo come il mercato accoglierà questo disco, ché è un disco folle almeno per metà. Sinceramente, non ce ne frega molto. E sempre sinceramente, ci piace pensare che anche ad Andrew VanWyngarden e Ben Goldwasser non importi granché. Hanno fatto un piccolo capolavoro, questo conta, questo – si spera – resta.

Pubblicato sul Mucchio 710

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...