And The Opera Circuit
Jade Tree/Goodfellas

A voler prestare fede alle biografie ufficiali, fino a questo momento la vita ha riservato parecchie brutte sorprese a Micah P. Hinson. A dispetto di quello che l’innocente faccia da nerd occhialuto potrebbe far pensare, il ventiquattrenne texano ha alle spalle un passato travagliato, tra improbabili fughe d’amore, problemi di tossicodipendenza e soggiorni in carcere. Poi, con l’uscita del debutto “And The Gospel Of Progress”, uno dei lavori più sorprendenti del 2004, le cose sembravano finalmente essersi sistemate. Niente di più falso, perché lo scorso anno, a ridosso della pubblicazione del corposo ep “The Baby & The Satellite”, il Nostro è stato vittima di un incidente che, preso inizialmente sottogamba, lo ha immobilizzato per mesi a letto. A quel punto, nonostante le precarie condizioni di salute, ha chiamato a sé alcuni amici – tra cui Eric Bachmann (Archers Of Loaf, Crooked Fingers, ma anche solista) – e ha registrato questo secondo album. Un lavoro meno clamoroso del predecessore, forse, e appena più sporco nelle sonorità, ma nell’insieme altrettanto spesso nel suo incedere tra ballate polverose e scheletriche e improvvisi lampi di sferragliante elettricità.
Ancora una volta, però, ciò che colpisce maggiormente è una voce che – come il whisky migliore – pare invecchiata in un barilotto di legno da quanto suona meravigliosamente antica. Appoggiata su un soffice tappeto di archi (“Seems Almost Impossible”, “Little Boys Dream”) o sorretta da arrangiamenti giosamente sgangherati (una “Jackeyed” dal profumo di frontiera, l’epicità alla Bright Eyes di “You’re Only Lonely”, i fiati arrugginiti di “Letter To Huntsville”), mantiene inalterato il suo gusto deciso e ricco di sfumature. La voce di un ragazzo che, nonostante la giovane età, sa già bene cosa significhi toccare il fondo; e che, proprio per questo, è in grado come pochi altri – e non solo fra quelli della sua stessa generazione – di cantare la sofferenza, la rassegnazione ma anche la dolcezza e l’amore. Nella speranza di avere saldato una volta per tutte il conto con la cattiva sorte.

Recensione tratta dal Mucchio 626 (settembre 2006)

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...