And The Opera Circuit
Jade Tree/Goodfellas

A voler prestare fede alle biografie ufficiali, fino a questo momento la vita ha riservato parecchie brutte sorprese a Micah P. Hinson. A dispetto di quello che l’innocente faccia da nerd occhialuto potrebbe far pensare, il ventiquattrenne texano ha alle spalle un passato travagliato, tra improbabili fughe d’amore, problemi di tossicodipendenza e soggiorni in carcere. Poi, con l’uscita del debutto “And The Gospel Of Progress”, uno dei lavori più sorprendenti del 2004, le cose sembravano finalmente essersi sistemate. Niente di più falso, perché lo scorso anno, a ridosso della pubblicazione del corposo ep “The Baby & The Satellite”, il Nostro è stato vittima di un incidente che, preso inizialmente sottogamba, lo ha immobilizzato per mesi a letto. A quel punto, nonostante le precarie condizioni di salute, ha chiamato a sé alcuni amici – tra cui Eric Bachmann (Archers Of Loaf, Crooked Fingers, ma anche solista) – e ha registrato questo secondo album. Un lavoro meno clamoroso del predecessore, forse, e appena più sporco nelle sonorità, ma nell’insieme altrettanto spesso nel suo incedere tra ballate polverose e scheletriche e improvvisi lampi di sferragliante elettricità.
Ancora una volta, però, ciò che colpisce maggiormente è una voce che – come il whisky migliore – pare invecchiata in un barilotto di legno da quanto suona meravigliosamente antica. Appoggiata su un soffice tappeto di archi (“Seems Almost Impossible”, “Little Boys Dream”) o sorretta da arrangiamenti giosamente sgangherati (una “Jackeyed” dal profumo di frontiera, l’epicità alla Bright Eyes di “You’re Only Lonely”, i fiati arrugginiti di “Letter To Huntsville”), mantiene inalterato il suo gusto deciso e ricco di sfumature. La voce di un ragazzo che, nonostante la giovane età, sa già bene cosa significhi toccare il fondo; e che, proprio per questo, è in grado come pochi altri – e non solo fra quelli della sua stessa generazione – di cantare la sofferenza, la rassegnazione ma anche la dolcezza e l’amore. Nella speranza di avere saldato una volta per tutte il conto con la cattiva sorte.

Recensione tratta dal Mucchio 626 (settembre 2006)

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...