And The Opera Circuit
Jade Tree/Goodfellas

A voler prestare fede alle biografie ufficiali, fino a questo momento la vita ha riservato parecchie brutte sorprese a Micah P. Hinson. A dispetto di quello che l’innocente faccia da nerd occhialuto potrebbe far pensare, il ventiquattrenne texano ha alle spalle un passato travagliato, tra improbabili fughe d’amore, problemi di tossicodipendenza e soggiorni in carcere. Poi, con l’uscita del debutto “And The Gospel Of Progress”, uno dei lavori più sorprendenti del 2004, le cose sembravano finalmente essersi sistemate. Niente di più falso, perché lo scorso anno, a ridosso della pubblicazione del corposo ep “The Baby & The Satellite”, il Nostro è stato vittima di un incidente che, preso inizialmente sottogamba, lo ha immobilizzato per mesi a letto. A quel punto, nonostante le precarie condizioni di salute, ha chiamato a sé alcuni amici – tra cui Eric Bachmann (Archers Of Loaf, Crooked Fingers, ma anche solista) – e ha registrato questo secondo album. Un lavoro meno clamoroso del predecessore, forse, e appena più sporco nelle sonorità, ma nell’insieme altrettanto spesso nel suo incedere tra ballate polverose e scheletriche e improvvisi lampi di sferragliante elettricità.
Ancora una volta, però, ciò che colpisce maggiormente è una voce che – come il whisky migliore – pare invecchiata in un barilotto di legno da quanto suona meravigliosamente antica. Appoggiata su un soffice tappeto di archi (“Seems Almost Impossible”, “Little Boys Dream”) o sorretta da arrangiamenti giosamente sgangherati (una “Jackeyed” dal profumo di frontiera, l’epicità alla Bright Eyes di “You’re Only Lonely”, i fiati arrugginiti di “Letter To Huntsville”), mantiene inalterato il suo gusto deciso e ricco di sfumature. La voce di un ragazzo che, nonostante la giovane età, sa già bene cosa significhi toccare il fondo; e che, proprio per questo, è in grado come pochi altri – e non solo fra quelli della sua stessa generazione – di cantare la sofferenza, la rassegnazione ma anche la dolcezza e l’amore. Nella speranza di avere saldato una volta per tutte il conto con la cattiva sorte.

Recensione tratta dal Mucchio 626 (settembre 2006)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...