And The Opera Circuit
Jade Tree/Goodfellas

A voler prestare fede alle biografie ufficiali, fino a questo momento la vita ha riservato parecchie brutte sorprese a Micah P. Hinson. A dispetto di quello che l’innocente faccia da nerd occhialuto potrebbe far pensare, il ventiquattrenne texano ha alle spalle un passato travagliato, tra improbabili fughe d’amore, problemi di tossicodipendenza e soggiorni in carcere. Poi, con l’uscita del debutto “And The Gospel Of Progress”, uno dei lavori più sorprendenti del 2004, le cose sembravano finalmente essersi sistemate. Niente di più falso, perché lo scorso anno, a ridosso della pubblicazione del corposo ep “The Baby & The Satellite”, il Nostro è stato vittima di un incidente che, preso inizialmente sottogamba, lo ha immobilizzato per mesi a letto. A quel punto, nonostante le precarie condizioni di salute, ha chiamato a sé alcuni amici – tra cui Eric Bachmann (Archers Of Loaf, Crooked Fingers, ma anche solista) – e ha registrato questo secondo album. Un lavoro meno clamoroso del predecessore, forse, e appena più sporco nelle sonorità, ma nell’insieme altrettanto spesso nel suo incedere tra ballate polverose e scheletriche e improvvisi lampi di sferragliante elettricità.
Ancora una volta, però, ciò che colpisce maggiormente è una voce che – come il whisky migliore – pare invecchiata in un barilotto di legno da quanto suona meravigliosamente antica. Appoggiata su un soffice tappeto di archi (“Seems Almost Impossible”, “Little Boys Dream”) o sorretta da arrangiamenti giosamente sgangherati (una “Jackeyed” dal profumo di frontiera, l’epicità alla Bright Eyes di “You’re Only Lonely”, i fiati arrugginiti di “Letter To Huntsville”), mantiene inalterato il suo gusto deciso e ricco di sfumature. La voce di un ragazzo che, nonostante la giovane età, sa già bene cosa significhi toccare il fondo; e che, proprio per questo, è in grado come pochi altri – e non solo fra quelli della sua stessa generazione – di cantare la sofferenza, la rassegnazione ma anche la dolcezza e l’amore. Nella speranza di avere saldato una volta per tutte il conto con la cattiva sorte.

Recensione tratta dal Mucchio 626 (settembre 2006)

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...