Mikal-Cronin-MCII
Mikal Cronin

MCII

Merge/Sc
7.5

Mikal Cronin e Ty Segall andavano a scuola insieme. Ty fumava erba al bagno, consegnava i compiti in bianco, ascoltava i Dead Boys in cuffia all’ultimo banco, faceva surf e non stava mai zitto. Mikal le cannette preferiva farsele la sera (strimpellando su un pezzo dei Beach Boys, ma anche dei Nirvana), amava i gatti e lo skate, era taciturno e non disprezzava studiare. Stessa scuola, diverse correnti di pensiero. Se Slaughterhouse, l’album della Ty Segall Band in cui Mikal suona il basso (come fa a tempo pieno dal vivo), dà l’idea di quello che potessero combinare insieme questi due al college, MCII ne fa emergere le differenze. Non fraintendiamo: nel suo esordio del 2011, l’elemento trainante era la chitarra, con le sue vibrazioni sporche che grattavano piacevolmente ogni superficie circostante. Sotto quel muro di suono, però, c’era un abile costruttore di melodie, aspirante polistrumentista, versatile, con una sensibilità diversa da Ty. Una sensibilità genuinamente pop.
Al suo esordio su Merge, Mikal arriva con una laurea nuova di zecca in musica e composizione e un po’ di cambiamenti, musicali e non, rispetto al debutto – e ai molti lavori extra usciti in questi anni. Weight apre l’album addirittura con le note di un piano, la chitarra acustica introduce Shout It Out, viola e violino si intromettono su più di un brano: la magia di Mikal, però, è quella di far combaciare questi strumenti con un’interpretazione dissetante e personale di qualcosa che potremmo definire (nu) grunge, un’energia che ha in sé il garage, il (power) pop, ma anche una raffinatezza che solo in Piano Mantra estremizza un certo lirismo colto e pacato del ventottenne. MCII è un album che amplia le possibilità dell’indie garage contemporaneo, regalando gemme noise pop ambiziose (Change), inni 90s (See It My Way) e sing-along alla primi Shins ma col fuzz (I’m Done Running From You), da cantare a squarciagola. È ancora giugno, ma abbiamo già il nostro disco dell’estate.

Pubblicato sul Mucchio 707

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...