Due cose si possono dire su Derek Cianfrance: la prima è che a poco meno di quarant’anni è destinato a diventare il regista migliore della sua generazione. L’altra è che sa scegliere chi si occuperà della colonna sonora dei suoi film. È difficile immaginare Blue Valentine senza i Grizzly Bear, così come sarà difficile – se non impossibile – pensare a The Place Beyond The Pines senza rivolgere un immaginario applauso a Mike Patton, che si è fatto uno e trino. Non solo ha recuperato brani meravigliosi come The Snow Angel – il tema che cadenza tutto il crime-drama e le fughe in motocicletta di Ryan Gosling (faremo finta che non l’abbia mai utilizzata per la colonna sonora de La solitudine dei numeri primi) – ma ha ridato vita a brani dimenticati come Please Stay dei The Cryin’ Shames. Cianfrance ha dichiarato che “fare un film è come fare un mixtape”, e la colonna sonora di Patton somiglia proprio a una di quelle compilation che qualcuno ti regala per conquistarti attraverso la magnifica tristezza; un’accozzaglia di generi, momenti e tormenti, con elevazioni spirituali e tonfi carnali. Dai toni badalamentiani di Schenectady ai controcanti celtici di Evergreen, via una Ninna Nanna Per di Morricone. Un’opera lunga e ambiziosa come The Place Beyond The Pines deve essere assistita da brani che ne sostengano la dimensione epica ma non la affoghino nel tragico. Patton riesce nell’impresa e la ricompensa arriva nel finale, quando partono le note di The Wolves (Act I And II) di Bon Iver. Non è dato sapere se sia stato il regista o il compositore a insistere per avere questa canzone, ma ci piace pensare che Cianfrance abbia scritto le ultime sequenze del film pensando alla strofa “someday my pain will mark you”. A volte una canzone arriva dove non riesce un’inquadratura e The Wolves costituisce una tentazione irresistibile per un regista, soprattutto dove ci sono corpi che cercano di guarire (non a caso compare nel finale di Rust And Bone di Audiard, altro drammone contemporaneo). Il binomio Cianfrance-Patton funziona e speriamo di ritrovarlo in occasione del prossimo film del regista, eloquentemente intitolato Metalhead, su un batterista a cui scoppiano i timpani e perde l’udito. Chissà, magari allora Patton potrà dare sfogo alla natura industrial e violenta tenuta felicemente a bada in questa occasione.

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...