Due cose si possono dire su Derek Cianfrance: la prima è che a poco meno di quarant’anni è destinato a diventare il regista migliore della sua generazione. L’altra è che sa scegliere chi si occuperà della colonna sonora dei suoi film. È difficile immaginare Blue Valentine senza i Grizzly Bear, così come sarà difficile – se non impossibile – pensare a The Place Beyond The Pines senza rivolgere un immaginario applauso a Mike Patton, che si è fatto uno e trino. Non solo ha recuperato brani meravigliosi come The Snow Angel – il tema che cadenza tutto il crime-drama e le fughe in motocicletta di Ryan Gosling (faremo finta che non l’abbia mai utilizzata per la colonna sonora de La solitudine dei numeri primi) – ma ha ridato vita a brani dimenticati come Please Stay dei The Cryin’ Shames. Cianfrance ha dichiarato che “fare un film è come fare un mixtape”, e la colonna sonora di Patton somiglia proprio a una di quelle compilation che qualcuno ti regala per conquistarti attraverso la magnifica tristezza; un’accozzaglia di generi, momenti e tormenti, con elevazioni spirituali e tonfi carnali. Dai toni badalamentiani di Schenectady ai controcanti celtici di Evergreen, via una Ninna Nanna Per di Morricone. Un’opera lunga e ambiziosa come The Place Beyond The Pines deve essere assistita da brani che ne sostengano la dimensione epica ma non la affoghino nel tragico. Patton riesce nell’impresa e la ricompensa arriva nel finale, quando partono le note di The Wolves (Act I And II) di Bon Iver. Non è dato sapere se sia stato il regista o il compositore a insistere per avere questa canzone, ma ci piace pensare che Cianfrance abbia scritto le ultime sequenze del film pensando alla strofa “someday my pain will mark you”. A volte una canzone arriva dove non riesce un’inquadratura e The Wolves costituisce una tentazione irresistibile per un regista, soprattutto dove ci sono corpi che cercano di guarire (non a caso compare nel finale di Rust And Bone di Audiard, altro drammone contemporaneo). Il binomio Cianfrance-Patton funziona e speriamo di ritrovarlo in occasione del prossimo film del regista, eloquentemente intitolato Metalhead, su un batterista a cui scoppiano i timpani e perde l’udito. Chissà, magari allora Patton potrà dare sfogo alla natura industrial e violenta tenuta felicemente a bada in questa occasione.

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...