Due cose si possono dire su Derek Cianfrance: la prima è che a poco meno di quarant’anni è destinato a diventare il regista migliore della sua generazione. L’altra è che sa scegliere chi si occuperà della colonna sonora dei suoi film. È difficile immaginare Blue Valentine senza i Grizzly Bear, così come sarà difficile – se non impossibile – pensare a The Place Beyond The Pines senza rivolgere un immaginario applauso a Mike Patton, che si è fatto uno e trino. Non solo ha recuperato brani meravigliosi come The Snow Angel – il tema che cadenza tutto il crime-drama e le fughe in motocicletta di Ryan Gosling (faremo finta che non l’abbia mai utilizzata per la colonna sonora de La solitudine dei numeri primi) – ma ha ridato vita a brani dimenticati come Please Stay dei The Cryin’ Shames. Cianfrance ha dichiarato che “fare un film è come fare un mixtape”, e la colonna sonora di Patton somiglia proprio a una di quelle compilation che qualcuno ti regala per conquistarti attraverso la magnifica tristezza; un’accozzaglia di generi, momenti e tormenti, con elevazioni spirituali e tonfi carnali. Dai toni badalamentiani di Schenectady ai controcanti celtici di Evergreen, via una Ninna Nanna Per di Morricone. Un’opera lunga e ambiziosa come The Place Beyond The Pines deve essere assistita da brani che ne sostengano la dimensione epica ma non la affoghino nel tragico. Patton riesce nell’impresa e la ricompensa arriva nel finale, quando partono le note di The Wolves (Act I And II) di Bon Iver. Non è dato sapere se sia stato il regista o il compositore a insistere per avere questa canzone, ma ci piace pensare che Cianfrance abbia scritto le ultime sequenze del film pensando alla strofa “someday my pain will mark you”. A volte una canzone arriva dove non riesce un’inquadratura e The Wolves costituisce una tentazione irresistibile per un regista, soprattutto dove ci sono corpi che cercano di guarire (non a caso compare nel finale di Rust And Bone di Audiard, altro drammone contemporaneo). Il binomio Cianfrance-Patton funziona e speriamo di ritrovarlo in occasione del prossimo film del regista, eloquentemente intitolato Metalhead, su un batterista a cui scoppiano i timpani e perde l’udito. Chissà, magari allora Patton potrà dare sfogo alla natura industrial e violenta tenuta felicemente a bada in questa occasione.

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...