Mr Beast
Pias/Self

Mai viste vere rivoluzioni in casa Mogwai, e non saremo certo noi a negarlo. Nonostante questo si può dire che gli scozzesi non abbiano mai sbagliato nulla, discograficamente parlando. Solo che nell’ultimo album, “Happy Songs For Happy People”, di ottimo livello quanto i predecessori, sembrava affiorare, in potenza, una certa staticità, una ripetizione di schemi destinata a ostacolare, su disco, l’efficacia di una formidabile live band. Viceversa, in quel lavoro già trovavamo la complessa tessitura melodica che in questo nuovo disco diventa colonna portante senza impedire, incoraggiando anzi, l’elaborazione di una varietà di colori che finora avevamo solo potuto intravedere. Pur ridimensionate dalla posizione dell’uomo all’interno della vicenda, le dichiarazioni del fondatore della Creation Alan McGee – nuovo manager del gruppo – non sono del tutto campate in aria: si tratterebbe il miglior disco di art-rock dai tempi di “Loveless” dei My Bloody Valentine. Affermazione azzardata, forse, ma dobbiamo ammettere che qui, proprio come in “Loveless”, la carta vincente è una riuscita miscela di languore pop e amour fou nei confronti del rumor bianco, con più sfumature e meno chiaroscuri rispetto al passato. Realtà assodata, finalmente, e non più luogo di momentanee incursioni. Su “Mr Beast” ritornano volumi che non si sentivano dai tempi di “Like Herod” (la strepitosa “Glasgow Mega-Snake”, assalto di mutazioni metal che collassano le une sulle altre, in un continuo alzare la posta in gioco), ma trovano spazio anche ingegnose costruzioni elettronico-pianistiche che danno vita a spoglie e cristalline sinfonie (“Friend Of The Night”) o a imponenti ouverture, è il caso della eloquentemente introduttiva “Auto Rock”. Disco di impressionante maturità, Mr Beast, che non sconvolge i piani dell’evoluzione rock presente e futura, no di certo, ma che sa sorprendere, e non poco, per l’utilizzo accorto ed estremamente calibrato dei mezzi a disposizione. L’ennesimo tassello di una carriera impeccabile, e forse pure qualcosa in più.

Recensione tratta dal n.620 del Mucchio (marzo 2006)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...