Mr Beast
Pias/Self

Mai viste vere rivoluzioni in casa Mogwai, e non saremo certo noi a negarlo. Nonostante questo si può dire che gli scozzesi non abbiano mai sbagliato nulla, discograficamente parlando. Solo che nell’ultimo album, “Happy Songs For Happy People”, di ottimo livello quanto i predecessori, sembrava affiorare, in potenza, una certa staticità, una ripetizione di schemi destinata a ostacolare, su disco, l’efficacia di una formidabile live band. Viceversa, in quel lavoro già trovavamo la complessa tessitura melodica che in questo nuovo disco diventa colonna portante senza impedire, incoraggiando anzi, l’elaborazione di una varietà di colori che finora avevamo solo potuto intravedere. Pur ridimensionate dalla posizione dell’uomo all’interno della vicenda, le dichiarazioni del fondatore della Creation Alan McGee – nuovo manager del gruppo – non sono del tutto campate in aria: si tratterebbe il miglior disco di art-rock dai tempi di “Loveless” dei My Bloody Valentine. Affermazione azzardata, forse, ma dobbiamo ammettere che qui, proprio come in “Loveless”, la carta vincente è una riuscita miscela di languore pop e amour fou nei confronti del rumor bianco, con più sfumature e meno chiaroscuri rispetto al passato. Realtà assodata, finalmente, e non più luogo di momentanee incursioni. Su “Mr Beast” ritornano volumi che non si sentivano dai tempi di “Like Herod” (la strepitosa “Glasgow Mega-Snake”, assalto di mutazioni metal che collassano le une sulle altre, in un continuo alzare la posta in gioco), ma trovano spazio anche ingegnose costruzioni elettronico-pianistiche che danno vita a spoglie e cristalline sinfonie (“Friend Of The Night”) o a imponenti ouverture, è il caso della eloquentemente introduttiva “Auto Rock”. Disco di impressionante maturità, Mr Beast, che non sconvolge i piani dell’evoluzione rock presente e futura, no di certo, ma che sa sorprendere, e non poco, per l’utilizzo accorto ed estremamente calibrato dei mezzi a disposizione. L’ennesimo tassello di una carriera impeccabile, e forse pure qualcosa in più.

Recensione tratta dal n.620 del Mucchio (marzo 2006)

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...