Mr Beast
Pias/Self

Mai viste vere rivoluzioni in casa Mogwai, e non saremo certo noi a negarlo. Nonostante questo si può dire che gli scozzesi non abbiano mai sbagliato nulla, discograficamente parlando. Solo che nell’ultimo album, “Happy Songs For Happy People”, di ottimo livello quanto i predecessori, sembrava affiorare, in potenza, una certa staticità, una ripetizione di schemi destinata a ostacolare, su disco, l’efficacia di una formidabile live band. Viceversa, in quel lavoro già trovavamo la complessa tessitura melodica che in questo nuovo disco diventa colonna portante senza impedire, incoraggiando anzi, l’elaborazione di una varietà di colori che finora avevamo solo potuto intravedere. Pur ridimensionate dalla posizione dell’uomo all’interno della vicenda, le dichiarazioni del fondatore della Creation Alan McGee – nuovo manager del gruppo – non sono del tutto campate in aria: si tratterebbe il miglior disco di art-rock dai tempi di “Loveless” dei My Bloody Valentine. Affermazione azzardata, forse, ma dobbiamo ammettere che qui, proprio come in “Loveless”, la carta vincente è una riuscita miscela di languore pop e amour fou nei confronti del rumor bianco, con più sfumature e meno chiaroscuri rispetto al passato. Realtà assodata, finalmente, e non più luogo di momentanee incursioni. Su “Mr Beast” ritornano volumi che non si sentivano dai tempi di “Like Herod” (la strepitosa “Glasgow Mega-Snake”, assalto di mutazioni metal che collassano le une sulle altre, in un continuo alzare la posta in gioco), ma trovano spazio anche ingegnose costruzioni elettronico-pianistiche che danno vita a spoglie e cristalline sinfonie (“Friend Of The Night”) o a imponenti ouverture, è il caso della eloquentemente introduttiva “Auto Rock”. Disco di impressionante maturità, Mr Beast, che non sconvolge i piani dell’evoluzione rock presente e futura, no di certo, ma che sa sorprendere, e non poco, per l’utilizzo accorto ed estremamente calibrato dei mezzi a disposizione. L’ennesimo tassello di una carriera impeccabile, e forse pure qualcosa in più.

Recensione tratta dal n.620 del Mucchio (marzo 2006)

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...