Mr Beast
Pias/Self

Mai viste vere rivoluzioni in casa Mogwai, e non saremo certo noi a negarlo. Nonostante questo si può dire che gli scozzesi non abbiano mai sbagliato nulla, discograficamente parlando. Solo che nell’ultimo album, “Happy Songs For Happy People”, di ottimo livello quanto i predecessori, sembrava affiorare, in potenza, una certa staticità, una ripetizione di schemi destinata a ostacolare, su disco, l’efficacia di una formidabile live band. Viceversa, in quel lavoro già trovavamo la complessa tessitura melodica che in questo nuovo disco diventa colonna portante senza impedire, incoraggiando anzi, l’elaborazione di una varietà di colori che finora avevamo solo potuto intravedere. Pur ridimensionate dalla posizione dell’uomo all’interno della vicenda, le dichiarazioni del fondatore della Creation Alan McGee – nuovo manager del gruppo – non sono del tutto campate in aria: si tratterebbe il miglior disco di art-rock dai tempi di “Loveless” dei My Bloody Valentine. Affermazione azzardata, forse, ma dobbiamo ammettere che qui, proprio come in “Loveless”, la carta vincente è una riuscita miscela di languore pop e amour fou nei confronti del rumor bianco, con più sfumature e meno chiaroscuri rispetto al passato. Realtà assodata, finalmente, e non più luogo di momentanee incursioni. Su “Mr Beast” ritornano volumi che non si sentivano dai tempi di “Like Herod” (la strepitosa “Glasgow Mega-Snake”, assalto di mutazioni metal che collassano le une sulle altre, in un continuo alzare la posta in gioco), ma trovano spazio anche ingegnose costruzioni elettronico-pianistiche che danno vita a spoglie e cristalline sinfonie (“Friend Of The Night”) o a imponenti ouverture, è il caso della eloquentemente introduttiva “Auto Rock”. Disco di impressionante maturità, Mr Beast, che non sconvolge i piani dell’evoluzione rock presente e futura, no di certo, ma che sa sorprendere, e non poco, per l’utilizzo accorto ed estremamente calibrato dei mezzi a disposizione. L’ennesimo tassello di una carriera impeccabile, e forse pure qualcosa in più.

Recensione tratta dal n.620 del Mucchio (marzo 2006)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...