THE ECSTATIC
Downtown/Self

True Magic era una true ciofeca, che c’aveva fatto pensare che avessimo definitivamente perso Mos Def alla causa della musica e del miglior hip hop: ormai pensa solo a diventare famoso come attore, ci dicevamo, e i rumours su come quello fosse un disco fatto male apposta e sputato fuori solo per chiudere il contratto con la Geffen, beh, più che una giustificazione erano un’aggravante. Due anni e mezzo dopo, ora, vediamo effettivamente come stanno le cose. Sappiamo per certo, questo sì, che la lavorazione di The Ecstatic aveva avuto inizio quando ancora True Magic doveva arrivare sugli scaffali dei negozi; processi produttivi molto lunghi – per giunta con frequenti distrazioni del protagonista principale dell’operazione – possono però essere letali, dando vita a lavori involuti, sfilacciati, sovraprodotti, confusi.
Ecco, a proposito di confusione, sfilacciamento e involuzione: Madlib è un genio, ma è un genio cialtrone, uno che è sempre sul filo tra sublime e ciarpame, le sue produzioni sono da maneggiare con cura quando non è lui a rapparci sopra. Ci è riuscita l’ultima Erykah Badu, giustamente lodatissima su queste pagine e non solo, ci è riuscito Mos Def. Che però non si limita ad assoldare il più fricchettone dei b-boy ma mette in campo pure vecchi soci (Preservation, che su True Magic aveva fatto scempi e qui invece è bravo), gente d’Europa (Mr. Flash, giro Ed Banger o con gli spigolosi TTC), altri pazzarielli madlibiani (Oh No), oppure si cimenta lui stesso. Risultato? Un disco molto mosso, molto eclettico ed avventuroso, che però riesce a mantenere una coesione d’assieme veramente notevole. A legare il tutto, la voce e le rime: e qui Mos Def torna agli antichi splendori dimostrandoci perché era giusto amarlo alla follia e perché era (ed è) doveroso sperare che Hollywood non ce lo sequestri definitivamente. Come Q-Tip, ha il dono di essere incisivo sembrando sempre in souplesse, elaborato usando metriche semplici, intelligente anche quando parla di cose stupide (e intelligentissimo quando parla di cose intelligenti). In una parola: classe.

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...