THE ECSTATIC
Downtown/Self

True Magic era una true ciofeca, che c’aveva fatto pensare che avessimo definitivamente perso Mos Def alla causa della musica e del miglior hip hop: ormai pensa solo a diventare famoso come attore, ci dicevamo, e i rumours su come quello fosse un disco fatto male apposta e sputato fuori solo per chiudere il contratto con la Geffen, beh, più che una giustificazione erano un’aggravante. Due anni e mezzo dopo, ora, vediamo effettivamente come stanno le cose. Sappiamo per certo, questo sì, che la lavorazione di The Ecstatic aveva avuto inizio quando ancora True Magic doveva arrivare sugli scaffali dei negozi; processi produttivi molto lunghi – per giunta con frequenti distrazioni del protagonista principale dell’operazione – possono però essere letali, dando vita a lavori involuti, sfilacciati, sovraprodotti, confusi.
Ecco, a proposito di confusione, sfilacciamento e involuzione: Madlib è un genio, ma è un genio cialtrone, uno che è sempre sul filo tra sublime e ciarpame, le sue produzioni sono da maneggiare con cura quando non è lui a rapparci sopra. Ci è riuscita l’ultima Erykah Badu, giustamente lodatissima su queste pagine e non solo, ci è riuscito Mos Def. Che però non si limita ad assoldare il più fricchettone dei b-boy ma mette in campo pure vecchi soci (Preservation, che su True Magic aveva fatto scempi e qui invece è bravo), gente d’Europa (Mr. Flash, giro Ed Banger o con gli spigolosi TTC), altri pazzarielli madlibiani (Oh No), oppure si cimenta lui stesso. Risultato? Un disco molto mosso, molto eclettico ed avventuroso, che però riesce a mantenere una coesione d’assieme veramente notevole. A legare il tutto, la voce e le rime: e qui Mos Def torna agli antichi splendori dimostrandoci perché era giusto amarlo alla follia e perché era (ed è) doveroso sperare che Hollywood non ce lo sequestri definitivamente. Come Q-Tip, ha il dono di essere incisivo sembrando sempre in souplesse, elaborato usando metriche semplici, intelligente anche quando parla di cose stupide (e intelligentissimo quando parla di cose intelligenti). In una parola: classe.

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...