the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

Rune Grammofon/Stickman
7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in arrivo non è esattamente una notizia. Come sanno bene i fedelissimi che riescono a stare al passo con tutte le loro metamorfosi, la domanda più giusta da porsi non è quando i norvegesi faranno la loro prossima mossa ma piuttosto da quale delle loro varie incarnazioni è lecito attendersela. Proprio il novero di dischi pubblicati negli ultimi anni offre un’ampia scelta: toccherà ai Motorpsycho teatrali e quintessenzialmente progressive, che nel giugno dell’anno passato hanno scritto gli spartiti strumentali di Begylnesser, spettacolo teatrale “immaginario” di scena per quaranta repliche al teatro di Trøndelag? Oppure sarà il turno dei Motorpsycho virati alla psichedelia chitarristica degli anni Settanta che, sempre nel 2016, incidevano quel gran bell’album che è Here Be Monsters, a ideale continuazione del Behind The Sun di due anni precedente?

Con The Tower la risposta va cercata nel mezzo. Affrontata l’uscita di scena di  Kenneth Kapstad (il componente più giovane che “solo” dieci anni fa aveva sostituito il membro storico Håkon Gebhardt e che viene a sua volta rimpiazzato da Tomas Järmyr), il rinnovato trio si è trasferito Oltreoceano, per alcune sessioni di incisione tra Los Angeles e gli studi del Rancho de la Luna. Per un soffio Alain Johannes dei Queens Of The Stone Age non finisce a curare la produzione, ma i suoni restano comunque di quelli che non guasterebbero in un album stoner: la scaletta sa essere generosa di riff (Bartok Of The Universe è, di nome e di fatto, una parafrasi dei Sabbath) e di episodi accelerati, tanto che A.S.F.E. sembra avanzata da una sessione degli Spidergawd, il divertente progetto collaterale di rock stradaiolo cui aveva preso parte Bent Saether. La vera anima del disco sta però altrove, nei brani-fiume che raggiungono e superano i dieci minuti, come le suite Intrepid Explorer e The Ship of Fools. In questo il titolo più significativo è forse Pacific Sonata, quindici minuti che partono acustici, come un sentito omaggio alla tradizione del cantautorato trasognato della West Coast, e salgono costantemente, come in un crescendo da maratoneti.

Ora, magari chi scrive li preferirebbe un po’ più compatti e (si fa per dire) sintetici, come avevano saputo essere anche nelle loro prove recenti: anche nei loro momenti più psichedelici, però, ai norvegesi vanno riconosciuti un controllo e un rigore davvero “nordici”, assai distanti dalle vaghezze dello spirito free-form che pure tornano spesso a corteggiare. A ulteriore valore aggiunto, c’è il fatto che i brani di The Tower possono sembrare una canzone diversa a ogni nuovo passaggio. Quasi strappata a una tela di Pieter Bruegel o a una scena di massa di Hyeronimus Bosch, la torre di Babele che campeggia in copertina è un simbolo azzeccato: se mai ce ne fosse bisogno, i Motorpsycho tornano a dimostrare di saper parlare un’infinità di lingue, talvolta tutte contemporaneamente.

 

 

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...