the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

Rune Grammofon/Stickman
7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in arrivo non è esattamente una notizia. Come sanno bene i fedelissimi che riescono a stare al passo con tutte le loro metamorfosi, la domanda più giusta da porsi non è quando i norvegesi faranno la loro prossima mossa ma piuttosto da quale delle loro varie incarnazioni è lecito attendersela. Proprio il novero di dischi pubblicati negli ultimi anni offre un’ampia scelta: toccherà ai Motorpsycho teatrali e quintessenzialmente progressive, che nel giugno dell’anno passato hanno scritto gli spartiti strumentali di Begylnesser, spettacolo teatrale “immaginario” di scena per quaranta repliche al teatro di Trøndelag? Oppure sarà il turno dei Motorpsycho virati alla psichedelia chitarristica degli anni Settanta che, sempre nel 2016, incidevano quel gran bell’album che è Here Be Monsters, a ideale continuazione del Behind The Sun di due anni precedente?

Con The Tower la risposta va cercata nel mezzo. Affrontata l’uscita di scena di  Kenneth Kapstad (il componente più giovane che “solo” dieci anni fa aveva sostituito il membro storico Håkon Gebhardt e che viene a sua volta rimpiazzato da Tomas Järmyr), il rinnovato trio si è trasferito Oltreoceano, per alcune sessioni di incisione tra Los Angeles e gli studi del Rancho de la Luna. Per un soffio Alain Johannes dei Queens Of The Stone Age non finisce a curare la produzione, ma i suoni restano comunque di quelli che non guasterebbero in un album stoner: la scaletta sa essere generosa di riff (Bartok Of The Universe è, di nome e di fatto, una parafrasi dei Sabbath) e di episodi accelerati, tanto che A.S.F.E. sembra avanzata da una sessione degli Spidergawd, il divertente progetto collaterale di rock stradaiolo cui aveva preso parte Bent Saether. La vera anima del disco sta però altrove, nei brani-fiume che raggiungono e superano i dieci minuti, come le suite Intrepid Explorer e The Ship of Fools. In questo il titolo più significativo è forse Pacific Sonata, quindici minuti che partono acustici, come un sentito omaggio alla tradizione del cantautorato trasognato della West Coast, e salgono costantemente, come in un crescendo da maratoneti.

Ora, magari chi scrive li preferirebbe un po’ più compatti e (si fa per dire) sintetici, come avevano saputo essere anche nelle loro prove recenti: anche nei loro momenti più psichedelici, però, ai norvegesi vanno riconosciuti un controllo e un rigore davvero “nordici”, assai distanti dalle vaghezze dello spirito free-form che pure tornano spesso a corteggiare. A ulteriore valore aggiunto, c’è il fatto che i brani di The Tower possono sembrare una canzone diversa a ogni nuovo passaggio. Quasi strappata a una tela di Pieter Bruegel o a una scena di massa di Hyeronimus Bosch, la torre di Babele che campeggia in copertina è un simbolo azzeccato: se mai ce ne fosse bisogno, i Motorpsycho tornano a dimostrare di saper parlare un’infinità di lingue, talvolta tutte contemporaneamente.

 

 

Commenti

Ultime recensioni Musica
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...