motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

Stickman/Self
7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The Future giunse con il ventennale della band, dietro la fantasia progressive di The Death Defying Unicorn c’era il cinquantenario appena compiuto dal Molde International Jazz Festival – ed ecco che, in un attimo, con la raccolta Supersonic Scientists le candeline da spegnere erano diventate già venticinque. Chiude il cerchio, almeno per ora, Here Be Monsters, la cui musica è stata composta su richiesta del Norwegian Technical Museum, che nel 2014 celebrava il giubileo della sua fondazione. Quando si tratta di compleanni e anniversari istituzionali sul suolo norvegese, i Motorpsycho sono più richiesti di un neomelodico napoletano durante la stagione delle comunioni. A fare la differenza non è tanto il prestigio della commissione, quanto l’entità dell’evento: per musicisti che non perdono tempo a pensare a niente che sia meno che “monumentale”, vale la pena di festeggiare solo a partire dal quarto di secolo in su.

Nell’aggiungere un nuovo tassello alla già chilometrica discografia del trio scandinavo, non si può fare a meno di relegare le due recenti sortite di Still Life With Eggplant (2013) e Behind The Sun (2016) a una frugale parentesi dai sapori retrò. L’unico ponte significativo che il nuovo lavoro getta verso quel folk-rock psichedelico è una rielaborazione della Spin, Spin, Spin che si trovava su The New Folk Sound of Terry Callier e che qui riascoltiamo in una versione “alla H.P. Lovecraft”, dove ogni giro aggiunge nuove linee vocali e strumentali. Tutto quanto, in Here Be Monsters, parte da premesse minimali per poi crescere seguendo un irresistibile movimento “a spirale”. Sulle poche note di pianoforte di Sleepwalking e rispettiva ripresa (Ståle Storløkken, vecchia conoscenza negli anni del collettivo Elephant 6 e il produttore Thomas Eriksen fanno da tastieristi aggiunti) prendono forma questi sette brani in odore di suite: canzoni all’apparenza semplici, inesorabilmente destinate a svelare la propria natura “mostruosa” con il proseguire dell’ascolto. Quella che a tutta prima può suonare come una innocua ballata (vedi, ad esempio, Lacuna Sunrise) si gonfierà fino ad assumere le fattezze di un’enorme sessione da dieci, quindici minuti. Chitarre acustiche e poi elettriche, archi, tastiere e pianoforte, uno strato sopra l’altro a ingrassare un sound degno dei Pink Floyd a gestione gilmouriana.

Se li si paragona agli altri, quelli di Timothy’s Monster che nel lontano 1994 dialogavano con il rock indipendente e addirittura con il lo-fi, ti verrebbe quasi da odiarli questi Mostri: per la loro sfacciata apologia di gigantismo, per la convinzione che ogni album debba essere una scusa per esibire i muscoli, per quest’idea incartapecorita che vede il  rock psichedelico sempre e solo come “una cavalcata”, un inevitabile tour de force (quando tutte le nuove uscite nel settore invece fanno a gara ad asciugare, decostruire). Ce ne sarebbe abbastanza per lanciare un’altra crociata contro le opulenze del vetero-rock di ritorno, ma qualcosa, in fondo, ce lo impedisce: non è lo stacanovismo, né l’indiscutibile capacità dei Nostri nel maneggiare gli strumenti (che, casomai, sarebbe un punto a sfavore). Assomiglia più alla rarissima abilità dell’architetto che sa mettere insieme i mattoni con le proprie mani, capace di darti un saggio di abilità edilizia nel giro di pochi minuti. In questo il nuovo Motorpsycho ricorda un altro titolo del catalogo, dimenticato troppo in fretta, ovvero Little Lucid Moments, che nel 2008 dimostrava come, per non essere fine a se stesso, il lavoro con le forme musicali lunghe richieda enormi doti di equilibrio e di sintesi. Qui come là, di fronte a una costruzione imponente, ci si ritrova a constatare come tutto quanto stia magicamente in piedi, ed è uno stupore che supera di gran lunga ogni legittimo appunto sull’arredo di interni. Se è questo che si intende con arte monumentale, contateci anche per la prossima ricorrenza.

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...