motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

Stickman/Self
7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The Future giunse con il ventennale della band, dietro la fantasia progressive di The Death Defying Unicorn c’era il cinquantenario appena compiuto dal Molde International Jazz Festival – ed ecco che, in un attimo, con la raccolta Supersonic Scientists le candeline da spegnere erano diventate già venticinque. Chiude il cerchio, almeno per ora, Here Be Monsters, la cui musica è stata composta su richiesta del Norwegian Technical Museum, che nel 2014 celebrava il giubileo della sua fondazione. Quando si tratta di compleanni e anniversari istituzionali sul suolo norvegese, i Motorpsycho sono più richiesti di un neomelodico napoletano durante la stagione delle comunioni. A fare la differenza non è tanto il prestigio della commissione, quanto l’entità dell’evento: per musicisti che non perdono tempo a pensare a niente che sia meno che “monumentale”, vale la pena di festeggiare solo a partire dal quarto di secolo in su.

Nell’aggiungere un nuovo tassello alla già chilometrica discografia del trio scandinavo, non si può fare a meno di relegare le due recenti sortite di Still Life With Eggplant (2013) e Behind The Sun (2016) a una frugale parentesi dai sapori retrò. L’unico ponte significativo che il nuovo lavoro getta verso quel folk-rock psichedelico è una rielaborazione della Spin, Spin, Spin che si trovava su The New Folk Sound of Terry Callier e che qui riascoltiamo in una versione “alla H.P. Lovecraft”, dove ogni giro aggiunge nuove linee vocali e strumentali. Tutto quanto, in Here Be Monsters, parte da premesse minimali per poi crescere seguendo un irresistibile movimento “a spirale”. Sulle poche note di pianoforte di Sleepwalking e rispettiva ripresa (Ståle Storløkken, vecchia conoscenza negli anni del collettivo Elephant 6 e il produttore Thomas Eriksen fanno da tastieristi aggiunti) prendono forma questi sette brani in odore di suite: canzoni all’apparenza semplici, inesorabilmente destinate a svelare la propria natura “mostruosa” con il proseguire dell’ascolto. Quella che a tutta prima può suonare come una innocua ballata (vedi, ad esempio, Lacuna Sunrise) si gonfierà fino ad assumere le fattezze di un’enorme sessione da dieci, quindici minuti. Chitarre acustiche e poi elettriche, archi, tastiere e pianoforte, uno strato sopra l’altro a ingrassare un sound degno dei Pink Floyd a gestione gilmouriana.

Se li si paragona agli altri, quelli di Timothy’s Monster che nel lontano 1994 dialogavano con il rock indipendente e addirittura con il lo-fi, ti verrebbe quasi da odiarli questi Mostri: per la loro sfacciata apologia di gigantismo, per la convinzione che ogni album debba essere una scusa per esibire i muscoli, per quest’idea incartapecorita che vede il  rock psichedelico sempre e solo come “una cavalcata”, un inevitabile tour de force (quando tutte le nuove uscite nel settore invece fanno a gara ad asciugare, decostruire). Ce ne sarebbe abbastanza per lanciare un’altra crociata contro le opulenze del vetero-rock di ritorno, ma qualcosa, in fondo, ce lo impedisce: non è lo stacanovismo, né l’indiscutibile capacità dei Nostri nel maneggiare gli strumenti (che, casomai, sarebbe un punto a sfavore). Assomiglia più alla rarissima abilità dell’architetto che sa mettere insieme i mattoni con le proprie mani, capace di darti un saggio di abilità edilizia nel giro di pochi minuti. In questo il nuovo Motorpsycho ricorda un altro titolo del catalogo, dimenticato troppo in fretta, ovvero Little Lucid Moments, che nel 2008 dimostrava come, per non essere fine a se stesso, il lavoro con le forme musicali lunghe richieda enormi doti di equilibrio e di sintesi. Qui come là, di fronte a una costruzione imponente, ci si ritrova a constatare come tutto quanto stia magicamente in piedi, ed è uno stupore che supera di gran lunga ogni legittimo appunto sull’arredo di interni. Se è questo che si intende con arte monumentale, contateci anche per la prossima ricorrenza.

Commenti

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....