SONGS FROM THE BEEHIVE
Smallville/Audioglobe

È abbastanza stupefacente vedere da qualche anno a questa parte il successo prima di tutto numerico (numero di uscite discografiche, numero di persone che vengono agli eventi live) di ciò che è definibile come minimal techno. Si sprecano tonnellate di inchiostro e di post sulle message board per gruppi indie rock che poi fanno centocinquanta paganti, non accorgendosi che Hawtin e Villalobos raccolgono migliaia e migliaia di persone a trenta euro al biglietto, ma anche dj semi-oscuri riempiono sempre i club, basta che ci sia appiccicato addosso il marchio minimal. Un mistero. Anche perché di per sé la techno minimale non è una musica facile e immediata: è (dovrebbe essere) cerebrale, complessa, altera ed esigente con chi ascolta. Vuole invece il caso che sia diventata un agevole playground per chi vuole ritmo e basta per il proprio divertimento (e per i propri consumi stupefacenti). Il risultato, è prevedibile, è un’inflazione di uscite discografiche che va di pari passo con la caduta verticale del tasso di qualità ed originalità.
“Songs From The Beehive” è invece la perfetta esemplificazione di cosa la minimal techno sarebbe tenuta ad essere. Che uno dei suoi due artefici sia Move D, uno che è sempre stato nell’ombra ma ha regalato più di dieci anni fa pietre miliari assolute come l’album “Kunststoff” o le collaborazioni con Pete Namlook, rende il tutto ancora più interessante – uno degli artisti che meno ha ottenuto rispetto al proprio talento, in un mondo dove oggi stanno assaporando grassi dividendi molti dj e produttori che hanno poca qualità e solo la furbizia (…il deplorevole cinismo?) di spremere il più possibile dal trend del momento. Dinamiche calibrate al millimetro, sospensioni aeree, detriti semitrasparenti, citazioni in filigrana, narratività dilatate. Una vera delizia, che fa riappacificare gli intenditori e amanti della techno con l’attitudine minimale, mentre ai neofiti e agli agnostici spiega quali sono i risultati artistici a cui con essa si dovrebbe tendere.

 

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...