SONGS FROM THE BEEHIVE
Smallville/Audioglobe

È abbastanza stupefacente vedere da qualche anno a questa parte il successo prima di tutto numerico (numero di uscite discografiche, numero di persone che vengono agli eventi live) di ciò che è definibile come minimal techno. Si sprecano tonnellate di inchiostro e di post sulle message board per gruppi indie rock che poi fanno centocinquanta paganti, non accorgendosi che Hawtin e Villalobos raccolgono migliaia e migliaia di persone a trenta euro al biglietto, ma anche dj semi-oscuri riempiono sempre i club, basta che ci sia appiccicato addosso il marchio minimal. Un mistero. Anche perché di per sé la techno minimale non è una musica facile e immediata: è (dovrebbe essere) cerebrale, complessa, altera ed esigente con chi ascolta. Vuole invece il caso che sia diventata un agevole playground per chi vuole ritmo e basta per il proprio divertimento (e per i propri consumi stupefacenti). Il risultato, è prevedibile, è un’inflazione di uscite discografiche che va di pari passo con la caduta verticale del tasso di qualità ed originalità.
“Songs From The Beehive” è invece la perfetta esemplificazione di cosa la minimal techno sarebbe tenuta ad essere. Che uno dei suoi due artefici sia Move D, uno che è sempre stato nell’ombra ma ha regalato più di dieci anni fa pietre miliari assolute come l’album “Kunststoff” o le collaborazioni con Pete Namlook, rende il tutto ancora più interessante – uno degli artisti che meno ha ottenuto rispetto al proprio talento, in un mondo dove oggi stanno assaporando grassi dividendi molti dj e produttori che hanno poca qualità e solo la furbizia (…il deplorevole cinismo?) di spremere il più possibile dal trend del momento. Dinamiche calibrate al millimetro, sospensioni aeree, detriti semitrasparenti, citazioni in filigrana, narratività dilatate. Una vera delizia, che fa riappacificare gli intenditori e amanti della techno con l’attitudine minimale, mentre ai neofiti e agli agnostici spiega quali sono i risultati artistici a cui con essa si dovrebbe tendere.

 

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...