Già a partire dal lungo titolo del nuovo album si può intuire che Murubutu non è un MC come tutti gli altri: sono due le chiavi di lettura, la prima riguarda Gli ammutinati del Bouncin’ e chiama in causa ironia e gioco, aspetti comunque condivisi nella cultura hip hop; la seconda, invece, prende spunto dal sottotitolo ovvero mirabolanti avventure di uomini e mari e chiarisce dov’è che Murubutu si distacca totalmente dai suoi colleghi, anche quelli più bravi.

Alessio Mariani (questo il vero nome del rapper emiliano) nella vita di tutti i giorni è professore e forse questa continua vicinanza con la letteratura lo ha spinto a cercare una formula che sapesse coniugare lingua e tradizione italiana con la passione per l’hip hop. E, per questo terzo disco, possiamo tranquillamente affermare che si è davvero perfezionata una ricetta altrimenti impensabile: di certo merito di un flow tecnicamente ineccepibile, ma soprattutto di un concept (le mirabolanti avventure di uomini e mari, appunto) che riesce a valorizzare tutti gli aspetti fin qui evidenziati.

Nei sedici momenti dell’opera si viaggia (e mai verbo fu più adatto) su un tappeto musicale sobrio, massiccio e classico, ma capace di integrare suoni strumentali e melodie mediterranee; sono più che altro le liriche, però, a svelare la complessità del mondo narrato da Murubutu: con grande coerenza vengono affiancate cronache storiche (da La Battaglia di Lepanto all’analogia tra le migrazioni italiane d’inizio Novecento e i numerosi sbarchi sulle coste siciliane in Sull’Atlantico), tragici racconti (su tutte la splendida Le Sirene con l’eccezionale featuring del bravissimo Claver Gold o la delicata I marinai tornano tardi con tanto di colpo di scena finale), spunti surreali (Il giro del giorno in un mondo) e fantascientifici (L’uomo che viaggiò nel tempo). È invece compito della title track esporre il pensiero dell’autore e infatti il ritornello chiarisce “tu hai scoperto che un altro rap è possibile”. Nonostante questa mole di spunti interessanti, il lavoro mantiene una sua fruibilità grazie agli interventi degli ospiti (specialmente quelli femminili, come nella suadente e drammatica Storia di Laura).

Forse rimarrà un episodio unico nella strada dell’hip hop in Italia, ma Gli ammutinati del Bouncin’ è la definitiva consacrazione artistica di Murubutu e, soprattutto, un album contemporaneamente intellettuale e potentissimo: personalmente, il miglior disco italiano ascoltato quest’anno.

Commenti

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...