Già a partire dal lungo titolo del nuovo album si può intuire che Murubutu non è un MC come tutti gli altri: sono due le chiavi di lettura, la prima riguarda Gli ammutinati del Bouncin’ e chiama in causa ironia e gioco, aspetti comunque condivisi nella cultura hip hop; la seconda, invece, prende spunto dal sottotitolo ovvero mirabolanti avventure di uomini e mari e chiarisce dov’è che Murubutu si distacca totalmente dai suoi colleghi, anche quelli più bravi.

Alessio Mariani (questo il vero nome del rapper emiliano) nella vita di tutti i giorni è professore e forse questa continua vicinanza con la letteratura lo ha spinto a cercare una formula che sapesse coniugare lingua e tradizione italiana con la passione per l’hip hop. E, per questo terzo disco, possiamo tranquillamente affermare che si è davvero perfezionata una ricetta altrimenti impensabile: di certo merito di un flow tecnicamente ineccepibile, ma soprattutto di un concept (le mirabolanti avventure di uomini e mari, appunto) che riesce a valorizzare tutti gli aspetti fin qui evidenziati.

Nei sedici momenti dell’opera si viaggia (e mai verbo fu più adatto) su un tappeto musicale sobrio, massiccio e classico, ma capace di integrare suoni strumentali e melodie mediterranee; sono più che altro le liriche, però, a svelare la complessità del mondo narrato da Murubutu: con grande coerenza vengono affiancate cronache storiche (da La Battaglia di Lepanto all’analogia tra le migrazioni italiane d’inizio Novecento e i numerosi sbarchi sulle coste siciliane in Sull’Atlantico), tragici racconti (su tutte la splendida Le Sirene con l’eccezionale featuring del bravissimo Claver Gold o la delicata I marinai tornano tardi con tanto di colpo di scena finale), spunti surreali (Il giro del giorno in un mondo) e fantascientifici (L’uomo che viaggiò nel tempo). È invece compito della title track esporre il pensiero dell’autore e infatti il ritornello chiarisce “tu hai scoperto che un altro rap è possibile”. Nonostante questa mole di spunti interessanti, il lavoro mantiene una sua fruibilità grazie agli interventi degli ospiti (specialmente quelli femminili, come nella suadente e drammatica Storia di Laura).

Forse rimarrà un episodio unico nella strada dell’hip hop in Italia, ma Gli ammutinati del Bouncin’ è la definitiva consacrazione artistica di Murubutu e, soprattutto, un album contemporaneamente intellettuale e potentissimo: personalmente, il miglior disco italiano ascoltato quest’anno.

Commenti

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...