MyBloodyValentine MBV
My Bloody Valentine

MBV

Pickpocket
8.5

Ascoltare l’insperato m b v con orecchie “incondizionate” è (quasi) impossibile. Dopo settimane di opinioni in libertà, però, è più facile scacciare aspettative e paure: no, nel 2013 neanche Kevin Shields può fare una rivoluzione sonica con le chitarre, anche perché l’ha già fatta nel 1991, al momento opportuno; e se un disco come Loveless per i MBV c’è già stato, temere che un album,
oggi, possa non esserne all’altezza è un approccio che sposta dannatamente l’attenzione da un suono, un’atmosfera, un marchio di fabbrica, una sostanza – che in m b v c’è – a dinamiche (e spesso, sovrastrutture) della popular music che necessitano di essere contestualizzate. Quello che è ancor più difficile, invece, è ascoltare m b v con le orecchie ripulite dalla montagna di emulazioni degli ultimi anni e dalla noia e dalla cattiva predisposizione che abbiamo nei confronti dei grandi ritorni.

Diviso in tre parti, l’album dà il meglio di sé in quella finale, sviluppandosi in un crescendo nel tempo degli ascolti e nello spazio della scaletta, con i grandi punti interrogativi sulla datazione delle registrazioni che sembrano trovare una risposta “cronologica” proprio nella progressione della sequenza. La cura degli “indizi”, come sempre, è cerebrale: la prima triade riporta esattamente dove eravamo rimasti, con She Found Now che si aggancia a Loveless e proprio in quel luogo così noto e piacevolmente disorientante posiziona le lancette sulla mezzanotte; lo shoegaze, nella sua accezione primaria, è ipnosi, psichedelia, attraverso la ripetitività concentrica di Only Tomorrow – con la voce di Bilinda che si trasforma in un effetto dalle sembianze di un corpo celeste – e Who Sees You che arriva quando siamo già mezzi ubriachi, a fissare il nastro sbrillentato della chitarra di Shields scagliato in una
nebbia di fuzz che racchiude miliardi di particolari composti in un universo unico (non solo nel suo genere). Poi la triade centrale, quella più pop, che sfiora l’Eden in New You, profondamente femminile nella voce morbidissima e nel basso gommoso di Debbie Googe. Infine la messa in discussione di tutto. Il presente, che aspettiamo con ansia di testare dal vivo. La guerriglia perforante tra bellezza e caos di In Another Way, che riparte dal ritmo scomposto di Soon, per approdare alle incertezze rarefatte di Wonder 2.

m b v è un percorso attraverso il mondo di K Shields. Uno spazio dove non c’è uno scontro immediato, in blocco, con le atmosfere, inesplorate e devastanti, di Loveless, ma quel suono immutato, inimitabile e inconfondibile, assume nuovi significati – nel presente, e chissà, forse anche nel futuro – attraverso le asimmetrie della triade finale. Nel mondo di Kevin Shields le ascese si trasformano di colpo in discese (e viceversa). Dove solo chi ha davvero buone orecchie avrà la fortuna di scoprire le bellezze di una gloria (che con m b v si conferma) eterna.

Pubblicato sul Mucchio 704

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...