MyBloodyValentine MBV
My Bloody Valentine

MBV

Pickpocket
8.5

Ascoltare l’insperato m b v con orecchie “incondizionate” è (quasi) impossibile. Dopo settimane di opinioni in libertà, però, è più facile scacciare aspettative e paure: no, nel 2013 neanche Kevin Shields può fare una rivoluzione sonica con le chitarre, anche perché l’ha già fatta nel 1991, al momento opportuno; e se un disco come Loveless per i MBV c’è già stato, temere che un album,
oggi, possa non esserne all’altezza è un approccio che sposta dannatamente l’attenzione da un suono, un’atmosfera, un marchio di fabbrica, una sostanza – che in m b v c’è – a dinamiche (e spesso, sovrastrutture) della popular music che necessitano di essere contestualizzate. Quello che è ancor più difficile, invece, è ascoltare m b v con le orecchie ripulite dalla montagna di emulazioni degli ultimi anni e dalla noia e dalla cattiva predisposizione che abbiamo nei confronti dei grandi ritorni.

Diviso in tre parti, l’album dà il meglio di sé in quella finale, sviluppandosi in un crescendo nel tempo degli ascolti e nello spazio della scaletta, con i grandi punti interrogativi sulla datazione delle registrazioni che sembrano trovare una risposta “cronologica” proprio nella progressione della sequenza. La cura degli “indizi”, come sempre, è cerebrale: la prima triade riporta esattamente dove eravamo rimasti, con She Found Now che si aggancia a Loveless e proprio in quel luogo così noto e piacevolmente disorientante posiziona le lancette sulla mezzanotte; lo shoegaze, nella sua accezione primaria, è ipnosi, psichedelia, attraverso la ripetitività concentrica di Only Tomorrow – con la voce di Bilinda che si trasforma in un effetto dalle sembianze di un corpo celeste – e Who Sees You che arriva quando siamo già mezzi ubriachi, a fissare il nastro sbrillentato della chitarra di Shields scagliato in una
nebbia di fuzz che racchiude miliardi di particolari composti in un universo unico (non solo nel suo genere). Poi la triade centrale, quella più pop, che sfiora l’Eden in New You, profondamente femminile nella voce morbidissima e nel basso gommoso di Debbie Googe. Infine la messa in discussione di tutto. Il presente, che aspettiamo con ansia di testare dal vivo. La guerriglia perforante tra bellezza e caos di In Another Way, che riparte dal ritmo scomposto di Soon, per approdare alle incertezze rarefatte di Wonder 2.

m b v è un percorso attraverso il mondo di K Shields. Uno spazio dove non c’è uno scontro immediato, in blocco, con le atmosfere, inesplorate e devastanti, di Loveless, ma quel suono immutato, inimitabile e inconfondibile, assume nuovi significati – nel presente, e chissà, forse anche nel futuro – attraverso le asimmetrie della triade finale. Nel mondo di Kevin Shields le ascese si trasformano di colpo in discese (e viceversa). Dove solo chi ha davvero buone orecchie avrà la fortuna di scoprire le bellezze di una gloria (che con m b v si conferma) eterna.

Pubblicato sul Mucchio 704

Ultime recensioni Musica
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...