MyBloodyValentine MBV
My Bloody Valentine

MBV

Pickpocket
8.5

Ascoltare l’insperato m b v con orecchie “incondizionate” è (quasi) impossibile. Dopo settimane di opinioni in libertà, però, è più facile scacciare aspettative e paure: no, nel 2013 neanche Kevin Shields può fare una rivoluzione sonica con le chitarre, anche perché l’ha già fatta nel 1991, al momento opportuno; e se un disco come Loveless per i MBV c’è già stato, temere che un album,
oggi, possa non esserne all’altezza è un approccio che sposta dannatamente l’attenzione da un suono, un’atmosfera, un marchio di fabbrica, una sostanza – che in m b v c’è – a dinamiche (e spesso, sovrastrutture) della popular music che necessitano di essere contestualizzate. Quello che è ancor più difficile, invece, è ascoltare m b v con le orecchie ripulite dalla montagna di emulazioni degli ultimi anni e dalla noia e dalla cattiva predisposizione che abbiamo nei confronti dei grandi ritorni.

Diviso in tre parti, l’album dà il meglio di sé in quella finale, sviluppandosi in un crescendo nel tempo degli ascolti e nello spazio della scaletta, con i grandi punti interrogativi sulla datazione delle registrazioni che sembrano trovare una risposta “cronologica” proprio nella progressione della sequenza. La cura degli “indizi”, come sempre, è cerebrale: la prima triade riporta esattamente dove eravamo rimasti, con She Found Now che si aggancia a Loveless e proprio in quel luogo così noto e piacevolmente disorientante posiziona le lancette sulla mezzanotte; lo shoegaze, nella sua accezione primaria, è ipnosi, psichedelia, attraverso la ripetitività concentrica di Only Tomorrow – con la voce di Bilinda che si trasforma in un effetto dalle sembianze di un corpo celeste – e Who Sees You che arriva quando siamo già mezzi ubriachi, a fissare il nastro sbrillentato della chitarra di Shields scagliato in una
nebbia di fuzz che racchiude miliardi di particolari composti in un universo unico (non solo nel suo genere). Poi la triade centrale, quella più pop, che sfiora l’Eden in New You, profondamente femminile nella voce morbidissima e nel basso gommoso di Debbie Googe. Infine la messa in discussione di tutto. Il presente, che aspettiamo con ansia di testare dal vivo. La guerriglia perforante tra bellezza e caos di In Another Way, che riparte dal ritmo scomposto di Soon, per approdare alle incertezze rarefatte di Wonder 2.

m b v è un percorso attraverso il mondo di K Shields. Uno spazio dove non c’è uno scontro immediato, in blocco, con le atmosfere, inesplorate e devastanti, di Loveless, ma quel suono immutato, inimitabile e inconfondibile, assume nuovi significati – nel presente, e chissà, forse anche nel futuro – attraverso le asimmetrie della triade finale. Nel mondo di Kevin Shields le ascese si trasformano di colpo in discese (e viceversa). Dove solo chi ha davvero buone orecchie avrà la fortuna di scoprire le bellezze di una gloria (che con m b v si conferma) eterna.

Pubblicato sul Mucchio 704

Ultime recensioni Musica
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...