MyBloodyValentine MBV
My Bloody Valentine

MBV

Pickpocket
8.5

Ascoltare l’insperato m b v con orecchie “incondizionate” è (quasi) impossibile. Dopo settimane di opinioni in libertà, però, è più facile scacciare aspettative e paure: no, nel 2013 neanche Kevin Shields può fare una rivoluzione sonica con le chitarre, anche perché l’ha già fatta nel 1991, al momento opportuno; e se un disco come Loveless per i MBV c’è già stato, temere che un album,
oggi, possa non esserne all’altezza è un approccio che sposta dannatamente l’attenzione da un suono, un’atmosfera, un marchio di fabbrica, una sostanza – che in m b v c’è – a dinamiche (e spesso, sovrastrutture) della popular music che necessitano di essere contestualizzate. Quello che è ancor più difficile, invece, è ascoltare m b v con le orecchie ripulite dalla montagna di emulazioni degli ultimi anni e dalla noia e dalla cattiva predisposizione che abbiamo nei confronti dei grandi ritorni.

Diviso in tre parti, l’album dà il meglio di sé in quella finale, sviluppandosi in un crescendo nel tempo degli ascolti e nello spazio della scaletta, con i grandi punti interrogativi sulla datazione delle registrazioni che sembrano trovare una risposta “cronologica” proprio nella progressione della sequenza. La cura degli “indizi”, come sempre, è cerebrale: la prima triade riporta esattamente dove eravamo rimasti, con She Found Now che si aggancia a Loveless e proprio in quel luogo così noto e piacevolmente disorientante posiziona le lancette sulla mezzanotte; lo shoegaze, nella sua accezione primaria, è ipnosi, psichedelia, attraverso la ripetitività concentrica di Only Tomorrow – con la voce di Bilinda che si trasforma in un effetto dalle sembianze di un corpo celeste – e Who Sees You che arriva quando siamo già mezzi ubriachi, a fissare il nastro sbrillentato della chitarra di Shields scagliato in una
nebbia di fuzz che racchiude miliardi di particolari composti in un universo unico (non solo nel suo genere). Poi la triade centrale, quella più pop, che sfiora l’Eden in New You, profondamente femminile nella voce morbidissima e nel basso gommoso di Debbie Googe. Infine la messa in discussione di tutto. Il presente, che aspettiamo con ansia di testare dal vivo. La guerriglia perforante tra bellezza e caos di In Another Way, che riparte dal ritmo scomposto di Soon, per approdare alle incertezze rarefatte di Wonder 2.

m b v è un percorso attraverso il mondo di K Shields. Uno spazio dove non c’è uno scontro immediato, in blocco, con le atmosfere, inesplorate e devastanti, di Loveless, ma quel suono immutato, inimitabile e inconfondibile, assume nuovi significati – nel presente, e chissà, forse anche nel futuro – attraverso le asimmetrie della triade finale. Nel mondo di Kevin Shields le ascese si trasformano di colpo in discese (e viceversa). Dove solo chi ha davvero buone orecchie avrà la fortuna di scoprire le bellezze di una gloria (che con m b v si conferma) eterna.

Pubblicato sul Mucchio 704

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...