MYTH TAKES
Warp/Self

Erano reduci da un disco che usciva sì al momento giusto, né troppo presto né troppo tardi rispetto all’esplosione del punk-funk, ma che a ben vedere vantava solo un brano memorabile, “Me And Giuliani Down By The Schoolyard”, più qualche altra traccia discreta. Nulla di folgorante, così come non è folgorante questo Myth Takes; però, signori, quanti passi avanti. Non un capolavoro, ma un disco denso, molto riuscito, mirabile sotto molti punti di vista, questo sì. A mettere subito le cose in chiaro è la seconda traccia, “All My Heroes Are Weirdos”, dove appare lampante che la band ha guadagnato tantissimo in scioltezza compositiva e strumentale – perché l’alternarsi tra impianti afrobeat e digressioni noise è gestito con una naturalezza non comune – e al tempo stesso ha avuto la lucidità di cercare una propria cifra stilistica, senza ricalcare pedissequamente e calligraficamente la galassia DFA, ovvero LCD Soundsystem e dintorni. Né è facile far venire in mente l’altro riferimento obbligato e banale, i Talking Heads prima maniera, citati e saccheggiati un po’ da tutti (anche dal duca asburgico Francesco Ferdinando, per dire). Questo perché i !!! sono più chiassosi, meno cool ma al tempo stesso assolutamente efficaci, coi loro rimandi cinematici quasi da crime story (la title track) o giamaicani (Break In Case Of Anything). Non che manchi una fortissima matrice disco-funk mutuata dalla New York dei primi anni 80, vedi “A New Name” e “Heart Of Hearts”, ma non si ha mai la fastidiosa sensazione di ascoltare dei furbetti che ricalcano modelli del passato oggi di moda: questo perché il tiro è troppo poderoso per non essere sincero. E anche negli episodi meno riusciti, dove vengono a galla i limiti di scrittura che ancora accompagnano un po’ il gruppo, è come se la consapevolezza di sé avesse portato a fare la mossa giusta: concedere a brani come “Bend Over Beethoven” lunghe digressioni strumentali in crescendo (il loro marchio di fabbrica, vedi alla voce Giuliani) organizzate assai bene e con soluzioni di classe. Miglioratissimi, insomma. E ora, davvero bravi.

(Recensione tratta dal Mucchio 632 – Marzo  2007, in cui trovate anche l’intervista alla band)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...