MYTH TAKES
Warp/Self

Erano reduci da un disco che usciva sì al momento giusto, né troppo presto né troppo tardi rispetto all’esplosione del punk-funk, ma che a ben vedere vantava solo un brano memorabile, “Me And Giuliani Down By The Schoolyard”, più qualche altra traccia discreta. Nulla di folgorante, così come non è folgorante questo Myth Takes; però, signori, quanti passi avanti. Non un capolavoro, ma un disco denso, molto riuscito, mirabile sotto molti punti di vista, questo sì. A mettere subito le cose in chiaro è la seconda traccia, “All My Heroes Are Weirdos”, dove appare lampante che la band ha guadagnato tantissimo in scioltezza compositiva e strumentale – perché l’alternarsi tra impianti afrobeat e digressioni noise è gestito con una naturalezza non comune – e al tempo stesso ha avuto la lucidità di cercare una propria cifra stilistica, senza ricalcare pedissequamente e calligraficamente la galassia DFA, ovvero LCD Soundsystem e dintorni. Né è facile far venire in mente l’altro riferimento obbligato e banale, i Talking Heads prima maniera, citati e saccheggiati un po’ da tutti (anche dal duca asburgico Francesco Ferdinando, per dire). Questo perché i !!! sono più chiassosi, meno cool ma al tempo stesso assolutamente efficaci, coi loro rimandi cinematici quasi da crime story (la title track) o giamaicani (Break In Case Of Anything). Non che manchi una fortissima matrice disco-funk mutuata dalla New York dei primi anni 80, vedi “A New Name” e “Heart Of Hearts”, ma non si ha mai la fastidiosa sensazione di ascoltare dei furbetti che ricalcano modelli del passato oggi di moda: questo perché il tiro è troppo poderoso per non essere sincero. E anche negli episodi meno riusciti, dove vengono a galla i limiti di scrittura che ancora accompagnano un po’ il gruppo, è come se la consapevolezza di sé avesse portato a fare la mossa giusta: concedere a brani come “Bend Over Beethoven” lunghe digressioni strumentali in crescendo (il loro marchio di fabbrica, vedi alla voce Giuliani) organizzate assai bene e con soluzioni di classe. Miglioratissimi, insomma. E ora, davvero bravi.

(Recensione tratta dal Mucchio 632 – Marzo  2007, in cui trovate anche l’intervista alla band)

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...