La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban ha colonizzato militarmente il pop mondiale, è fondamentale che queste due attitudini restino sempre sulla lista della spesa. Sempre. Perché sono l’antidoto perfetto a musica troppo prevedibile e plasticosa (i suoni sempre gli stessi, i sintetizzatori che urlano, quelle botte di basso che servono solo a nascondere una pericolosa omologazione sulle frequenze medie radio-friendly). Non stiamo parlando di testi, sia chiaro, per quanto molti si siano soffermati – con sorpresa, se non addirittura con meraviglia – sul fatto che in un disco dei N.E.R.D. appaiano anche dei momenti impegnati (d’altro canto spunta fuori Kendrick Lamar fra gli ospiti, nella Grande Commedia Del Pop lui è quello che serve quando vuoi far passare dei messaggi di buon senso sulla cronaca contemporanea). Però, ecco, non è nella scrittura testuale che stanno i pregi più importanti di No_One Ever Really Dies. Bisogna guardare altrove.
Bisogna guardare alla naturalezza con cui Pharrell, Chad e Shae sono tornati sulle scene col marchio di famiglia. Un marchio che pareva essere stato messo in soffitta: Pharrell impegnato da tempo a fare la star pop globale in proprio; Chad tumulato da qualche parte a produrre, ogni tanto, dischi poco rilevanti; Shae, pure. Ultima traccia comune pervenuta anno 2010, a parte un mezzo cenno di vita nel 2014 per qualche brano per la colonna sonora di un trascurabile blockbuster americano. Ora, bisogna capire come ci si è divisi il lavoro a ‘sto giro (il singolo d’esordio, Lemon, aveva fra i crediti autoriali solo Pharrell), ma sta di fatto che questo ritorno ha il dono di sembrare naturale, sciolto, spontaneo.
Non trapela nessuna ansia. Nessuna esigenza di dimostrare che si è ancora in forma, che si è ancora dei grandi, che si sa essere perfettamente contemporanei, che il proprio suono se era vincente vent’anni o quindici anni fa (e lo era: i Neptunes colonizzavano le classifiche mondiali con le loro produzioni per altri artisti) può esserlo ancora adesso se gli ci
si mette sopra il maquillage giusto. Nessun maquillage, qui. È tutto molto scarno, essenziale. Quasi come se fosse un demo, anche per il mixaggio, apparentemente sciatto e temporaneo, e per alcune drum machine iper scolastiche. Eppure, ogni cosa è al proprio posto e ogni singola traccia ha qualcosa (o più di qualcosa) che ti conquista; e l’impatto sonoro è più valido, più rotondo e avvolgente, delle hit sovra-prodotte degli ultimi anni. Le canzoni, poi, le canzoni ci sono. Oh, sì. Ci sono i ritornelli, ci sono i ganci, i cambi seducenti. Tutto questo tirando fuori un disco che non si preoccupa di essere intelligente, l’obiettivo prioritario dichiarato è quello di essere divertente. E lo è. In un modo però obliquo, spigoloso. Anche quando si cade nelle marcette, nello ska dozzinale (!). Alla fine è un disco pop. Un semplice, banale disco pop. Ma è il migliore e il più strano che possiate immaginare nel 2017/2018.

Pubblicato sul Mucchio Selvaggio n. 762

Commenti

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....