Nell’anno in cui Sufjan Stevens ha pubblicato Carrie & Lowell, ogni altro tentativo di misurarsi con l’intensità in musica rischia di sparire al confronto, eppure questa esordiente che viene dall’altra parte del mondo ha dalla sua carisma e voce, poesia ed eleganza, e cullarsi con il suo debutto discografico potrebbe essere il segreto meglio conservato della stagione. A chi scrive, in realtà, Listen To Formation, Look For The Signs genera sin da subito una sorta di apprensione legata al rischio che il talento dell’autrice possa non conservarsi limpido, indipendente e un po’ folle, come appare in questo album.

Nadia Reid ha solo ventiquattro anni e ha scritto alcuni dei brani quando era ancora una teenager, viene dalla Nuova Zelanda e Port Chalmers, Wellington, Christchurch, Auckland e ogni altra località vissuta o visitata, per sua stessa ammissione, ispira la sua musica. Più in generale, il folk di Nadia si connette con un’idea di natura nobile e spirituale, e cede costantemente alla ricerca di una tristezza toccata dalla grazia. Anni di emozioni sedimentate, insegnamenti fatti propri ed esperienze mancate, innamoramenti e fallimenti sono raggrumati nella decina di pezzi con cui Nadia si presenta al mondo, spalleggiata da musicisti splendidi (Sam Taylor alla chitarra, Richie Pickard al basso, Joe McCallum alle percussioni) e da un produttore rispettoso (Ben Edwards), che hanno il principale merito di non invadere il suo territorio di latente intimità. Se i riferimenti non mancano (su tutti, Mimi Rogers, Jolie Holland, Cat Power), è la personale cifra stilistica di Nadia a risaltare con autorevolezza nell’inevitabile gioco delle somiglianze. “I keep the art separate from the love / I always keep the truth separate from my heart”, canta in Reaching Through, summa filosofica di un disco tutt’altro che consolatorio, che splende in ogni dove di luce propria, tra devastanti slowcore (Just To Feel Alive, Some Are Lucky) e grandiosa ruggine pop (Holy Low, Call The Days).

Commenti

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...