Nell’anno in cui Sufjan Stevens ha pubblicato Carrie & Lowell, ogni altro tentativo di misurarsi con l’intensità in musica rischia di sparire al confronto, eppure questa esordiente che viene dall’altra parte del mondo ha dalla sua carisma e voce, poesia ed eleganza, e cullarsi con il suo debutto discografico potrebbe essere il segreto meglio conservato della stagione. A chi scrive, in realtà, Listen To Formation, Look For The Signs genera sin da subito una sorta di apprensione legata al rischio che il talento dell’autrice possa non conservarsi limpido, indipendente e un po’ folle, come appare in questo album.

Nadia Reid ha solo ventiquattro anni e ha scritto alcuni dei brani quando era ancora una teenager, viene dalla Nuova Zelanda e Port Chalmers, Wellington, Christchurch, Auckland e ogni altra località vissuta o visitata, per sua stessa ammissione, ispira la sua musica. Più in generale, il folk di Nadia si connette con un’idea di natura nobile e spirituale, e cede costantemente alla ricerca di una tristezza toccata dalla grazia. Anni di emozioni sedimentate, insegnamenti fatti propri ed esperienze mancate, innamoramenti e fallimenti sono raggrumati nella decina di pezzi con cui Nadia si presenta al mondo, spalleggiata da musicisti splendidi (Sam Taylor alla chitarra, Richie Pickard al basso, Joe McCallum alle percussioni) e da un produttore rispettoso (Ben Edwards), che hanno il principale merito di non invadere il suo territorio di latente intimità. Se i riferimenti non mancano (su tutti, Mimi Rogers, Jolie Holland, Cat Power), è la personale cifra stilistica di Nadia a risaltare con autorevolezza nell’inevitabile gioco delle somiglianze. “I keep the art separate from the love / I always keep the truth separate from my heart”, canta in Reaching Through, summa filosofica di un disco tutt’altro che consolatorio, che splende in ogni dove di luce propria, tra devastanti slowcore (Just To Feel Alive, Some Are Lucky) e grandiosa ruggine pop (Holy Low, Call The Days).

Commenti

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...