Le Noise
Reprise/Warner

Preceduto da una serie di esibizioni live in cui venivano provati i nuovi pezzi, questo disco di Neil Young assomiglia in maniera impressionante a un recital. Non tanto perché il cantautore (termine davvero riduttivo, in questo caso) si fermi a spiegare ognuna delle otto canzoni, quanto per il tono intimista e minimale di registrazioni e scaletta, aperto però a esplosioni e divagazioni improvvise e spiazzanti. L’artista, una chitarra che può diventare rumore o lieve accompagnamento, propone uno sguardo narrativo e poco ortodosso, come sempre. Ci si aspetta una specie di folk stratificato, per esempio, nell’avvio di “Hitchhiker”, e poi tutto diviene sussurro, loop, riverbero. Il merito di questo ambizioso quadro sonoro, fatto di echi e richiami a ogni tipo di rifrazioni, è da condividere con Daniel Lanois, vecchia conoscenza di Young che mette a disposizione uno studio, a Silverlake (Los Angeles), pensato per lavorare sui timbri di acustiche, elettriche e basso. Se è vero che Jackson Browne in persona invidia i suoni degli strumenti del Nostro, è altrettanto vero che “Le Noise” si sorregge sulla suggestione, più che sulla sostanza, senza che ciò sia necessariamente un difetto. Con l’eccezione di un paio di brani che rimarranno nel repertorio maggiore del canadese (noi puntiamo su “Walk With Me”, un blues da apocalisse, “Love And War” e “Peaceful Valley Blvd.”, probabilmente la vetta del disco), ha la meglio un’idea lisergica, quasi, e ciclica del rapporto fra voce, strumenti e la loro trasfigurazione. Non si tratta, quindi, di un album tirato via, senza rispetto per ascoltatori e per se stessi; piuttosto, è una buona esemplificazione dell’inquietudine di chi ha scritto e sperimentato così tanto da poterlo fare ancora, e non si pone barriere, se non quelle dei suoi limiti fisici, qui, peraltro, tutt’altro che evidenti. Neil Young è stato maestro di tante generazioni di giovani: speriamo che dall’ascolto di “Le Noise” possa accendere qualche scintilla pure per chi oggi ha meno di trent’anni e suona quel miscuglio di stili chiamato “rock”.

tratto dal Mucchio n°675

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...