Le Noise
Reprise/Warner

Preceduto da una serie di esibizioni live in cui venivano provati i nuovi pezzi, questo disco di Neil Young assomiglia in maniera impressionante a un recital. Non tanto perché il cantautore (termine davvero riduttivo, in questo caso) si fermi a spiegare ognuna delle otto canzoni, quanto per il tono intimista e minimale di registrazioni e scaletta, aperto però a esplosioni e divagazioni improvvise e spiazzanti. L’artista, una chitarra che può diventare rumore o lieve accompagnamento, propone uno sguardo narrativo e poco ortodosso, come sempre. Ci si aspetta una specie di folk stratificato, per esempio, nell’avvio di “Hitchhiker”, e poi tutto diviene sussurro, loop, riverbero. Il merito di questo ambizioso quadro sonoro, fatto di echi e richiami a ogni tipo di rifrazioni, è da condividere con Daniel Lanois, vecchia conoscenza di Young che mette a disposizione uno studio, a Silverlake (Los Angeles), pensato per lavorare sui timbri di acustiche, elettriche e basso. Se è vero che Jackson Browne in persona invidia i suoni degli strumenti del Nostro, è altrettanto vero che “Le Noise” si sorregge sulla suggestione, più che sulla sostanza, senza che ciò sia necessariamente un difetto. Con l’eccezione di un paio di brani che rimarranno nel repertorio maggiore del canadese (noi puntiamo su “Walk With Me”, un blues da apocalisse, “Love And War” e “Peaceful Valley Blvd.”, probabilmente la vetta del disco), ha la meglio un’idea lisergica, quasi, e ciclica del rapporto fra voce, strumenti e la loro trasfigurazione. Non si tratta, quindi, di un album tirato via, senza rispetto per ascoltatori e per se stessi; piuttosto, è una buona esemplificazione dell’inquietudine di chi ha scritto e sperimentato così tanto da poterlo fare ancora, e non si pone barriere, se non quelle dei suoi limiti fisici, qui, peraltro, tutt’altro che evidenti. Neil Young è stato maestro di tante generazioni di giovani: speriamo che dall’ascolto di “Le Noise” possa accendere qualche scintilla pure per chi oggi ha meno di trent’anni e suona quel miscuglio di stili chiamato “rock”.

tratto dal Mucchio n°675

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...