Fox Confessor Brings The Flood
Anti/Self

Esiste da tempo una categoria, discutibile come tutte le categorie, utilizzata per identificare tutti quegli artisti che, partendo dall’indie rock, sulla via di Damasco riscoprono, in vari modi e tempi, le radici del folclore a stelle e strisce, e questa categoria ha un nome: alt-country. Ma c’è, e per una volta ringraziamo lo spirito classificatorio della critica, un insieme semantico più grande che lo include, e questo insieme è Americana. Parola semplice che evoca un mondo senza doversi addentrare in descrizioni particolareggiate, espressione indispensabile per identificare un disco come questo, che è una e molte cose insieme, che è classicissimo e imbevuto di colori gospel e western, e allo stesso modo è attraversato da chitarre deraglianti (“That Teenage Feeling”) e impolverato da una sporcizia di fondo che, opacizzando quanto basta le rifiniture, scongiura qualsiasi scivolone patinato. Gli episodi sono di ottima levatura: segnaliamo in particolare l’introduttiva “Margaret vs. Pauline”, con un piano che ne infittisce le trame senza però perdere di vista il filo della melodia, una “A Widow’s Toast” che fa venire in mente i Cowboy Junkies di “The Trinity Session”, una “Lion’s Jaws” che sfoggia una chitarra twanging da antologia. Neko Case conferma di essere la cantante carismatica che già animava i dischi precedenti (quelli a suo nome e quelli con i New Pornographers), mettendoci quel tocco di maturità in più che fa la differenza tra un bel calco e una copia autentica. Contributo indispensabile, in tal senso, quello di un parco musicisti piuttosto ampio che arricchisce il tessuto dei brani, coinvolgendo tra gli altri Garth Hudson della Band ma soprattutto Howe Gelb, Joe Burns e John Convertino: il disco è stato infatti registrato negli studi Wavelab di Tucson, quartier generale del desertico terzetto. Ottima raccolta di canzoni, “Fox Confessor Brings The Flood”, e forse sarebbe stata sufficiente questa affermazione. Ma a chi scrive di musica, proprio come a chi raccoglie storie per farne canzoni, si sa che piace divagare.

Recensione tratta dal Mucchio n.620 (marzo 2006)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...