Fox Confessor Brings The Flood
Anti/Self

Esiste da tempo una categoria, discutibile come tutte le categorie, utilizzata per identificare tutti quegli artisti che, partendo dall’indie rock, sulla via di Damasco riscoprono, in vari modi e tempi, le radici del folclore a stelle e strisce, e questa categoria ha un nome: alt-country. Ma c’è, e per una volta ringraziamo lo spirito classificatorio della critica, un insieme semantico più grande che lo include, e questo insieme è Americana. Parola semplice che evoca un mondo senza doversi addentrare in descrizioni particolareggiate, espressione indispensabile per identificare un disco come questo, che è una e molte cose insieme, che è classicissimo e imbevuto di colori gospel e western, e allo stesso modo è attraversato da chitarre deraglianti (“That Teenage Feeling”) e impolverato da una sporcizia di fondo che, opacizzando quanto basta le rifiniture, scongiura qualsiasi scivolone patinato. Gli episodi sono di ottima levatura: segnaliamo in particolare l’introduttiva “Margaret vs. Pauline”, con un piano che ne infittisce le trame senza però perdere di vista il filo della melodia, una “A Widow’s Toast” che fa venire in mente i Cowboy Junkies di “The Trinity Session”, una “Lion’s Jaws” che sfoggia una chitarra twanging da antologia. Neko Case conferma di essere la cantante carismatica che già animava i dischi precedenti (quelli a suo nome e quelli con i New Pornographers), mettendoci quel tocco di maturità in più che fa la differenza tra un bel calco e una copia autentica. Contributo indispensabile, in tal senso, quello di un parco musicisti piuttosto ampio che arricchisce il tessuto dei brani, coinvolgendo tra gli altri Garth Hudson della Band ma soprattutto Howe Gelb, Joe Burns e John Convertino: il disco è stato infatti registrato negli studi Wavelab di Tucson, quartier generale del desertico terzetto. Ottima raccolta di canzoni, “Fox Confessor Brings The Flood”, e forse sarebbe stata sufficiente questa affermazione. Ma a chi scrive di musica, proprio come a chi raccoglie storie per farne canzoni, si sa che piace divagare.

Recensione tratta dal Mucchio n.620 (marzo 2006)

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...