61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

Kobalt/Self
9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo tutto, sbarazzarsi di ogni sovrastruttura, togliere quel che resta in superficie. Eppure le ramificazioni del suo eccelso songwriting fanno ancora germogliare qualcosa di estremamente vitale, estremamente importante. Inutile girarci attorno: la morte nell’estate 2015 del figlio quindicenne Arthur, uno dei due gemelli avuti dalla moglie Susie Bick, ha scaraventato il musicista australiano in un pozzo di tormento ben diverso da quello riempito, decenni e decenni fa, da droghe ed eccessi assortiti.

Skeleton Tree, il sedicesimo album di studio in compagnia dei Bad Seeds, è stato in realtà composto prima della tragedia, ma non possiamo sapere quali dettagli, quali sfumature di esecuzione e interpretazione si siano flesse al lutto (e quali invece lo abbiano predetto).

You fell from the sky / Crash landed in a field / Near the river Adur”, pronuncia Re Inkiostro per rompere il ghiaccio nella prima traccia in scaletta, nonché la prima a essere stata presentata al pubblico: Jesus Alone, che si potrebbe anche leggere “Je suis alone”, è un’evocazione crepitante, che si collega al lavoro ambient rock con archi sviluppato al fianco del fondamentale Warren Ellis nel campo delle colonne sonore. È una preghiera di mistico laicismo: nella mente di Dio non siamo che ricordi sbiaditi, mentre aspettiamo il nostro turno, al buio. È una “Ghost song lodged in the throat of a mermaid”, riprendendo parte del suo testo. “With my voice / I am calling you”: una voce al solito profondissima, sempre più consapevole di se stessa in una delle canzoni più dolorosamente significative della sua carriera. Se David Bowie ha trasfigurato in impressionante tempo reale la sua medesima scomparsa, Cave trasfigura quella di una porzione del suo futuro, del suo scopo esistenziale.

Arriva un personaggio femminile nella successiva, splendida Rings Of Saturn, una sorta di hip hop cantautorale, a domandarsi “Are you still here?”. Aleggia, ovunque, la presenza della perdita. Aleggiano apparizioni da dimensioni sconosciute. Come Cave annota nel recente libro di appunti on the road The Sick Bag Song, “Sono un sistema nervoso che va avanti a rime e fantasmi”.

Otto brani, quaranta minuti di sermoni divenuti via via più moderni e spogli: spesso abbiamo soltanto il pianoforte, i synth già utilizzati nel precedente, affine Push The Sky Away e poco altro. Girl In Amber ricorda a livello di arrangiamento certe soluzioni adottate dagli ultimi Radiohead, A Moon Shaped Pool incluso con il ruolo di Jonny Greenwood non a caso maggiormente centrale. Da brividi, di nuovo, il cortocircuito lirico se si parla di telefoni che non squillano più e canzoni che nel frattempo girano dal 1984, anno di pubblicazione di From Her To Eternity, l’esordio sulla lunga distanza di Nick Cave & The Bad Seeds. Ma è il ritornello che si fa illuminante: “And if you want to bleed, just bleed”. Perché è il momento, semplicemente, di soffrire. Con il coraggio di farlo in pubblico, immolandosi a mettere sotto forma artistica qualsiasi esperienza (il rifiuto di farsi intervistare quale unica autodifesa).

L’ombrosa Magneto, dalle corde acustiche da manuale murder ballad, contiene il titolo della pellicola One More Time With Feeling, film-documentario di Andrew Dominik dedicato alla realizzazione del disco in questione con affondi sul piano personale e riflessioni sul rapporto sofferenza/creatività. Più ombrosa, e dissonante, è Anthrocene, che si interroga sulla storia dell’uomo e della natura, nella convinzione che “All the things we love, we lose”. I Need You è un’altra batosta pazzesca, che incede con passo imperiosamente elettronico: “Nothing really matters when the one you love is gone”.

Laddove Push The Sky Away irradiava luce, sin dalla copertina, Skeleton Tree emana una cupezza atavica. Ma i due pezzi conclusivi formano un dittico a parte, che lascia filtrare un’accettazione speranzosa. Distant Sky, in duetto filo-new age francamente non esaltante con la soprano Else Torp, è una doverosa cerimonia di piccole, celestiali visioni superiori. Nel semi-folk della title track parrebbe infine che le cose siano tornate al posto giusto, con la consapevolezza che “Nothing is for free”. Che un simile capolavoro non potesse dunque esistere senza le lacerazioni dal quale è fuoriuscito. Un capolavoro che si inserisce nel database emotivo di chi ascolta modificandone per sempre il sistema operativo.

Commenti

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...