10341581_678147822220805_8138234495048777802_n
Nicolas J. Roncea

Eight

Waves For The Masses
6.5

Primo di una trilogia composta da otto brani per album, Eight, appunto, racchiude ritagli acustici essenziali, evocativi e scarni, composti in massima parte dalla voce e dalla chitarra di Nicolas Joseph Roncea. Il lavoro precedente, Old Toys (2012), conquistò qualche classifica di fine anno ma in definitiva raccolse meno consensi di quello che avrebbe meritato. Roncea ci riprova oggi con il terzo disco da solista e il risultato, pur eguagliando in parte l’ottimo predecessore, rappresenta poco meno che una rarità nel panorama odierno, soprattutto per via di un’attitudine d’antan che al baccano predilige atmosfere raccolte e trasognate. Ispirandosi a Syd Barrett e Devendra Banhart il cantante piemontese, che ha origini francesi e scrive testi in inglese, strimpella la chitarra in maniera egregia abbinando doti tecniche di rilievo a una connaturata predilezione per la melodia. Doti che emergono limpide nell’incalzante Forever With Ghost, nel soft folk à la Clem Snide di December, nell’arpeggio compulsivo di He’s Wrong o nell’antelucana The Animal Were Gone che coverizza Damien Rice ammiccando a Leonard Cohen. In futuro per scongiurare il rischio monotonia andrà rivista la formula, magari innestandola con strumenti nuovi o avvalendosi di un produttore ad hoc. In attesa dei prossimi capitoli, risulta appagante perdersi in queste trame.

Commenti

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...